La Juventus ha battuto il Napoli per vincere la Supercoppa Italiana

Reggio Emilia (Italia): Andrea Pirlo ha vinto il suo primo titolo da allenatore mercoledì quando la Juventus ha battuto il Napoli per 2-0 in Supercoppa Italiana.
Cristiano Ronaldo ha segnato il suo 20 ° gol in questa stagione dopo un calcio d’angolo al 64 ‘a Reggio Emilia, prima che il capitano del Napoli Lorenzo Insigne sbagliasse un rigore e Alvaro Morata aggiungesse il secondo gol nei tempi di recupero.
Pirlo, 41 anni, ha vinto il suo primo trofeo cinque mesi dopo aver preso in mano la sua ex squadra, vincendo quattro scudetti.
Pirlo, che da giocatore ha vinto tre volte il trofeo con Juventus e Milan, ha detto: “Vincere il primo titolo (da allenatore) è un grande piacere, diverso da quello che provo da giocatore, ma è più bello”.
La Juventus ha vinto lo scudetto annuale, che gioca tra campioni di campionato e coppe italiane, per la nona volta, dopo essere arrivata seconda lo scorso anno contro la Lazio.
Ronaldo ha dichiarato: “Questa coppa è molto importante perché può darci fiducia per il resto della nostra stagione”.


L’attaccante della Juventus Cristiano Ronaldo (terzo) segna contro il portiere del Napoli David Ospina (davanti) durante la partita di Supercoppa Italiana tra Juventus e Napoli il 20 gennaio 2021 a Reggio Emilia. Agence France-Presse / Miguel Medina

La Juventus è quinta in campionato, a dieci punti dalla capolista Milan, dopo aver perso 2-0 contro l’Inter la scorsa settimana.
Ronaldo ha aggiunto: “Lo scudetto è possibile, Milan e Inter sono fortissimi, ma ci sono ancora tante partite da giocare e possiamo ancora farlo”.
Fu il primo incontro tra Pirlo e il tecnico del Napoli Gennaro Gattuso, che vinsero insieme il Mondiale 2006 e trascorsero un decennio come compagni di squadra del Milan, vincendo due volte insieme due titoli di Serie A e Champions League.
Non hanno affrontato questa stagione dopo che il Napoli si è rifiutato di recarsi a Torino per una partita di campionato ad ottobre a causa di casi di coronavirus, una partita che deve ancora essere giocata.
Pirlo ha detto: “Mi dispiace per Gennaro Gattuso, ma abbiamo voluto rispondere dopo la sconfitta con l’Inter”.
“Abbiamo scommesso molto sull’orgoglio dei giocatori, volevamo dimostrare che siamo una squadra”.
La Juventus ha ricevuto una spinta ore prima del calcio d’inizio quando Juan Cuadrado si è ripreso dal Coronavirus e ha iniziato per la prima volta in due settimane.
Il Napoli ha avuto la sua migliore occasione nel primo tempo allo stadio Mapei, quando mezz’ora dopo il portiere della Juventus Vojicz Cesenyi ha reagito rapidamente salvando il colpo di testa di Herving Lozano.
Federico Bernardeschi ha buttato giù dalla panchina dopo l’interruzione al posto di Federico Chiesa ed è subito intervenuta.
La pressione sulla Juventus è aumentata un’ora dopo, quando Ronaldo è stato mandato in porta e il difensore Costas Manolas ha quasi deviato la palla nella propria porta.
Ma il cinque volte vincitore del Pallone d’Oro ha sfruttato al massimo l’angolo risultante, mentre la palla è saltata da Temui Bakayoko sulla traiettoria dell’attaccante portoghese non marcato per segnare il suo 20 ° gol in questa stagione.
Il Napoli ha avuto l’opportunità di pareggiare dal dischetto dopo che Weston McKinney ha mancato Dries Mertens, ma Insigne ha perso l’occasione tirando via uno sforzo doloroso.
Cheschisney ha effettuato di nuovo una parata in ritardo prima che il gol all’ultimo minuto di Morata suggellasse la vittoria.
“Abbiamo perso tutti insieme, non per il rigore di Lorenzo”. Gattuso, 43 anni, la cui squadra ha battuto la Juventus in Coppa Italia la scorsa stagione, ha detto: “Andiamo avanti.
“Nel primo tempo c’è stata un po ‘di paura. Non ricordo le occasioni serie della Juve oggi.
“Avremmo potuto fare di meglio, ma la partita è molto simile a quella di circa sette mesi fa. Infatti abbiamo sofferto più di sette mesi fa per quello che soffriamo oggi”.

READ  I saltatori in alto del Qatar e dell'Italia eleggono due medaglie d'oro su Jump-off-Sports News, Firstpost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *