La mega siccità sta peggiorando da almeno 1.200 anni negli Stati Uniti occidentali

Un nuovo studio rileva che la massiccia siccità nel West americano è peggiorata così tanto l’anno scorso che ora è la più secca in almeno 1.200 anni, lo scenario peggiore per il cambiamento climatico in atto.

La drammatica siccità del 2021 – che era secco come il 2002 e uno degli anni più secchi mai registrati nella regione – ha spinto la siccità di 22 anni oltre il precedente detentore del record di mega-siccità, alla fine del XV secolo non ha mostrato segni di fare marcia indietro. prossimo futuro, Secondo uno studio pubblicato lunedì sulla rivista Nature Climate Change.

Lo studio ha calcolato che il 42% di questa massiccia siccità può essere attribuito al cambiamento climatico causato dall’uomo.

“Il cambiamento climatico sta spostando le condizioni di base verso uno stato progressivamente più secco in Occidente e ciò significa che lo scenario peggiore continua a deteriorarsi”, ha affermato l’autore principale dello studio Park Williams, climatologo dell’Università della California, a Los Angeles. “Questo è molto in linea con quello che le persone nel 20° secolo pensavano fosse uno scenario peggiore. Ma penso che oggi dobbiamo prepararci a condizioni uniformi in futuro che saranno molto peggiori di così”.

Williams ha studiato i livelli di umidità del suolo in Occidente, un fondo che comprende California, Wyoming, Utah, Nevada, Arizona, la maggior parte dell’Oregon e dell’Idaho, gran parte del New Mexico, il Colorado occidentale, il Messico settentrionale e gli angoli sud-occidentali del Montana e del Texas, utilizzando misurazioni recenti e anelli degli alberi per stime risalenti all’anno 800. Questo torna affidabile come può essere con gli anelli degli alberi.

READ  Gli afghani affrontano una crisi della fame mentre le scorte di cibo si stanno esaurendo

Alcuni anni fa, Williams ha studiato l’attuale siccità e ha detto che è stata descritta come una “mega-siccità” lunga e profonda e che il peggio è stato nel 1500. Ha scoperto che l’attuale siccità non supererà quella perché le siccità giganti tendono a svanire dopo 20 anni. Il 2019 è stato un anno piovoso, ha detto, quindi sembrava che la siccità occidentale stesse volgendo al termine.

Ma l’area si è prosciugata alla fine del 2020 e del 2021.

Come si confronta con altre siccità

Tutta la California è stata considerata uno stato ufficiale di siccità da metà maggio fino alla fine del 2021 e almeno tre quarti dello stato si trovava nei due livelli più alti di siccità da giugno a Natale, secondo il Monitoraggio della siccità negli Stati Uniti.

Una boa precedentemente utilizzata per avvertire di un masso sommerso che giaceva a terra lungo la linea di galleggiamento vicino a una rampa chiusa per barche sul lago Mead, nell’area ricreativa nazionale del lago Mead, vicino a Boulder City, Nevada, il 13 agosto 2021. (John Loescher/Associated Press)

“La rinascita di questa siccità alla massima intensità di siccità tra la fine del 2020 e il 2021 è una dichiarazione assolutamente enfatica della siccità negli anni 2000, dicendo che non siamo vicini alla fine”, ha detto Williams. Questa siccità è ora del 5% più secca del vecchio record dal 16° secolo, ha detto.

L’Osservatorio sulla siccità afferma che il 55% degli Stati Uniti occidentali è in siccità, con il 13% che sta vivendo i due livelli più alti di siccità.

Questa massiccia siccità è iniziata in realtà nel 2002, uno degli anni più secchi mai registrati, basato sull’umidità e sugli anelli degli alberi, ha detto Williams.

“Mi chiedevo se avremmo rivisto un anno come il 2002 nella mia vita, e in effetti lo abbiamo visto 20 anni dopo, nella stessa siccità”, ha detto Williams.

I livelli di siccità nel 2002 e nel 2021 erano un pareggio statistico, sebbene ancora al di sotto di 1.580 nell’anno peggiore.

Il ruolo del cambiamento climatico

Gli scienziati affermano che il cambiamento climatico causato dalla combustione di combustibili fossili sta portando a temperature più elevate e una maggiore evaporazione nell’aria.

Williams ha utilizzato 29 modelli per creare un mondo ipotetico libero dal riscaldamento causato dall’uomo, quindi lo ha confrontato con ciò che è accaduto nella vita reale, il modo scientificamente accettato per verificare se un evento meteorologico estremo è stato causato dal cambiamento climatico. Ha scoperto che il 42% delle condizioni di siccità erano direttamente causate dal riscaldamento causato dall’uomo. Se non fosse stato per il cambiamento climatico, ha detto, la massiccia siccità sarebbe finita prima, perché il 2005 e il 2006 sarebbero sembrati abbastanza bagnati da rompersi.

Jonathan Overbeck, preside dell’ambiente presso l’Università del Michigan, che non faceva parte dello studio, ha affermato che lo studio “è un importante campanello d’allarme”. “Il cambiamento climatico sta letteralmente prosciugando l’acqua e le foreste nel sud-ovest, e potrebbe peggiorare se non fermiamo presto il cambiamento climatico”.

C’è un legame diretto tra siccità, caldo e un aumento degli incendi che hanno devastato gli Stati Uniti occidentali per anni, ha detto Williams. Gli incendi hanno bisogno di combustibile secco potenziato dalla siccità e dal caldo.

Questa massiccia siccità finirà per finire in buona fortuna, ha detto Williams, per alcuni buoni anni piovosi. Ma poi ne comincerà un altro.

È probabile che il cambiamento climatico renda la mega-siccità “una caratteristica permanente del clima spartiacque del fiume Colorado durante il 21° secolo”, ha affermato Daniel Swain, scienziato del clima dell’UCLA, che non è stato coinvolto nello studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.