La comunità tibetana in Italia organizza una protesta contro le atrocità cinesi in Tibet



Ani |
aggiornato:
11 marzo 2022 11:55 IST

Milano [Italy]11 marzo (ANI): un gran numero di tibetani a Milano, in Italia, ha organizzato una manifestazione davanti al Consolato Generale cinese per celebrare il giorno della rivolta tibetana il 10 marzo.
Claudio Cardelli, Presidente della Società Tibetana Italiana, e Tzetin Longoni, Presidente della Società Tibetana in Italia, hanno guidato la manifestazione, alla quale hanno partecipato circa 50 persone. Hanno scandito slogan anti-cinesi e hanno evidenziato l’incidente dell’auto-immolazione del tibetano Norbu a Lhasa.
I manifestanti hanno condannato l’occupazione illegale del Tibet da parte della Cina negli ultimi sei decenni e hanno sollevato la questione della scomparsa forzata dei tibetani, compreso il Panchen Lama.
Hanno detto che i tibetani hanno il diritto di accettare il prossimo Dalai Lama e non accetteranno mai le “bambole cinesi”.


Hanno chiesto la liberazione del Tibet e hanno chiesto l’intervento urgente delle Nazioni Unite, del Parlamento europeo e del Parlamento italiano.
Luciano Nobili, membro del Parlamento (Italia Viva) e capo del Gruppo interparlamentare sul Tibet al Parlamento italiano ha espresso solidarietà ai tibetani e credeva che un giorno i tibetani avrebbero riguadagnato i loro diritti.
Il 10 marzo è un giorno molto importante per i tibetani di tutto il mondo. Fu in questo giorno del 1959 quando i tibetani si ribellarono contro l’occupazione forzata della loro madrepatria da parte del Partito Comunista Cinese.
La rivolta tibetana iniziò nel 1959 come atto spontaneo di proteste pacifiche anti-cinesi nella capitale, Lhasa, che in seguito divenne violenta durante la quale migliaia di tibetani furono uccisi dagli invadenti soldati dell’EPL. (Ani)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.