Novak Djokovic è stato duramente attaccato da un virologo italiano

Decisione normativa Australian Open 2022 Per concedere l’esenzione medica al primo posto al mondo Novak Djokovic Causa molte discussioni. L’annuncio è arrivato direttamente dal tennista serbo, campione in carica, che ha confermato la sua partecipazione al torneo Promo Slam of the Year.

Due commissioni mediche esterne hanno salvato Noll e cresce l’attesa per un appuntamento tanto atteso. Il sociologo, invece, è indignato per la scelta fatta dagli organizzatori del torneo da loro indetto.

Personalità del mondo dello spettacolo così come del mondo medico hanno criticato la scelta degli organizzatori di offrire questo privilegio al tennista. Il vago tweet è quello dell’ex giocatore della Juventus e della Nazionale italiana Claudio Marchisio, che ha twittato sulla scelta degli organizzatori e ha dichiarato: “Essere uno dei giocatori più forti di tutti i tempi ha i suoi vantaggi, ma porta con sé grandi responsabilità. “

Tuttavia, come abbiamo visto in seguito, all’arrivo in aeroporto, Novak è stato bandito a causa di un problema con il visto, e quindi ai serbi non è stato permesso di entrare nel paese. Ora Djokovic ha presentato ricorso e si attende l’esito finale del caso.

Il virologo italiano attacca con forza Novak Djokovic

Famoso medico e virologo Roberto Burione È stato uno dei primi a ritwittare il messaggio di Marchisio ma non solo. Ha attaccato il medico numero uno al mondo con un tweet piuttosto esplicito che conferma il pensiero della maggior parte dei professionisti e degli atleti.

Burioni ha scritto: “Motivi per l’esenzione dal vaccino in Australia? Reazioni allergiche o gravi effetti collaterali dopo la prima dose. Malattia acuta che soffre di recente cardiopatia infiammatoria”, ha poi aggiunto, “È Novax.

READ  Giorgio Ortolani e Vittorio Bonori si uniscono alla Italian Bain Partnership

È difficile giocare il World Open in questo modo. “Questo tweet suonava come una frecciatina per un eroe serbo. Tempo fa Borioni ha menzionato i veri motivi per ottenere l’esenzione, ricordando così che questa anafilassi è estremamente pericolosa alla prima dose o grave allergia a uno o più componenti del vaccino.

L’esenzione concessa a Novak Djokovic non ha assolutamente alcuna credibilità. Questi sono solo gli ultimi tweet che attaccano il venti volte vincitore del Grande Slam, altro potente tentativo contro Novak Djokovic.

Il numero uno del mondo ha annunciato di essere pronto a partire per l’Australia, e quindi a disputare i prossimi Australian Open 2022, grazie a un’esenzione medica che gli consente di partecipare al torneo, aggirando l’obbligo di vaccinazione imposto dalle autorità locali.

La vicenda ha suscitato molte polemiche. Sono molti gli addetti ai lavori nel mondo del tennis, dello sport e della politica che hanno preso posizione sulla questione, facendo arrabbiare Djokovic, Tennis Australia e le autorità statali del Victoria per aver, secondo loro, evaso le regole che sono state messe in atto a tutela dei partecipanti nel torneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.