Pensieri all’inizio dell’anno. Raccomandazioni di Cătălin Păduraru, Presidente del Concorso Enologico Internazionale VINARIUM

Cari lettori della sezione vino,

Ho scelto di augurarvi qualche augurio per il passaggio al 2021. A proposito dei tre vini … Non parliamo di questa volta. La carta dei vini recensita è stata lunga e sono convinto che effettivamente avete le vostre etichette preferite in cantina o in frigo.

Spero che non vediate l’ora che arrivi il nuovo anno e, perché no, di incontrarci in Taste … Offline.

Voglio chiederti di pensare alla gratitudine verso chi lavora duro e chi fa vini pregiati.

Epidemie (un vero stato di guerra), siccità o crisi finanziarie mettono queste persone in posizioni estreme. Tuttavia il vino produce – al momento della degustazione – solo gioia.

Per la nostra gioia, i sacrifici sono sempre stati presenti nel mondo del vino.

Lascio qui alcune righe che ci mostrano il fatto che noi, amanti del vino in Romania, non ci incontriamo – fortunatamente – da molti decenni.

Quindi vi invito, nel 2021, a cercare l’amicizia solo con il buon vino e rendervi conto che abbiamo motivi sufficienti per rallegrarci, anche se solo rispetto ad altri colleghi meno fortunati.

buon compleanno!

“Quando il Reggimento Felias ha lasciato l’Italia, si è diretto direttamente al Cairo e al Canale di Suez, che a quel tempo era – e probabilmente lo è ancora – la via più veloce per l’India, utilizzando le tradizionali rotte marittime e terrestri. Il Canale di Suez ha attratto Vogue in Medio Oriente, ma c’è un’altra forza che ci guida. Il vino ha radici profonde in questa regione, ad esempio nella regione del Monte Ararat, in quella che oggi è la Turchia, sono state scoperte testimonianze della produzione vinicola fin dall’antichità. No, ma è comunque interessante.) Sono stati i Fenici ei Greci a portare il vino in Italia e in Francia, e da lì si è diffuso nel resto del mondo. [Cercetarea VINARIUM aduce o nouă postulare pe acest subiect. n.a.] Mentre andiamo avanti nel nostro viaggio per comprendere la storia del vino, sembra che ci stiamo muovendo sempre più in profondità nella storia.

READ  Ex calciatore della Roma, residente a Timisoara, sta riparando strade in Italia

Phoenicia? dov’è? La terra delle palme ci sta sussurrando oggi nelle regioni del Libano, della Siria e del nord di Israele. Nell’antichità questi luoghi avevano molto in comune e il vino era una delle cose in cima alla lista. Ricorda che Gesù trasformò l’acqua in vino alle nozze di Cana. E questa è solo la punta di un iceberg biblico scoperto da Randall Heskett e Joel Butler nel loro meraviglioso libro The Divine Harvest: Following the Way of Wine, From Genesis to Our Time (Originale: Vino divino: seguendo la via del vino dalla Genesi all’età moderna). Oggi queste regioni hanno qualcos’altro in comune. Instabilità. conflitto. guerra.

Guerra e vino

Vino e guerra non vanno bene insieme. Il vino ha bisogno di pace, così tu puoi occuparti dell’uva e della vendemmia, che non può essere rimandata o riprogrammata per un momento più conveniente. Il vino ha bisogno di pace per fermentare, maturare ed evolversi. Per secoli il vino ha fatto affidamento su rotte commerciali gestite pacificamente per viaggiare dal suo luogo di origine ai consumatori onnipresenti. Se i piccioni non fossero un simbolo potente, avrei detto che un bicchiere di vino sarebbe stata la scelta successiva per rappresentare la sensazione di pace.

Nel prossimo futuro, né la pace né il vino che l’accompagnano possono essere visti in Siria e Libano, e il piano per questo capitolo era quello di indagare il rapporto tra vino e guerra in una delle regioni più turbolente del mondo.

Ci sono molti libri sul vino e sulla guerra, ma non sono sempre quello che sembrano. il mio libro […]Le guerre del vino, ad esempio, non si riferiscono ai terroristi, si riferiscono Terroire-ist. Guerre del vino Esamina la guerra Dall’interno Il mondo del vino. Cos’è il vino e cosa dovrebbe essere? È un prodotto industriale completo, progettato da consulenti di marketing e progettato secondo specifiche standardizzate? O è un prodotto naturale strettamente legato al luogo e al momento? Il vino è sia, ovviamente, sia l’intero spettro tra le due parti, ma la guerra sta cercando di determinare quale delle direzioni si svilupperà: ci muoveremo verso il globale e il commerciale, o ci stiamo avvicinando alle terre naturali e locali?

READ  "Questa squadra può competere con chiunque. Ibra? Aspetta i risultati degli esami."

Le guerre che descrivo nelle guerre del vino si trovano un po ‘ovunque dove si produce o si consuma il vino, e infatti i poteri che provo non si limitano completamente al vino. La battaglia tra globale e locale, che è solo una parte del dibattito, esiste su più fronti, così come la tensione tra standardizzazione e creatività individuale, tra denaro e arte. Ma questa guerra è la cosa più importante in Siria e Libano, dove i colpi di mortaio esplodono e le minacce terroristiche sono la preoccupazione principale? No, qui è richiesto un altro libro. Si chiama “Vino e guerra: i francesi, i nazisti e la battaglia per il più grande tesoro in Francia” (originale.: Vino e guerra: i francesi, i nazisti e la battaglia per il più grande tesoro di FranciaScritto da Don e Betty Cladstrup. È uno dei libri più apprezzati dedicati al vino, ed è facile capire perché.

Wine and War mostra come la guerra influenzi ogni aspetto della vita, anche (o in particolare) il vino. Il libro racconta come i vigneti francesi hanno lottato per difendere i propri vigneti, preservare il loro tesoro di buon vino e venire a patti con la dura realtà dell’occupazione nazista durante la seconda guerra mondiale. Poi, quando la pace è finalmente raggiunta, c’è il problema di ricostruire tutto ciò che era perduto, un obiettivo punteggiato dal raccolto del 1945. Bugie, verità, eroi, criminali e traditori – la raccolta di storie li include tutti. La Borgogna e il Bordeaux occupano la zona più ampia, ovviamente, così come Paul Roger, il produttore di champagne di cui adoravo il vino nel primo capitolo di questo libro. Hitler ordinò che nel 1928 venissero spedite a Berlino grandi quantità del raccolto di vino preferito di Winston Churchill, insieme a milioni di altre bottiglie di vino di altri produttori di champagne o sopracciglia selezionate da un altro grande vino francese. Si dice che l’alloro (e la preda) appartengano al vincitore, ma nessuno dice che questo include ottimo vino. Comunque, questo è il tipo di storia di guerra che siamo venuti ad esplorare in questa parte pericolosa del mondo “.

READ  Nations League, Spagna e Germania 6-0. Un gol per Murata

Estratto da “Around the Earth in 80 Wines” di Mike Fesseth. Pubblicato da ASER VINARIUM.

Se stai bene con il vino, ti invito: guarda Fraţi de Viţă su TVR2. Sabato dalle 17:00 e domenica, rientro dalle 12:00. Certo, con un bicchiere di vino in mano!

L’archivio “Karma Brothers” appare su TVRPlus.

Potete trovare la carta dei vini premiata a VINARIUM 2020 Qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *