L’Italia informa la Cina che rescinderà l’accordo Belt and Road, eliminando la partecipazione al G7

L’Italia informa la Cina che rescinderà l’accordo Belt and Road, eliminando la partecipazione al G7

Un uomo scatta una foto di un cartello che promuove il Belt and Road Forum a Pechino, in questa foto d’archivio il 22 aprile 2019. AFP-Yonhap

L’Italia ha ufficialmente informato il governo cinese di aver deciso di porre fine alla sua adesione alla Belt and Road Initiative, lasciando il principale progetto infrastrutturale cinese senza alcun membro del G7.

Tre giorni fa è stata consegnata a Pechino una nota diplomatica a nome del premier Giorgia Meloni, nella quale si chiariva che Roma non rinnoverà il memorandum d’impegno.

Il memorandum del 2019 che consente la partecipazione dell’Italia alla Belt and Road Initiative scade nel marzo 2024 e se Roma non fornirà un avvertimento scritto della decisione di recedere tre mesi prima della data prevista, verrà automaticamente rinnovato per altri cinque anni.

A riportare la notizia è stato il quotidiano italiano Corriere della Sera, seguito poi da diversi media occidentali, in cui si afferma che l’Italia vuole “mantenere un’amicizia strategica con la Cina”.

Il ministro degli Esteri Antonio Tajani è apparso per confermare la notizia mercoledì in un evento a Roma, ha riferito Bloomberg. Tajani ha affermato che la partecipazione dell’Italia “non ha prodotto i risultati desiderati” e non è più una “priorità”, aggiungendo che i paesi non partecipanti hanno ottenuto “risultati migliori” dell’Italia.

L’uscita è stata oggetto di grandi speculazioni negli ultimi mesi. La leader di estrema destra Meloni si era impegnata a ritirarsi dall’iniziativa durante la sua campagna elettorale, descrivendo la decisione di partecipare come un “errore”, ma ha cercato di affrontare la partenza con cautela per paura di ritorsioni da parte di Pechino.

READ  L'American Heritage Brand Seafarer viene rilanciato dall'azienda italiana - WWD

L’Italia è stato uno dei 148 paesi che hanno firmato un memorandum d’intesa riguardante la sua partecipazione al programma infrastrutturale, che è stata una delle iniziative firmate dal presidente cinese Xi Jinping.

Tuttavia, è stato l’unico paese del G7 economicamente avanzato a firmare l’accordo, e la partecipazione di Roma è stata a lungo motivo di contesa con gli alleati occidentali, in particolare gli Stati Uniti.

Più della metà dei membri dell’UE fanno ancora parte della BRI: Austria, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Estonia, Grecia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia e Italia. Slovenia.

L’interesse è diminuito negli ultimi anni poiché le relazioni tra l’Unione Europea e la Cina si sono inasprite. Viktor Orban è stato l’unico capo di stato di uno Stato membro dell’UE a partecipare quest’anno al recente Belt and Road Forum di Pechino, sebbene alcuni altri membri abbiano inviato delegazioni di livello inferiore.

La notizia dell’uscita dell’Italia arriva alla vigilia di un vertice ad alto rischio a Pechino. I presidenti del Consiglio europeo e della Commissione Charles Michel e Ursula von der Leyen, insieme al capo diplomatico del blocco Josep Borrell, incontreranno giovedì Xi e il premier Li Qiang per colloqui su questioni spinose che vanno dalle lamentele commerciali alle relazioni della Cina con la Russia.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni, a destra, e la presidente del Parlamento europeo Roberta Mizzola si incontrano a Palazzo Chigi, a Roma, il 6 dicembre. Reuters-Yonhap

Von der Leyen, in particolare, è stata una critica aperta alla Belt and Road Initiative e ha guidato il lancio del Global Gateway, istituito a Bruxelles come alternativa europea. In un discorso ormai famoso sulla Cina a marzo, il tedesco ha utilizzato l’iniziativa come esempio delle ambizioni globali di Pechino.

READ  Matthew Daddario e Abigail Breslin sono i protagonisti della commedia gastronomica di Michelle Danner - Deadline

“L’obiettivo chiaro del Partito Comunista Cinese è quello di realizzare un cambiamento sistemico nell’ordine internazionale con la Cina al centro… Lo abbiamo visto attraverso la Belt and Road Initiative, nuove banche internazionali o altre istituzioni guidate dalla Cina create per contestare l’ordine internazionale esistente”. Sistema”, ha detto.

Tuttavia, i diplomatici cinesi hanno spesso ventilato l’idea di progetti di cooperazione tra i due programmi. La risposta ufficiale dell’UE è stata che il portale globale è aperto a qualsiasi partner in grado di soddisfare criteri quali trasparenza, diritti umani e sostenibilità.

“Non vedo molto spazio per la cooperazione tra la Belt and Road Initiative e il Global Gateway. Non credo che sia questa l’intenzione”, ha detto un alto funzionario dell’UE prima del vertice.

“Non vedo alcuna sovrapposizione in termini di ciò che sta facendo il più grande portale globale, in parte perché abbiamo una mentalità molto diversa riguardo a questi progetti, in termini di trasparenza e di non far cadere i paesi nella trappola del debito”, ha detto il funzionario.

Leggi tutto storia Nell’SCMP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *