Germania e Italia ritirano truppe dall’Afghanistan | La voce dell’America

ISLAMABAD – La Germania e l’Italia hanno ritirato i loro ultimi soldati rimasti dall’Afghanistan, ponendo fine a quasi due decenni di dispiegamento nel paese devastato dalla guerra al fianco degli Stati Uniti e delle altre forze della coalizione.

Gli Stati Uniti e la NATO stanno pianificando di ritirare completamente i loro eserciti dal paese dell’Asia meridionale entro l’11 settembre, in linea con gli ordini del presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Il processo di ritiro è iniziato ufficialmente il 1° maggio.

La Germania ha annunciato il suo ritiro militare senza molto clamore poco dopo che gli ultimi 250 soldati tedeschi sono stati trasferiti martedì notte fuori dalla loro base nel nord dell’Afghanistan.

“Dopo quasi 20 anni di dispiegamento, gli ultimi soldati dell’esercito tedesco hanno lasciato l’Afghanistan questa sera”, ha dichiarato su Twitter il ministro della Difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer.

“Stanno tornando a casa. Si è concluso un capitolo storico, un intenso dispiegamento che ha sfidato e plasmato l’esercito tedesco, come l’esercito tedesco si è dimostrato in combattimento”.

Il ministro ha ringraziato i 150.000 uomini e donne tedeschi che hanno preso parte alla missione in Afghanistan dal 2001, dicendo che possono essere orgogliosi dei loro risultati.

La Germania ha perso 59 soldati, 39 dei quali in battaglie o attacchi dei ribelli, durante il loro servizio, secondo l’esercito tedesco. “Non sarà dimenticato”, ha detto il ministro della Difesa tedesco, rendendo omaggio ai morti e ai feriti in servizio in Afghanistan.

La Germania aveva ancora circa 1.100 soldati nel paese quando Biden annunciò i suoi piani di ritiro a metà aprile. Facevano parte di una missione militare non militare guidata dalla NATO incaricata di addestrare, consigliare e assistere i soldati afgani che combattevano l’insurrezione talebana.

READ  Il Kazakistan schiaccia l'Italia e riscrive la storia

Un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale afghano ha affermato che mentre i paesi della NATO stanno terminando le loro missioni militari, ciò non significa che finiranno anche le relazioni bilaterali tra i due paesi.

Un soldato dell’esercito nazionale afghano cammina all’interno della base militare italiana Camp Arena dopo che le truppe italiane hanno lasciato il campo nel distretto di Gozara, nella provincia di Herat, il 30 giugno 2021.

L’Afghanistan mantiene strette relazioni e cooperazione con la Germania. “Hanno condotto un ampio addestramento per le nostre forze di polizia e questa cooperazione continuerà”, ha detto Rahmatullah Andar in una dichiarazione video.

L’Italia ha dichiarato mercoledì che anche la sua missione militare in Afghanistan è terminata dopo che decine di soldati italiani rimasti si sono riversati fuori dal Paese.

L’annuncio è arrivato dopo che le forze italiane sono atterrate all’aeroporto internazionale di Pisa dalla città afghana occidentale di Herat, che è adiacente al confine iraniano.

I funzionari hanno detto che 50.000 soldati italiani hanno prestato servizio in Afghanistan negli ultimi 20 anni, 53 dei quali sono morti mentre erano in servizio mentre 723 sono rimasti feriti.

L’alto rappresentante civile della NATO in Afghanistan, Stefano Pontecorvo, ha rassicurato gli afgani sul continuo impegno dell’alleanza mentre si completa il ritiro delle forze militari.

“Insieme, stiamo entrando in una nuova fase del nostro rapporto”, ha detto Pontecorvo in un videomessaggio lanciato dal suo ufficiale. “L’esercito potrebbe andarsene, ma io e il mio ufficio civile resteremo e ci impegniamo a sostenere le forze di sicurezza afghane assistenza finanziaria e attraverso la formazione”.

I combattimenti si sono intensificati in tutto l’Afghanistan da quando le forze internazionali guidate dagli Stati Uniti hanno iniziato ad andarsene. Gli insorti talebani affermano di aver catturato più di 100 distretti dei 419 distretti del Paese negli ultimi due mesi.

Commando afghani in un luogo di battaglia mentre si scontrano con gli insorti talebani nella provincia di Kunduz, Afghanistan, 22 giugno 2021.

Un portavoce della missione NATO Resolute Support ha detto all’AFP che il ritiro delle loro forze sta procedendo “in modo ordinato e coordinato”.

L’avanzata dei talebani ha sollevato preoccupazioni sul fatto che mirano a riconquistare l’Afghanistan con la forza una volta che tutte le forze internazionali saranno fuori dal paese.

La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti ha invaso l’Afghanistan nell’ottobre 2001, pochi giorni dopo gli attacchi terroristici alle città statunitensi che hanno ucciso quasi 3.000 persone.

L’invasione militare ha estromesso il movimento talebano islamista dal potere per aver ospitato il leader di al-Qaeda Osama bin Laden ei suoi associati, che secondo gli Stati Uniti hanno pianificato il massacro. I talebani hanno poi lanciato un’insurrezione mortale contro le forze afghane e straniere. Attualmente controllano o sono in feroce concorrenza per quasi la metà del territorio afghano.

Uomini armati anti-talebani in rivolta sorvegliano il loro posto di blocco, nel distretto di Ghorband, provincia di Parwan, Afghanistan, 29 giugno 2021.

Il ritiro dei militari stranieri deriva dall’accordo del febbraio 2020 in cui Washington ha negoziato con i talebani per porre fine alla guerra più lunga della storia degli Stati Uniti. In cambio, gli insorti hanno fermato gli attacchi alle forze internazionali e hanno promesso di impedire ai terroristi di utilizzare il suolo afghano per lanciare attacchi esterni.

I talebani hanno anche avviato i colloqui di pace in Qatar lo scorso settembre con i rappresentanti del governo afghano sostenuto dagli Stati Uniti. Ma da allora il dialogo si è bloccato senza che siano stati compiuti progressi tangibili e il processo non ha migliorato le ostilità tra i due nemici afghani.

Il comandante delle forze straniere statunitensi in Afghanistan ha dichiarato, martedì, di essere profondamente preoccupato per il deterioramento della situazione della sicurezza.

Il generale Austin Scott Miller, che sta supervisionando l’uscita delle truppe, ha detto ai giornalisti nella capitale afgana, Kabul, che la situazione generale della sicurezza “non era buona”, affermando che i recenti guadagni territoriali degli insorti erano preoccupanti.

Il Costs of War Project della Brown University ha stimato nell’aprile di quest’anno che la guerra di due decenni in Afghanistan ha ucciso 241.000 persone, inclusi più di 2.400 soldati americani, e fino ad oggi è costata agli Stati Uniti 2.26 trilioni di dollari.

In questo rapporto sono state utilizzate alcune informazioni dell’Agence France-Presse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *