L'opposizione taiwanese sta causando grattacapi a William Lai e al governo di minoranza del Partito Democratico Progressista

L'opposizione taiwanese sta causando grattacapi a William Lai e al governo di minoranza del Partito Democratico Progressista

Il pacchetto legislativo introdotto dall'opposizione avvicina il parlamento di Taiwan a svolgere un ruolo di supervisione simile a quello del Congresso degli Stati Uniti, con misure che includono l'espansione dei poteri investigativi concessi ai legislatori.

Le nuove leggi rendono il “disprezzo del potere legislativo” un crimine, con una pena massima di 200.000 dollari taiwanesi (6.170 dollari americani).

Ciò criminalizzerebbe i funzionari pubblici e i dipendenti pubblici che rilasciano false dichiarazioni durante le udienze o quando vengono interrogati dai legislatori su questioni importanti di cui sono a conoscenza.

Il legislatore ha inoltre ricevuto il potere di richiedere informazioni e documenti rilevanti ad enti governativi, forze armate, persone giuridiche, associazioni o altri individui rilevanti. La non conformità, le risposte tardive o l'occultamento intenzionale di informazioni rilevanti possono comportare sanzioni fino a 100.000 NT$ (3.000 USD).

La nuova legislazione prevede che il presidente tenga un discorso annuale sullo stato dell’isola prima del 1° marzo e risponda alle domande dei legislatori. La legge prevede inoltre che le nomine alle posizioni chiave del governo avvengano tramite votazione palese.

Ogni fase dell'approvazione del disegno di legge è stata segnata da proteste del DPP dentro e fuori la legislatura. I rappresentanti del partito hanno descritto il pacchetto come un “abuso di potere” e una “grave violazione della costituzione”.

Migliaia di sostenitori del DPP si sono manifestati martedì fuori dalla legislatura, condannando i legislatori dell'opposizione per aver approvato la legislazione e accusandoli di una “operazione scatola nera” senza un esame approfondito delle leggi.

I sostenitori del Partito democratico progressista al governo di Taiwan tengono in mano un palloncino con la scritta “Interferenza anti-cinese nella politica” durante una manifestazione davanti al Consiglio legislativo dopo l'approvazione delle leggi di riforma martedì. Foto: Agenzia France-Presse

I manifestanti hanno accusato l'opposizione di agire in base alle direttive della Cina continentale per minare la democrazia a Taiwan e rimproverare il governo di Lai.

“Non dobbiamo permettere ai comunisti cinesi di manipolare il nostro parlamento per indebolire Taiwan”, ha detto durante la protesta Robert Cao Hsing-cheng, ex fondatore del produttore di chip United Microelectronics Corporation.

Cao ha affermato che il leader del KMT Fu Kun-chi ha presentato i progetti di legge su istruzioni delle autorità del continente, citando la sua visita a Pechino in aprile dove lui e i membri della sua delegazione hanno incontrato Wang Huning, capo del massimo organo consultivo politico del continente.

Secondo Cao, “l’abuso delle bollette elettriche” ha lo scopo di tenere a freno Lai “e guidare il suo governo”.

Pechino ha descritto Lai come un “separatista testardo” e ha avvertito che la sua leadership potrebbe portare a un conflitto a Taiwan, che si è impegnata a portare sotto il controllo della terraferma, con la forza, se necessario.

Il discorso inaugurale di Lai ha suscitato una risposta rabbiosa da parte di Pechino, che lo ha visto pieno di sentimenti indipendentisti – una linea rossa che secondo i leader del continente non dovrebbe essere oltrepassata.

READ  Un enorme incendio si diffonde in tutto l'Oregon, ma la posizione remota limita la portata del danno

La maggior parte dei paesi, compresi gli Stati Uniti, principale fornitore di armi di Taiwan, non riconoscono l'isola come stato indipendente, ma Washington si oppone fermamente a qualsiasi tentativo di impossessarsene con la forza.

Venerdì i parlamentari del Kuomintang schivano i sacchi della spazzatura lanciati loro dai deputati del Partito Democratico Progressista all'interno della legislatura di Taiwan, mentre aumentano le tensioni su un pacchetto di progetti di riforma presentati dall'opposizione. Foto: EPA

In una dichiarazione rilasciata mercoledì, il KMT ha sottolineato che la riforma legislativa è “una questione al 100% degli affari interni di Taiwan” e mira a sostenere il processo democratico di controlli ed equilibri tra il potere esecutivo e quello legislativo.

