Il movimento #VeryAsian si sta diffondendo a nord di Toronto con aziende che abbracciano l’identità

Una presentatrice televisiva coreano-americana ha lanciato un hashtag dopo aver condiviso un messaggio vocale razzista, innescando un movimento ora abbracciato dalle aziende di Toronto, che affermano di indossare con orgoglio la loro eredità asiatica sulla manica.

Michelle Lee ha condiviso il messaggio sui suoi account sui social media con l’hashtag #VeryAsian, con un chiamante che ha detto che i suoi commenti in onda sul godersi la zuppa di gnocchi nel nuovo anno erano “inappropriati” e lamentandosi di essere “troppo asiatica”. Il chiamante mi ha anche detto di “tenere il coreano” per sé.

ha detto Brian Tran, co-fondatore di La La Backshop, una panetteria vietnamita a Toronto.

“Per me, è troppo ritardato.”

Tran è uno dei numerosi imprenditori che ora si definiscono l’hashtag virale #VeryAsian, dichiarando con orgoglio la loro cultura asiatica.

Il movimento #VeryAsian viene dopo Forte aumento del razzismo contro gli asiatici causato dall’epidemia. Le statistiche della polizia di Toronto mostrano I crimini ispirati dall’odio sono aumentati del 51% nel 2020 Nell’ultimo anno, solo ebrei e neri sono stati presi di mira più degli asiatici. Questo accade anche circa un anno dopo Sparatoria alle terme di Atlanta che ha provocato otto morti – La maggior parte di loro sono donne asiatiche. Mentre molti a Toronto stanno abbracciando il nuovo movimento hashtag, dicono che c’è ancora molto da fare per combattere l’odio anti-asiatico.

“verbo sfida”

Nella vetrina della panetteria di Tran’s Annex, ora è appeso un cartello che dice “Siamo una panetteria #VeryAsian” e spiega che utilizza ingredienti come durian, tuorlo d’uovo salato e filo di prosciutto.

READ  Uno studente ucraino appena arrivato all'Università della Columbia Britannica osserva impotente l'escalation del conflitto con la Russia

Tran ha detto che spesso vedono i clienti entrare e poi uscire, dicendo che pensavano che fosse una panetteria “normale”. Ha detto che il suo obiettivo era sfidare l’idea di come sarebbe una panetteria “normale”.

“Ho deciso di stampare un cartello che diceva: ‘Ehi, siamo una panetteria #VeryAsian'”, ha detto Tran. Siete invitati a venire a farci domande. Forse provare qualcosa. Nessuna pressione.”

“Ho considerato la registrazione come un semplice atto di sfida. Non pensavo che ne sarebbe venuto fuori nulla. Ma abbiamo un caloroso sostegno da parte della comunità qui a Toronto”.

Uno scatto dello striscione all’ingresso de La La Bakeshop. (Notizie CBC)

Tale sostegno, secondo Tran, è venuto non solo dalla comunità vietnamita a Toronto, ma anche da canadesi cinesi, canadesi coreani e canadesi filippini.

“Ho vissuto nella mia pelle per tutta la vita. Sento che questo è il momento di parlare e dire: ‘Sono orgoglioso di quello che sono.'” Sono orgoglioso di ciò per cui sono venuti i miei genitori. Sono orgoglioso di ciò che la mia gente porta in questo paese”, ha detto Tran.

“Quindi era davvero importante, soprattutto prima del capodanno lunare, dire che siamo una panetteria molto asiatica. Non andremo da nessuna parte”.

Sostegno alle piccole imprese asiatiche

Negli ultimi anni, la food blogger Vong Tran con sede a Toronto si è concentrata sul sostegno alle piccole imprese asiatiche. Dice che era in risposta a un’ondata di sentimenti anti-asiatici durante la pandemia dopo che il nuovo coronavirus è stato scoperto a Wuhan, in Cina.

ha detto Tran, che gestisce la pagina Instagram forchetta da buongustaio.

La stessa Tran ha ora adottato l’hashtag #VeryAsian nelle sue storie su Instagram e dice di apprezzare il modo in cui qualcosa di negativo come un commento razzista unisce la comunità.

Phuong Tran, una food blogger di Instagram, ha espresso il suo sostegno alle piccole imprese asiatiche dopo che il sentimento anti-asiatico è aumentato durante la pandemia. (Yangoon Lee/CBC News)

“Come parte della comunità asiatica, una delle cose per cui molti di noi hanno lottato è essere davvero orgogliosi di chi siamo”, ha detto Tran.

“Penso che abbia quasi permesso alle persone di dire: ‘Ehi, sono molto asiatico. Ne sono molto orgoglioso. Quindi mi piace diventare una cosa molto positiva. “

trad libri editoriali Dopo la sparatoria nel resort di Atlanta del marzo 2021, che richiedeva più azioni per affrontare il razzismo anti-asiatico. Ha affermato di essere stata incoraggiata dalle iniziative sulla diversità di molte aziende, ma ha riconosciuto che c’era molto lavoro da fare.

“Direi che ho visto il cambiamento dall’anno scorso. Non sono convinto di dirlo, davvero”.

conto etnico

L’hashtag #VeryAsian arriva nel bel mezzo di una resa dei conti razziale iniziata dopo l’omicidio di George Floyd da parte di un agente di polizia a Minneapolis nel maggio del 2020, scatenando un’ondata di proteste in tutto il mondo, motivo per cui alcuni dicono che risuona profondamente.

“Questo incidente potrebbe essere liquidato come un esempio di una persona ipersensibile o, sai, che il chiamante è semplicemente ignorante e non comprende l’impatto delle sue parole”, ha affermato Michelle Chu, professore associato presso il Dipartimento di studi sull’Asia orientale dell’università. Toronto.

“Ma penso che ora siamo in una conversazione pubblica in cui possiamo davvero indicare le ramificazioni di questo tipo di razzismo episodico”.

Dopo la sparatoria alle terme ad Atlanta, i manifestanti hanno marciato nel centro di Montreal per denunciare il razzismo anti-asiatico. (Simon Naconcini/CBC)

Accoglie con favore il movimento #VeryAsian per abbracciare pubblicamente l’identità e la cultura asiatica e dice di essere felice di vederlo risuonare non solo con gli asiatici americani, ma anche con i canadesi asiatici.

“Penso che… questi gruppi lavorino in modo solidale perché, si sa, possono spesso affrontare lo stesso tipo di sfide e forme di discriminazione e anche combattere stereotipi simili”.

Ma Chu riconosce anche che alcuni mettono in dubbio la capacità della cosiddetta attività hashtag di apportare un vero cambiamento e criticano la sua dipendenza dai social media orientati al profitto.

“Penso che parlare dell’orgoglio asiatico come antidoto all’odio asiatico sia utile, ma non può essere il punto finale”, ha detto Chu.

“Penso che questo sia qualcosa a cui dovremmo pensare… Esprimere orgoglio per la tua cultura è fantastico, ma come si traduce in un cambiamento sociale più duraturo e di impatto?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.