Home / Politica / Lo smantellamento degli uffici pubblici in Molise. La mazzata

Lo smantellamento degli uffici pubblici in Molise. La mazzata

I grandi gruppi come Poste Italiane, Trenitalia, Rete Ferroviaria Italiana e adesso Anas, proseguono nella loro politica di tagli indiscriminati di sedi periferiche, anche se regionali, abbandonando territori come il Molise e il Sud dove, inoltre, sono sempre meno anche gli investimenti messi in campo per migliorare o potenziare i servizi  rispetto al resto d’Italia. Il caso del compartimento Anas aggregato all’Abruzzo è solo l’ultimo a comparire. Nel passato, hanno dismesso le loro sedi l’Enel, la Telecom e, poi, le Poste al pari delle sigle del comparto delle Ferrovie. Un venire meno della presenza di gruppi statali o semi privati che ha finito con lo svuotare il contenitore di istituzioni sul territorio e, anche, la possibilità di occupazione. Oltre mille possibilità occupazionali in meno si registrano in questi comparti che, pure, beneficiano di investimenti pubblici e che avrebbero dovuto, in ogni caso, garantire una presenza vera sul territorio molisano. Al contrario, hanno preferito dismettere le sedi periferiche e quello che maggiormente pesa di più ridurre all’osso gli investimenti e azzerare le potenzialità  occupazionali. Così si ha difficoltà per la posa in opera della fibra ottica, di nuove centrali elettriche e per gli stessi investimenti nelle ferrovie si è dovuto fare ricorso ai fondi di sviluppo e coesione propri del Molise. L’assenza, così di sedi e compartimenti sul territorio ha reso impossibili riparti finanziari specifici e destinati al territorio molisano. E l’impossibilità, non da ultimo, di assunzioni in loco. Al pari delle progettazioni. In questo si racchiude la vera mazzata.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Spesa farmaceutica, al Molise 4 milioni di euro per ripianare il passato

Al Molise 4 milioni e 330 mila euro per ripianare la spesa farmaceutica. Finalmente arriva …

Un Commento

  1. Il tutto in un assordante silenzio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *