Gli Stati Uniti e l’Unione Europea annunciano sanzioni contro i funzionari russi per avvelenamento e incarcerazione di Alexei Navalny

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato martedì di aver imposto sanzioni a funzionari e società russe per un attacco di gas nervino quasi fatale contro il leader dell’opposizione Alexei Navalny e la sua successiva prigionia.

Gli Stati Uniti hanno coordinato le sanzioni con l’Unione Europea, che in precedenza aveva sanzionato un piccolo numero di funzionari russi nel caso Navalny.

L’amministrazione Biden ha anche annunciato l’imposizione di sanzioni ai sensi della legge sul controllo delle armi chimiche e biologiche e l’eliminazione della guerra degli Stati Uniti su altre 14 società e istituzioni, la maggior parte delle quali ha affermato di essere coinvolta nella produzione di agenti biologici e chimici.

Le sanzioni sono il primo di diversi passaggi

Un alto funzionario dell’amministrazione ha affermato che i servizi di intelligence statunitensi hanno concluso con grande fiducia che il servizio di sicurezza federale russo (FSB) ha utilizzato il gas nervino russo Novichok contro il dissidente lo scorso agosto.

Le sanzioni di martedì sono le prime contro la Russia da parte dell’amministrazione Biden. “Questi passaggi saranno il primo di diversi passaggi volti a rispondere a una serie di azioni destabilizzanti”, ha detto un funzionario del dipartimento, che ha detto ai giornalisti in condizione di anonimato.

Il procuratore generale russo Igor Krasnov, che è apparso nella foto del file del marzo 2020, era tra i funzionari sanzionati dall’Unione europea. (Mikhail Klimentiev / Il Cremlino / Reuters)

L’amministrazione Biden si è impegnata a confrontarsi con il presidente russo Vladimir Putin lanciando presunti attacchi contro figure dell’opposizione russa e operazioni di pirateria all’estero, comprese le agenzie governative statunitensi e le società statunitensi.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha parlato con ammirazione di Putin, ha resistito alle critiche e ha proposto numerose sanzioni contro il governo Putin.

Il blocco europeo di 27 nazioni ha imposto un divieto di viaggio e ha congelato i beni di Alexander Bastrykin, capo del comitato investigativo della Federazione russa. Igor Krasnov, il procuratore; Victor Zolotov, capo della Guardia Nazionale. E Alexander Kalashnikov, capo del Servizio carcerario federale.

Tra quelli inseriti nella lista nera dal Tesoro americano c’era Alexander Bortnikov, direttore dell’FSB; Andrei Yarin, capo della direzione della politica interna del Cremlino; E i vice ministri della difesa Alexei Krivoruchko e Pavel Popov.

Il Dipartimento del Tesoro ha anche affermato di aver inserito nella lista nera Sergei Kerenko, l’ex primo ministro che ora ricopre la carica di primo vice capo di stato maggiore di Putin. Alexander Kalashnikov, direttore del servizio carcerario federale russo; E Krasnov.

Dichiarazione del Segretario di Stato americano:

Da parte sua, l’amministrazione Biden prevede da settimane possibili misure contro la Russia.

Oltre alle sanzioni di Navalny, i funzionari hanno affermato che l’amministrazione intende rispondere presto alla massiccia infiltrazione russa di agenzie del governo federale e società private che hanno messo in luce debolezze nella catena di approvvigionamento elettronica e rivelato segreti che potrebbero essere sensibili all’élite di spionaggio del Cremlino.

Martedì, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha denunciato le nuove sanzioni statunitensi come parte della sua “interferenza nei nostri affari interni”. Ha detto in una dichiarazione che questo non è qualcosa che la Russia può tollerare, sottolineando: “Risponderemo in natura”.

I tentativi di esercitare pressioni sulla Russia con sanzioni o altri strumenti sono falliti in passato e falliranno di nuovo.

Le Nazioni Unite hanno chiesto un’indagine sui casi di avvelenamento

Navalny, 44 anni, si è ammalato di gas nervino in un attacco agli Stati Uniti e ad altri legati ai servizi di sicurezza di Putin. Dopo mesi di recupero in Germania, Navalny è tornato a casa sua a Mosca a gennaio ed è stato arrestato all’arrivo per una presunta violazione condizionale.

Il suo arresto ha scatenato proteste di piazza in tutta la Russia. La polizia ha arrestato migliaia di manifestanti.

Ascolta | Chi è Alexei Navalny?

Torcia frontale21:01Alexei Navalny, “anti-Putin”

Decine di migliaia di manifestanti sono scesi nelle strade di Mosca, San Pietroburgo e in tutta la Russia per chiedere il rilascio del famoso critico del Cremlino Alexei Navalny lo scorso fine settimana. La polizia ha usato la forza per disperdere le proteste e ha arrestato più di 2.500 persone. Navalny è meglio conosciuto per le sue indagini contro la corruzione ed è stato recentemente oggetto di un tentativo di omicidio. Dopo essersi ripreso dal suo avvelenamento in Germania, Navalny tornò in Russia per essere arrestato e imprigionato a Mosca. Il corrispondente russo della CBC Chris Brown ha parlato con Jamie Bouason del crescente movimento a sostegno di Navalny e se potrebbe effettivamente sfidare il potere del presidente Vladimir Putin in Russia. 21:01

Le autorità hanno trasferito il leader dell’opposizione in una colonia criminale fuori Mosca per iniziare a scontare una pena di oltre due anni di carcere per appropriazione indebita, in quello che i gruppi per i diritti hanno descritto come un processo finto.

Lunedì, due alti esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite hanno sollecitato un’indagine internazionale sull’avvelenamento di Navalny e hanno chiesto il suo rilascio immediato dalla prigione.

Agnes Callamard, Relatore speciale delle Nazioni Unite sulle esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie, e Irene Khan, Relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla promozione e protezione del diritto alla libertà di opinione e di espressione, hanno affermato che l’attacco tossico era finalizzato a “inviare un chiaro e sinistro messaggio: “Questo sarà il destino di tutti coloro che criticano e si oppongono al governo”.

Gli esperti hanno sottolineato nella lettera che Navalny “era sotto un’intensa sorveglianza governativa al momento del tentato omicidio, rendendo improbabile che una terza parte somministrasse una sostanza chimica così vietata all’insaputa delle autorità russe”.

I funzionari russi hanno respinto le richieste degli Stati Uniti e dell’Unione Europea di rilasciare Navalny e fermare la repressione dei suoi sostenitori.

Il vice ministro della giustizia russo, Mikhail Galperin, ha dichiarato lunedì che Mosca ha impugnato la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo chiedendo il rilascio di Navalny, sotto forma di una lettera inviata al tribunale di Strasburgo.

READ  Il sindaco di Brampton si impegna a costruire un memoriale tamil in onore delle vite perse nella guerra civile dello Sri Lanka

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *