Il concerto degli U2 utilizza immagini straordinarie per aprire l’enorme sede dello Sphere a Las Vegas – Entertainment News

Il concerto degli U2 utilizza immagini straordinarie per aprire l’enorme sede dello Sphere a Las Vegas – Entertainment News

Jonathan Landrum Jr., Associated Press – | Storia: 449667

Sembrava un tipico concerto all’aperto degli U2: due elicotteri volavano nel cielo stellato prima di produrre riflettori sul deserto di Las Vegas, e il frontman della band, Bono, si inginocchiava a terra mentre cantava la hit del 2004 della band “Vertigo”.

Questa scena può sembrare familiare, ma le immagini sono state create attraverso una grafica dal pavimento al soffitto all’interno della sfera immersiva. È stato uno dei tanti momenti impressionanti durante lo spettacolo di lancio della residenza “UV Achtung Baby” degli U2 presso la sede high-tech a forma di globo, che ha aperto per la prima volta venerdì sera.

La leggendaria rock band, vincitrice di 22 Grammy Awards, si è esibita per due ore all’interno di un’enorme e moderna sala sferica dal suono cristallino. Per tutta la notte, c’erano una miriade di immagini accattivanti, tra cui immagini di un caleidoscopio, una bandiera in fiamme e lo skyline di Las Vegas, che hanno coinvolto oltre 18.000 partecipanti nell’epico viaggio musicale degli U2.

“Che cuscino lussuoso”, ha detto Bono, che era accompagnato sul palco dai chitarristi The Edge e Adam Clayton insieme al batterista Bram van den Berg. Poi fissò lo schermo LED ad alta risoluzione che mostrava una versione più grande di se stesso con alcune mani e campanelli.

Bono ha poi reso omaggio al defunto Elvis Presley, che era un punto fermo degli artisti di Las Vegas. La band ha fatto vibrare la città dal 1987, quando hanno girato il video musicale della canzone “I Still Haven’t Found What I’m Looking For” su nastro durante un tour nel 1987.

READ  Michael J. Fox ha quasi perso un dito, una spalla fratturata e un gomito a causa del morbo di Parkinson

“Guarda tutta questa roba. Elvis sicuramente non ha lasciato questo edificio”, ha aggiunto. “È la chiesa di Elvis”. È la cattedrale di Elvis. Stasera, entrare in questa cattedrale è la parola d’ordine: flirtare”.

Gli U2 hanno fatto sentire la loro presenza alla Sfera da 2,3 miliardi di dollari, che è alta 111 metri (366 piedi) e larga 157 metri (516 piedi). Alimentato da immagini straordinarie, i 25 spettacoli della band si sono aperti con una serie di successi tra cui “Mysterious Ways”, “Zoo Station”, “All I Want is You”, “Desire” e il nuovo singolo “Atomic City”. “

In diverse occasioni, i membri della band degli U2 erano così grandi sullo schermo che sembrava come se Bono stesse cantando intimamente per il pubblico da un lato mentre The Edge suonava la sua chitarra per gli altri.

Tra il pubblico c’erano molti artisti e atleti: Oprah, LeBron James, Matt Damon, Andre Agassi, Ava DuVernay, Josh Duhamel, Jason Bateman, Jon Hamm, Bryan Cranston, Aaron Paul, Oscar De La Hoya, Henrik Lundqvist, Flava Flav, Diplo, Dakota Fanning, Orlando Bloom e Mario Lopez.

Dopo la conclusione della jam “Love Me Do” dei Beatles, Bono ha riconosciuto Paul McCartney, che era presente, dicendo “Maka è in casa stasera”. Ha riconosciuto gli sforzi del proprietario di Sphere, James Dolan, nel gestire una sede che spinge avanti il ​​panorama dell’audio dei concerti dal vivo con 160.000 altoparlanti di alta qualità e 260 milioni di pixel video.

The Sphere nasce da un’idea di Dolan, amministratore delegato del Madison Square Garden e proprietario dei New York Knicks e dei Rangers. Ha realizzato il primo schizzo del luogo su un foglio di quaderno.

READ  Scorsese ha alcune lamentele riguardo al cinema

“Penso che Sphere possa essere nato grazie al tentativo di Jim Dolan di risolvere il problema che i Beatles iniziarono quando suonarono allo Shea Stadium”, ha detto. “Nessuno poteva sentirvi. Non potevate sentire voi stessi. Bene, il campo è qui. … Riesci a sentirci?”

Bono ha indicato il pubblico e ha gridato a gran voce Dr. Dre, Snoop Dogg e Jimmy Iovine, che hanno preso parte anche loro allo straordinario spettacolo della band. Ad un certo punto, Bono si è emozionato quando ha dedicato una canzone alla famiglia del defunto Jimmy Buffett, che era presente anche lui alla cerimonia.

Successivamente, Bono ha parlato di esibirsi sul palco per la prima volta senza il batterista Larry Mullen Jr. Chi si sta riprendendo da un intervento chirurgico alla schiena. Ha riconosciuto il compleanno del batterista olandese Braam van den Berg e ha sostituito Molen.

“Vorrei presentarvi l’unico uomo che può stare in piedi e sedersi nei suoi panni”, ha detto Bono, che si è avvicinato a Berg mentre alcuni cominciavano a cantare “Happy Birthday”. Ha consegnato il microfono a Berg, che ha detto alcune parole.

“Non dovrebbero esserci errori, c’è solo un Larry Mullen Jr.”, ha detto Berg.

Quando gli U2 finirono il loro spettacolo, una luce brillante brillò dal soffitto e l’enorme schermo cominciò a riempirsi di immagini di uccelli, insetti e rettili sopra il lago. La band ha chiuso il suo primo concerto allo Sphere con la canzone “Beautiful Day”, che ha vinto tre Grammy Awards nel 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *