L'imminente perdita di un chirurgo ricostruttivo preoccupa il malato di cancro di Alberta

L'imminente perdita di un chirurgo ricostruttivo preoccupa il malato di cancro di Alberta

I pazienti di una struttura medica di fama mondiale nella zona ovest di Edmonton temono che il futuro delle loro cure sia in un limbo a causa di un problema di personale.

Crescono le preoccupazioni per la possibile perdita del primario dell'ospedale Istituto di Scienze Restaurative in Medicina (iRSM), specializzata nel trattamento dei tumori del viso e del collo.

Ricevere una diagnosi di cancro è una prova terrificante e convivere con gli effetti della chirurgia e del trattamento può portare a una scarsa qualità della vita per i sopravvissuti. Lo stesso si può dire per i sopravvissuti a traumi subiti durante incidenti come incidenti stradali e altri incidenti, o per quelli con difetti alla nascita.

Per 31 anni, iRSM all’interno del Misericordia Community Hospital si è concentrato sulla ricostruzione medica e sulla riabilitazione per migliorare la vita dopo il trattamento.

Secondo l'Alberta Health Services, l'obiettivo principale della struttura è l'utilizzo di una comprovata tecnologia di impianto osseo (osteointegrazione) per ricostruire parti della testa e del collo per collegare protesi progettate e realizzate su misura.

La storia continua sotto l'annuncio


Fare clic per riprodurre il video:

Il team di Edmonton crea un nuovo naso per un malato di cancro


Brenda Frederick è una paziente di lunga data ed è incredibilmente grata per le cure che ha ricevuto negli ultimi 23 anni. Aveva un osteosarcoma, un tipo di cancro alle ossa, alla mascella. L’unica opzione per rimuoverla era un’operazione durata 18 ore per tagliarle metà del viso.

“Se qualcuno ti dice che ti riorganizzeranno il viso e la bocca, è spaventoso”, ha detto Frederick dei chirurghi specializzati che le hanno salvato la vita.

“È molto spaventoso. Ma avevo fede.”

Cinque squadre in sala operatoria hanno lavorato insieme per rimuovere le ossa cancerose della guancia e della mascella, hanno prelevato altre ossa dalla gamba per posizionarle sul viso, hanno eseguito innesti di pelle e poi hanno eseguito un delicato intervento di chirurgia plastica per ricostruire il suo aspetto, ha detto Frederick. .

“La mia faccia è stata tagliata da qui a qui a qui”, ha detto, indicando da sotto l'occhio, lungo il naso, lungo la guancia e la bocca fino al collo, “e poi tirata indietro”.

La storia continua sotto l'annuncio

Si aspettava di convivere con cicatrici visibili, ma invece sarebbe stato difficile per un estraneo dire che aveva subito un intervento chirurgico così esteso.

“Ho detto: 'Puoi farmi sembrare semplicemente un'orribile vecchia, come una vecchia strega del mare'”, ha detto Frederick di una conversazione pre-operatoria con il suo medico “E lui ha detto: 'No, starai meglio di Whitney Houston!'”

Il volto di Brenda Frederick, 23 anni dopo aver subito un intervento chirurgico esteso per rimuovere il cancro alle ossa e essersi sottoposto a cure presso l'Edmonton Institute of Reconceptive Sciences in Medicine.

Notizie globali

Sebbene Frederic sia sopravvissuta al cancro, la parte ricostruita del suo viso richiede cure speciali: è sensibile e incline alle infezioni, ha detto, quindi deve stare attenta a ciò che mangia, alle pratiche di igiene orale e a cose semplici come andare dal dentista insieme ad altri è un compito complesso. Per lei è stato reso più semplice grazie alla guida del nostro protesista maxillo-facciale e del team iRSM.

“Quando hai a che fare con persone come me, quello con cui hai a che fare è un tessuto molto delicato che è stato prelevato da un'altra parte del tuo corpo e adattato.”

La storia continua sotto l'annuncio

“La conclusione è: manutenzione e cura sono necessarie. Non possiamo vivere senza di esse.”

Due decenni dopo l'intervento, visita il suo medico semestralmente per controlli. Durante la sua ultima visita, Frederick ha detto che il suo medico le aveva detto che il suo contratto era scaduto il 30 giugno e che non c'erano stati contatti con Convent Health riguardo al suo stato.

“Vuole restare lì. È professionale e dedicato. Questo ragazzo ha messo il massimo in questo”, ha detto Frederick, aggiungendo che il suo medico si è trasferito in Canada per esercitare.

“Non è locale. Mi ha anche detto che non c'è nessuno nella provincia o in qualsiasi parte del Canada che sia addestrato a fare questo tipo di lavoro.

“Ci sono molti protesisti là fuori, ma non sono addestrati a gestire la sensibilità dell'area del tessuto, come la struttura ossea, la nuova struttura”, ha detto Frederick.


Fare clic per riprodurre il video:

Innovazione in Alberta: la tecnologia aiuta i pazienti affetti da cancro e ictus a reimparare a deglutire


iRSM è una joint venture tra l'Università di Alberta, Alberta Health Services e Convent Health, che gestisce il Misericordia Community Hospital in cui si trova l'istituto.

La storia continua sotto l'annuncio

Global News non ha potuto parlare direttamente con il medico in questione per ascoltare la sua versione dei fatti e quindi non ha rivelato il suo nome.

Convent Health ha rilasciato una dichiarazione affermando di non poter commentare “questioni individuali relative alle risorse umane”, citando motivi di privacy.

Molti servizi iRSM continuano senza interruzioni e non sono previsti ritardi chirurgici per i pazienti con patologie o traumi alla testa e al collo, ha affermato l’operatore sanitario.

“Quando si assumono medici, Covenant Health esamina le competenze cliniche necessarie per supportare la cura e le esigenze dei pazienti. Attualmente stiamo assumendo protesisti qualificati per il team multispecialistico dell’iRSM e, finché non avremo più risorse, continueremo a considerare i pazienti come la nostra capacità. consente.”

Le persone viaggiano da tutta l'Alberta per cure specialistiche e Frederick teme che Edmonton possa perdere quelle cure o potrebbe vedere uno scenario in cui le cure fornite in una clinica pubblica sono disponibili solo attraverso una struttura privata.

“Per i pazienti come me, in questo momento non abbiamo nessun posto a cui rivolgersi”, ha detto Frederick.

Covenant Health ha affermato che “la continuità delle cure è la nostra massima priorità” e i pazienti con domande sul loro trattamento sono incoraggiati a contattare la clinica.

Lanciata la petizione su Change.org Invitare la provincia e l’Autorità sanitaria del Patto a garantire la continuità dei servizi finanziati con fondi pubblici presso l’iRSM.

La storia continua sotto l'annuncio


Fare clic per riprodurre il video:

Rete tecnologica di riabilitazione adattiva sensomotoria


&Copy 2024 Global News, una divisione di Corus Entertainment Inc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *