Biden ha sollevato diverse questioni controverse nella sua prima telefonata con il presidente russo Vladimir Putin

Martedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto la sua prima telefonata con Vladimir Putin, sollevando preoccupazioni per l’arresto dell’opposizione Alexei Navalny mentre faceva pressioni sul presidente russo sul coinvolgimento del suo paese in una massiccia campagna di spionaggio informatico e sui doni contro le forze statunitensi in Afghanistan.

Con una nota positiva, i due presidenti hanno convenuto che le loro squadre lavoreranno urgentemente per completare l’estensione del Nuovo Trattato START, l’ultimo trattato sul controllo degli armamenti USA-Russia, prima che scada il mese prossimo.

“Nei prossimi giorni, le due parti completeranno le misure necessarie che garantiranno ulteriori lavori” per l’accordo, ha detto il Cremlino nel suo comunicato di appello.

Biden ha cercato di fare una brusca pausa dalla calda retorica che il suo predecessore Donald Trump ha spesso mostrato nei confronti di Putin. Ma il nuovo presidente ha anche cercato di mantenere spazio alla diplomazia, dicendo al leader russo che i due paesi dovrebbero finalizzare un’estensione di cinque anni del nuovo trattato START, secondo i funzionari dell’amministrazione che avevano familiarità con la chiamata ma non erano autorizzati a discutere. pubblicamente.

A differenza dei suoi immediati predecessori, Biden non sperava di “resettare” i rapporti con la Russia, ma indicava invece di voler gestire le divergenze con l’ex nemico della Guerra Fredda senza necessariamente risolverle o migliorare i rapporti. Con un’agenda interna pesante e decisioni imminenti necessarie su Iran e Cina, il confronto diretto con la Russia non è qualcosa per cui lottare.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, a sinistra, parla con il presidente russo Vladimir Putin all’incontro dei leader economici dell’Asia-Pacifico dell’11 novembre 2017. Biden cerca di rompere i legami caldi tra il suo predecessore e Putin. (Mikhail Clementev / AFP / Getty Images)

Gli Stati Uniti possono imporre più sanzioni

La scorsa settimana Mosca ha contattato per richiedere la chiamata, secondo i funzionari. Biden acconsentì, ma prima voleva prepararsi con il suo staff e parlare con gli alleati europei, compresi i leader di Regno Unito, Francia e Germania.

Martedì, prima della sua chiamata con Putin, Biden ha parlato con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, promettendo l’impegno degli Stati Uniti per l’alleanza decennale che è stata stabilita come baluardo contro l’aggressione russa.

Biden ha detto a Putin che la sua amministrazione sta facendo una valutazione SolarWinds E le accuse secondo cui la Russia avrebbe offerto ricompense ai talebani per aver ucciso le forze statunitensi in Afghanistan. Biden ha detto che gli Stati Uniti sono pronti a difendersi e adotteranno misure che potrebbero includere ulteriori sanzioni per garantire che Mosca non agisca impunemente, secondo i funzionari dell’amministrazione.

La lettura dell’invito da parte del Cremlino non ha toccato le questioni più controverse tra i due paesi, sebbene abbia affermato che i leader hanno anche discusso “altre questioni acute nell’agenda bilaterale e internazionale” e hanno descritto la conversazione come “franca e pragmatica” – un modo diplomatico di riferirsi alle discussioni Frayed. Ha anche detto che Putin si è congratulato con Biden per aver assunto la presidenza e “ha indicato che la normalizzazione delle relazioni tra Russia e Stati Uniti serve gli interessi di entrambi i paesi”.

I due leader hanno anche discusso della pandemia di coronavirus, dell’accordo nucleare iraniano, dell’Ucraina e delle questioni relative al commercio e all’economia, afferma la dichiarazione.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jane Psaki ha detto che una dichiarazione della Casa Bianca sarà rilasciata più tardi nel pomeriggio.

La chiamata è arrivata mentre Putin si prende cura delle proteste pro-Marina che hanno avuto luogo in più di 100 città russe durante il fine settimana. La squadra di Biden aveva già reagito con forza alla repressione delle proteste, con più di 3.700 persone arrestate in tutta la Russia, di cui più di 1.400 a Mosca. Altre proteste sono previste per la fine della prossima settimana.

Biden ha sollevato la sua obiezione all’arresto del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny durante la sua chiamata con Putin. (Instagram @ NAVALNY / Reuters)

La Russia nega l’avvelenamento a Navalny

Navalny, attivista anti-corruzione e convinto critico di Putin, è stato arrestato il 17 gennaio mentre tornava in Russia dalla Germania, dove ha trascorso quasi cinque mesi a riprendersi dall’avvelenamento da gas nervino che ha incolpato il Cremlino. Biden aveva già condannato l’uso di armi chimiche.

Le autorità russe negano le accuse.

Trump è sempre stato affascinato da Putin e ha cercato la sua approvazione, spesso mettendo in dubbio l’interferenza russa nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, anche quando è stato al fianco di Putin al vertice del 2018 a Helsinki. Ha anche minimizzato il coinvolgimento della Russia nell’hacking delle agenzie del governo federale l’anno scorso e le accuse secondo cui la Russia avrebbe offerto ricompense ai talebani.

Nonostante questo approccio conciliante, la sua amministrazione ha imposto sanzioni alla Russia, comprese le società e gli imprenditori russi, su questioni che vanno dall’Ucraina alle forniture energetiche e agli attacchi ai dissidenti.

Una rottura netta con Trump

Nella sua chiamata con Putin, Biden ha interrotto bruscamente con Trump annunciando che sapeva che la Russia aveva cercato di interferire nelle elezioni del 2016 e del 2020. Ma ha anche sottolineato la necessità di estendere il nuovo trattato START. I funzionari statunitensi hanno espresso la loro fiducia nel raggiungimento di un accordo che fornirebbe trasparenza nell’arsenale nucleare di ogni paese.

Lunedì, Biden ha detto ai giornalisti che sperava che gli Stati Uniti e la Russia avrebbero cooperato nelle aree che hanno visto entrambi i benefici.

“Trovo che possiamo agire nel reciproco interesse dei nostri paesi con il nuovo accordo START e chiarire alla Russia che siamo molto preoccupati per il loro comportamento, sia che si tratti di Navalny, sia che si tratti di SolarWinds o di rapporti di sovvenzioni sulle loro teste dagli americani in Afghanistan “.

L’approccio di Biden ha ottenuto l’approvazione di alcuni ex diplomatici statunitensi che hanno avuto a che fare con la Russia e stanno cercando di vedere come il team di Biden, compreso il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan e il candidato numero 3 del Dipartimento di Stato, Victoria Nuland, possano sviluppare la loro politica nei confronti della Russia.

Nuland, che deteneva il portafoglio Europa nel secondo mandato del presidente Barack Obama al Dipartimento di Stato, è stata denunciata da Putin e dai suoi collaboratori in particolare per il suo sostegno ai politici filo-occidentali in Ucraina. Si dice che lei e Sullivan si scambino opinioni su come trattare con Mosca, assumendo una posizione dura sui diritti umani e sulle intenzioni della Russia nell’Europa orientale e centrale, mantenendo un canale aperto con il Cremlino su altre questioni.

“È difficile, ma è possibile”, ha detto Daniel Fried, ambasciatore degli Stati Uniti in Polonia e assistente del segretario di stato per gli affari europei nell’amministrazione di George W. Bush. “Dovranno scoprirlo in fretta, ma è importante seguire New Start senza esitazione e rispondere all’arresto di Navalny e ad altri casi senza colpa”.

READ  Bolsonaro solleva dubbi sul sistema elettorale brasiliano. Le sue accuse potrebbero mettere a repentaglio la sua candidatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.