L’ex primo ministro russo ha detto che il suo Paese comincerà a dubitare della leadership di Putin con l’aumento dell’impatto delle sanzioni

Un ex primo ministro russo che ha lavorato con il presidente Vladimir Putin ha affermato di ritenere che il popolo russo comincerà a dubitare del vecchio leader una volta che sentirà la profondità dell’impatto delle sanzioni economiche internazionali nel paese.

Mikhail Kasyanov è stato primo ministro dal 2000 al 2004 – alcuni dei primi anni di Putin come presidente – ma ora guida un partito di opposizione in Russia. Kasyanov è attualmente all’estero per evitare la persecuzione da parte delle autorità statali.

“Metà della popolazione è completamente ingannata dalla propaganda, motivo per cui per un po’ continueranno a credere che Putin abbia ragione”, ha detto in un’intervista trasmessa domenica. Rosemary Barton dal vivo.

Kasyanov ha detto che le persone in Russia sentiranno presto gli effetti delle sanzioni, “soprattutto la classe media che vive nelle grandi città”.

“Tutte queste spiegazioni fornite dalla propaganda – le persone non possono mangiarlo tutti i giorni”, ha detto al corrispondente politico capo della CBC Rosemary Barton.

Kasyanov, che è stato primo ministro dal 2000 al 2004, ha affermato che Putin “non pretende più di essere una persona democraticamente leale”. (Alexander Demianschuk/Associated Press)

Kasyanov ha detto che Putin è completamente cambiato negli ultimi due decenni da quando hanno servito insieme nel governo.

“Non pretende più di essere una persona democraticamente leale, è un vero agente del KGB [now],” Egli ha detto.

Kasyanov ha detto che credeva che una volta che Putin fosse stato visto come una sconfitta in Ucraina, molti russi avrebbero iniziato a dubitare della sua leadership e che ci sarebbe stato un cambio di regime nel paese entro due anni.

Putin rimane popolare in Russia, secondo sondaggi di opinione pubblicasebbene gli esperti siano divisi su quanto siano accurati i sondaggi in un paese in cui le voci di dissenso vengono regolarmente arrestate e represse, e stretta censura.

Il ministro ucraino afferma che le esportazioni di petrolio stanno finanziando la “macchina da guerra” della Russia

Nel frattempo, l’Ucraina si trova ad affrontare una “situazione molto difficile” per quanto riguarda le sue risorse economiche, secondo il suo ministro delle finanze.

In un’intervista separata andata in onda domenica, Serhiy Marchenko ha detto a Barton che il suo paese deve affrontare un divario finanziario di 5 miliardi di dollari al mese. Il motivo, ha detto, è che l’Ucraina ha perso circa la metà delle sue entrate dall’inizio della guerra alla fine di febbraio.

“Abbiamo bisogno di 5 miliardi di dollari al mese nei prossimi tre mesi. Abbiamo bisogno di questo ponte verso la nuova normalità”, ha detto Marchenko, esprimendo ottimismo sul fatto che la comunità internazionale interverrà per aiutare.

Il ministro delle finanze ucraino Serhiy Marchenko, al centro, era tra i funzionari del governo che hanno abbandonato la riunione del G20 ad aprile. (Christia Freeland/Twitter)

I paesi nordamericani ed europei hanno già impegnato miliardi di dollari in prestiti e sovvenzioni all’Ucraina, con il governo degli Stati Uniti che ha recentemente chiesto al Congresso l’autorizzazione a pubblicare un altro 33 miliardi di dollari USA nella sicurezza, negli aiuti economici e umanitari. Il Canada ha offerto prestiti all’Ucraina per un importo di circa 1,6 miliardi di dollari canadesi.

Anche il governo federale recentemente trasferito Per darsi il potere di sequestrare e vendere beni russi congelati per aiutare a finanziare gli sforzi di aiuto, qualcosa che Marchenko ha sostenuto.

“Penso che possiamo usare i beni russi congelati per confiscarli in un modo che aiuti l’Ucraina a ricostruire”, ha detto.

Marchenko ha invitato la comunità internazionale a muoversi più radicalmente per fermare le sue importazioni di petrolio e gas russi.

L’energia dalla Russia è nel mirino degli alleati dell’Ucraina; Russia tagliare il gas In Polonia e Bulgaria questa settimana, mentre in Germania In attesa di accelerare il suo allontanamento dall’energia russa.

Mentre le sanzioni economiche stanno danneggiando la Russia, Marchenko ha affermato che il paese può ancora beneficiare di prezzi energetici più elevati.

“La Russia, sfortunatamente per noi, riceve denaro aggiuntivo [from energy exports] per coprire la loro macchina da guerra.

Puoi guardare gli episodi completi di Rosemary Barton Live su CBC Gem, il servizio di trasmissione tramite CBC.

READ  Il generale americano incaricato di distribuire i vaccini ammette di aver sbagliato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.