L’Italia conquista l’UNESCO con il ‘magico’ rituale del caffè espresso

Napoli

Una dose di caffè fondente vellutato è più di una rapida dose di caffeina: l’espresso italiano è un prezioso rito sociale e culturale che il Paese considera patrimonio nazionale degno dell’UNESCO.

classe=”cf”>

Gli italiani recuperano circa 30 milioni di espressi al giorno, da Venezia alla Sicilia, in boccali di porcellana o tazzine, con o senza una spruzzata di latte, e considerano ciascuno un gesto di amicizia.

“L’espresso è una scusa per dire a un amico che sei interessato”, dice Massimiliano Rosati, titolare del Gambrinus Café di Napoli, che ha contribuito a preparare un’offerta per un posto nella Lista del patrimonio immateriale del mondo delle Nazioni Unite.

“Sono ubriachi ogni giorno, a qualsiasi ora. È un momento comune, un momento magico”, ha detto all’AFP.

La macchina luccicante dietro il bancone di marmo emette un rombo sibilante e sferragliante mentre la caffettiera strofina il caffè macinato nel filtro del caffè, lo fa scattare in posizione e preme un interruttore per far uscire l’acqua semi-bollente attraverso di esso.

Per essere un vero affare, l’espresso deve avere un gusto “rotondo, ampio, vellutato” e una “schiuma da marrone nocciola a marrone scuro, caratterizzata da reazioni di serpente giallo”, secondo l’Istituto Italiano dell’Espresso.

Dovrebbe avere un aroma duraturo che ha “note di fiori, frutta, pane tostato e cioccolato”, afferma l’istituto, creato nel 1998 per conservare l’espresso.

classe=”cf”>

Il Ministero delle Politiche Agricole ha inviato la domanda per lo status di patrimonio al Comitato Nazionale Italiano dell’UNESCO, che dovrà presentarla alla sede delle Nazioni Unite a Parigi entro il 31 marzo.

L’Italia vanta già nel menù una serie di vivaci tradizioni e usanze, dalla caccia al tartufo all’arte del pizzaiolo napoletano, alla dieta mediterranea e alla liuteria tradizionale di Cremona, città natale di Antonio Stradivari.

READ  Osimene potrebbe tornare in Italia per un controllo medico prima della Coppa d'Africa

Bere una tazza di caffè “è un rito, è un po’ sacro”, ha detto l’insegnante in pensione Anamaria Conte, 70 anni, mentre camminava sui Gambrino dalla vasta Piazza del Plebiscito vicino al lungomare di Napoli.

Alcuni come bignè, pizzette o palline di pasta fritte con caffè espresso e chiacchiere tra un boccone e l’altro.

“Ogni volta che viaggio all’estero, vedo persone in fila per il caffè, in fila una dietro l’altra, magari sull’iPhone, sedute in un angolo con un libro. Non è così che sembra qui”, ha detto la titolare Rosati.

“C’è ancora oggi un’usanza viva in alcune parti di Napoli dove quando vai a trovare qualcuno, non porti torta né fiori, porti zucchero e caffè”.

Fu il torinese Angelo Moriondo a brevettare nel 1884 la prima macchina a vapore per espresso, ma il milanese Desirio Pavoni aveva i fondi per sviluppare e produrre grandi macchine industriali.

classe=”cf”>

Sarà onnipresente in Italia, con ciascuna delle 20 regioni del paese che prepara il proprio espresso in modo leggermente diverso: più corto, più lungo, più o meno intenso, magari con acqua frizzante a lato.

“Ho molti ricordi di venire qui, bere caffè, ed è davvero bello”, ha detto il turista Yael Lisin Davis, 28 anni, davanti a un espresso Moreto, con latte schiumato e cacao in polvere.

Raimondo Ricci, titolare del Café Sant’Eustachio nel centro storico di Roma, afferma che l’umile espresso ha il potere di bandire la solitudine, anche se bevuto da solo, lontano dal bar.

classe=”cf”>

“A volte prepariamo il caffè a casa e rimaniamo con questa macchina che riempie la stanza e riempie la casa”, ha detto.
Ha detto che il profumo evoca “ricordi di tempi felici”.

READ  L'America Latina è diventata la regione in più rapida crescita per Prismian d'Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.