La dichiarazione sottolinea che il Partito Democratico Progressista ha chiesto riforme mentre era all'opposizione.

Ha inoltre sottolineato che il processo di audit “è stato accompagnato da una procedura completa e legale per l’esame del progetto di legge”. [which] Fornisce un processo legale garantito e un sistema di ricorso giudiziario nell’interesse delle persone”.

Il portavoce del Kuomintang Yang Zhiyu ha affermato che le accuse secondo cui la riforma “favorisce il Partito comunista cinese, limita il potere del presidente e dell'esecutivo a vantaggio della Cina continentale… sono ridicole”.

Giovedì, Cho Jong-tae – il primo ministro scelto da Lai, il cui ruolo comprende la nomina e la guida di un governo che implementi le politiche del leader e proponga leggi – ha confermato l’intenzione del governo di restituire i progetti di legge al parlamento per un riesame.

Il caucus del Partito Democratico Progressista ha affermato che cercherà una sentenza dei massimi giudici della Corte Costituzionale di Taiwan sull'eventuale violazione delle leggi sulla costituzione, che non autorizza il leader dell'esecutivo a rivolgersi al legislatore o rispondere a domande.

Il Partito Democratico Progressista afferma che, secondo la costituzione dell'isola, l'autorità di indagare sul governo e sui funzionari non spetta al Consiglio legislativo, ma a Control Yuan, il più alto difensore civico di Taiwan che ha poteri di responsabilità, censura e controllo.

Zhou Jong-tae (a destra) arriva venerdì al Consiglio legislativo di Taiwan per pronunciare il suo primo discorso politico. Foto: Agenzia France-Presse

Gli analisti hanno avvertito che l'approvazione delle leggi ha causato una spaccatura nel Consiglio Legislativo, che non solo ostacolerà i processi parlamentari ma ostacolerà anche i progressi sulle revisioni del bilancio del governo e sulle iniziative legislative volute dall'amministrazione Lai.

Huang Hui-hua, ricercatore senior presso il think tank Taiwan International Strategic Studies Association a Taipei, ha osservato che il ministro degli Esteri Lin Chia-lung è stato uno dei legislatori del DPP che ha proposto riforme simili nel 2012, quando il suo partito era all’opposizione.

Secondo lei sarebbe una “sfida” per il DPP giustificare la sua opposizione ai progetti di riforma, soprattutto considerando che in precedenza ha chiesto riforme simili.

“Poiché nessun partito politico ha la maggioranza assoluta, una spaccatura nella legislatura è inevitabile”.

READ  L'Agenzia delle Nazioni Unite per l'alimentazione mette in guardia contro un "ciclo di morte" per gli affamati nel mondo mentre i governi tagliano gli aiuti - World News

Huang si aspetta che di tanto in tanto sorgano conflitti su alcuni progetti di legge che l’amministrazione Lai cerca di approvare o respingere, a differenza di quando il Partito Democratico Progressista aveva la maggioranza e poteva facilmente approvare la legislazione.

03:11

La Cina continentale lancia il blocco del PLA attorno a Taiwan, 3 giorni dopo il discorso di William Lai

La Cina continentale lancia il blocco del PLA attorno a Taiwan, 3 giorni dopo il discorso di William Lai

James Yifan Chen, professore di diplomazia e relazioni internazionali all’Università Tamkang di Nuova Taipei, ha affermato che Lai e il DPP devono imparare a rispettare e scendere a compromessi con l’opposizione per garantire il buon funzionamento del governo.

“L’approvazione dei progetti di legge di riforma del potere legislativo con l’alleanza KMT-TPP nello Yuan legislativo significa che questo parlamento appena eletto riflette la richiesta popolare di maggiori controlli contro il potere esecutivo”.

Lai, che ha ricevuto solo il 40,5% dei voti nelle elezioni presidenziali dello scorso gennaio, ha affermato che Lai – che è anche a capo del Partito Democratico Progressista – e il suo partito dovrebbero “rispettare reciprocamente l'opinione prevalente”.

Chen ha osservato che il governo potrebbe porre il veto sui progetti di legge rinviandoli al parlamento per un riesame, ma ha detto che tale misura sarebbe inefficace a causa della posizione minoritaria del DPP.

Ha aggiunto che se Chu scegliesse di porre il veto sulle leggi, “i legislatori potrebbero votare per annullare il veto con una maggioranza semplice, che l'opposizione ha abbastanza voti per garantire”. Se la richiesta di veto verrà revocata, Cho – in carica da soli 10 giorni – sarà costretto a conformarsi o a dimettersi, in linea con le regole.

“L’unico modo che l’amministrazione Lai ha per evitare i disegni di legge è chiedere un’interpretazione alla Corte Costituzionale, se ciò è possibile [they] “È incostituzionale o no”, ha detto Chen, ma ha avvertito che qualsiasi mossa del genere avrebbe un “impatto negativo sulle relazioni tra il potere esecutivo e quello legislativo”.

Gli analisti hanno respinto come inverosimili le affermazioni secondo cui i progetti di riforma fanno parte del piano di Pechino per distruggere il Consiglio legislativo e indebolire l'amministrazione Lai.

“Questi progetti di legge imparano per lo più – e addirittura copiano – dal Congresso degli Stati Uniti, a meno che il Congresso degli Stati Uniti non faciliti anche un maggiore controllo cinese, un’accusa del genere è assurda e manca di una reale comprensione del contesto di questi progetti di legge”, ha affermato Chen.

Svolgendo bene i propri compiti, ha aggiunto, “il KMT e il Partenariato Trans-Pacifico dimostreranno agli elettori taiwanesi che usano sempre la Cina come scusa”.

READ  Israele demolisce la Torre Palestinese durante i bombardamenti mortali su Gaza | Notizia

Secondo Huang, l'attenzione si è spostata dalla discussione dei progetti di riforma. “Il caso risiede nei problemi procedurali e nei difetti etici del presidente del comitato legislativo del KMT e del presidente del comitato legislativo Huang Kuo-chang, che hanno lasciato il pubblico insoddisfatto”, ha detto.

Precedentemente considerato un alleato del DPP, Hwang ha lasciato il partito indipendentista New Power Party, da lui guidato, per aderire al Partenariato Trans-Pacifico, cosa che ha spinto i sostenitori disamorati del DPP a criticarlo durante le loro recenti proteste.

“Le proteste evidenziano anche la profonda sfiducia dei sostenitori nei confronti del KMT. Qualsiasi cosa relativa al KMT, giusta o sbagliata, susciterà la loro rabbia”, ha detto Huang.

Ha anche sottolineato l'effetto cumulativo della visita di aprile a Pechino del leader del Kuomintang Fu e delle esercitazioni militari dell'Esercito popolare di liberazione – in risposta al discorso inaugurale di Lai – che hanno imitato il blocco dell'isola e lo stallo legislativo.

“[These] “Tutti aggiungono il fattore Cina al mix”, ha detto Huang.

A complicare ulteriormente il problema di Lai con la legislatura, le accuse secondo cui il Partito Democratico Progressista avrebbe spiato i manifestanti utilizzando i dati del segnale del telefono cellulare si sono aggiunte alla tempesta politica di fronte al governo.

Martedì, in un talk show politico, il direttore politico del DPP Wang Yiquan ha rivelato di essere stato in grado di distinguere tra le tendenze politiche e l’età delle persone presenti alle recenti proteste di fronte al parlamento, attraverso questi dati.

Wang ha detto di poter anche paragonare le persone tra la folla a quelle che erano presenti a un comizio alla vigilia delle elezioni a gennaio e a quelle che hanno partecipato a un evento del partenariato transpacifico il 19 maggio. Le sue dichiarazioni hanno suscitato proteste pubbliche e richieste di responsabilità.

“L’incidente ha portato un’altra tempesta politica al governo di Lai, che deve chiarire se è successo o meno”, ha detto Ho Chieh-yung, professore di educazione generale presso l’Università Nazionale Tsing Hua di Hsinchu, a sud di Taipei.

“Ciò che è ancora più imbarazzante è che il DPP ha costantemente criticato le autorità del continente per aver ignorato la privacy pubblica spiando apertamente la propria gente”.

Hu ha affermato che l'incidente è servito come giustificazione per l'approvazione di progetti di riforma volti a rafforzare il controllo del governo, consentendo ai legislatori di interrogare i funzionari e valutare le informazioni sui presunti scandali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *