Metaverso: cosa aspettarsi dall’universo parallelo virtuale

 

In ogni decennio c’è un’innovazione che rivoluziona in qualche modo la quotidianità. Pensiamo ad esempio all’introduzione dei cellulari, poi all’arrivo del touchscreen, e ancora ai social network come Facebook e ai sistemi di messaggistica istantanea come Whatsapp.

Ebbene, la prossima innovazione che porterà una vera e propria rivoluzione nelle vite di ognuno di noi potrebbe proprio essere il Metaverso, per questo molte aziende e investitori vi tengono i riflettori puntati incentivandone lo sviluppo con numerosi investimenti.

Il cosiddetto vantaggio della prima mossa infatti è fondamentale per quelle realtà che vogliono imporsi come leader, accaparrandosi la fetta più grande del mercato prima di altri competitor. Certamente una scelta simile non è priva di rischi e saranno tante le aziende che si scontreranno con un flop, ma di fatto il trend del Metaverso è troppo accattivante, con il suo enorme potenziale di sviluppo, da poter essere ignorato. Insomma, nello scenario del marketing digitale del futuro, le aziende che per prime saranno riuscite a destreggiarsi nel Metaverso godranno di un enorme vantaggio competitivo rispetto alle altre.

Se da una parte il mercato sembra già aver capito bene cosa sia il Metaverso, tanto da fare grossi investimenti su di esso e vederne chiaramente le enormi potenzialità, la maggior parte delle persone tuttavia resta ancora parecchio confusa sul suo ruolo nel presente.

Cos’è oggi il Metaverso?

Difficile da definire, il Metaverso resta oggi una realtà relegata al mondo videoludico, in particolare in quel comparto caratterizzato dai giochi 3D.

Forte di tecnologie come VR e Realtà Aumentata, il Metaverso sembra guadagnare il favore dei settori più disparati: dalla moda all’intrattenimento, marchi come Gucci, Nike e Disney hanno strizzato l’occhio al nuovo futuro gigante che promette la creazione di un vero e proprio universo parallelo virtuale.

READ  La costruzione di "Elden Ring" di Elon Musk è irrilevante quanto il suo account Twitter

Questa nuova realtà infatti nel futuro concilierà la vita reale di ognuno di noi con il mondo digitale, impattando sulla quotidianità, nel modo in cui le persone giocano, imparano, socializzano tra loro e lavorano. In verità nel settore lavoro già si notano dei grossi cambiamenti: ancor prima che il gigante Facebook Inc. cambiasse nome in Meta, le nuove assunzioni per posizioni circa il Metaverso erano aumentate di ben il 400% e si stima che nei prossimi sette anni il mercato di questo universo parallelo tenderà a crescere di oltre il 40%.

Metaverso e gaming: connubio perfetto

Certamente il comparto che per ora sta riscuotendo più successo è quello del gaming. I gamer di nuova generazione infatti desiderano esperienze nuove, adrenaliniche, realistiche e interattive.

In questo senso, il Metaverso è letteralmente pane per i loro denti perché garantisce proprio tutte queste caratteristiche. Sostituendo la statica realtà di gioco bidimensionale in un’esperienza in 3D il giocatore può allo stesso tempo interagire nella piattaforma digitale con utenti provenienti da tutto il mondo, scambiarsi risorse di gioco, e perfino provare la sensazione del tatto, sfruttando particolari giacche e guanti appositamente realizzati per lo scopo.

Proprio come un vero e proprio mondo parallelo, gli oggetti di gioco all’interno del Metaverso hanno valore reale: ciò significa che i giocatori potranno guadagnare effettivamente soldi veri vendendo le proprie risorse virtuali tramite NFT.

Le tipologie di gioco a cui è possibile dedicarsi nel Metaverso sono pressoché infinite. Trova comunque un maggior terreno fertile il settore del gambling, dove i gamer possono sfidarsi a giochi come ad esempio Omaha Hi Poker, BlackJack e tanti altri, tipici dei casinò.

READ  È stato rivelato un trailer di Kyo Kusanagi per King of Fighters 15

I giocatori inoltre possono personalizzare a tutto tondo i propri avatar, che vivono nel Metaverso così come i loro proprietari fanno nel mondo reale.

La caratteristica vincente del Metaverso che attrae tanto i giocatori quanto le varie case di gaming è che il principio sul quale si basano i giochi è il “play-to-earn”: giocando i player possono ottenere oggetti che è possibile rivendere, guadagnando denaro reale.

La potenza dei social…anche nel Metaverso

Ovviamente in un universo parallelo virtuale non può mancare il lato social. I giocatori di nuova generazione infatti non ricercano solamente esperienze di gioco a sé stanti, ma interazioni con altri utenti.

Assodato ciò, ovviamente il Metaverso consente ai gamer di poter invitare tramite social i propri amici così da poter giocare e divertirsi assieme, collaborando per ottenere ricchi premi.

Insomma, sfruttando innovazioni come IoT (Internet of Things), Realtà Aumentata, Realtà Virtuale, Intelligenza Artificiale e Blockchain, il Metaverso promette esperienze realistiche e divertenti davvero a tutti. Il lancio del Metaverso ha una portata così ampia da poter essere quasi paragonato al primo viaggio sulla Luna. Oggi lo conosciamo come inerente prettamente al mondo videoludico ma ciò non toglie che possa dare spazio a nuove infinite possibilità, diventando il luogo ideale anche per altri campi: dall’intrattenimento alla cultura, dalla moda allo sport, superando i limiti di qualsiasi piattaforma virtuale esistita fino ad ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.