L’ex dittatore militare sudcoreano Chun Doo-hwan è morto a 90

L’ex militare sudcoreano Chun Doo-hwan, che ha preso il potere in un colpo di stato del 1979 e ha brutalmente represso le proteste a favore della democrazia prima di andare in prigione per i suoi crimini in carica, è morto martedì. Aveva 90 anni.

Funzionari di emergenza hanno detto che Chun è morto nella sua casa. La polizia in precedenza aveva detto che Chun aveva subito un attacco di cuore e che i funzionari di emergenza si erano precipitati nella sua residenza a Seoul.

Centinaia di manifestanti pro-democrazia sono stati uccisi e decine di migliaia imprigionati durante la presidenza di Chun negli anni ’80, ma ha permesso una certa liberalizzazione dopo anni di governo autoritario. Sotto la pressione popolare, ha permesso le prime elezioni dirette e libere nella storia del paese.

Di fronte a pesanti critiche dopo aver lasciato l’incarico nel 1988, Chun si rifugiò in un tempio buddista per due anni prima di essere arrestato. Fu processato per corruzione, ribellione e tradimento e fu condannato a morte con sentenza di condanna. Fu graziato nel 1997 nel tentativo di riconciliazione nazionale.

Chun era un generale maggiore dell’esercito quando prese il potere nel dicembre 1979 con i suoi compagni militari. Carri armati e truppe sono arrivate a Seoul in un colpo di stato avvenuto meno di due mesi dopo che il capo dell’intelligence, il presidente Park Chung-hee, è stato assassinato durante una festa per bere a tarda notte.

Chun consolidò rapidamente il suo potere sopprimendo una rivolta civile nella città meridionale di Gwangju, scrivendo poi Gwangju. Il suo governo ha anche imprigionato decine di migliaia di studenti e cittadini, dicendo che sta sradicando il male sociale.

READ  Tuning baule o caramelle per cucinare carichi automatici di caramelle

repressione fatale

I registri del governo mostrano che la campagna militare su Gwangju ha provocato circa 200 morti. Ma gli attivisti dicono che il bilancio delle vittime civili è molto più alto. Il tribunale militare di Chun ha arrestato il leader dell’opposizione Kim Dae-jung e lo ha condannato a morte per incitamento alla rivolta di Gwangju.

Dopo l’intervento degli Stati Uniti, la sentenza di Kim è stata commutata ed è stato successivamente rilasciato.

Chun parla durante una conferenza stampa a Seoul il 6 novembre 1978. Chun era un maggiore generale dell’esercito quando prese il potere con un colpo di stato nel 1979. (Yonhap/The Associated Press)

L’economia della Corea del Sud fiorì durante il periodo Chun. Il paese ha anche tenuto con successo i Giochi asiatici del 1986 e ha vinto i diritti per ospitare le Olimpiadi estive del 1988, che sono iniziate dopo che ha lasciato l’incarico.

Chun ha introdotto diverse misure di liberalizzazione, tra cui la fine del coprifuoco dell’era della Guerra di Corea e l’allentamento delle restrizioni sui viaggi all’estero. Per ottenere l’approvazione di Washington per il suo governo sostenuto dai militari, avrebbe abbandonato i piani per sviluppare bombe atomiche e missili a lungo raggio.

Chun ha cercato la riconciliazione con la Corea del Nord cercando colloqui al vertice con l’allora leader Kim Il-sung, il defunto nonno dell’attuale leader Kim Jong-un. Ha anche accettato di scambiare visite tra le famiglie separate dalla guerra di Corea e ha accettato una rara offerta dalla Corea del Nord per gli aiuti per le inondazioni.

Tuttavia, la Corea del Nord ha ripetutamente sfidato la Corea del Sud durante il governo di Chun. Nel 1983, le forze speciali nordcoreane lanciarono un attentato dinamitardo contro Chun durante una visita in Myanmar. Chun è scampato per un pelo alle ferite nell’attacco che ha ucciso 21 persone, tra cui diversi ministri del governo sudcoreano. Nel 1987, agenti nordcoreani bombardarono un aereo di linea sudcoreano, uccidendo 115 persone a bordo.

Verso la democrazia

In patria, la rabbia pubblica e le manifestazioni per le violazioni dei diritti umani e il sistema elettorale presidenziale indiretto hanno portato Chun ad accettare alla fine una revisione costituzionale di un sistema elettorale diretto.

Roh Tae-woo, il compagno militare di Chun che lo ha aiutato durante il suo colpo di stato, ha vinto le elezioni del 1987, grazie in gran parte a un voto diviso tra i candidati dell’opposizione liberale.

Sono stati lanciati appelli per punire Chun per corruzione e violazioni dei diritti umani.

L’ex combattente per la democrazia Kim Young-sam è diventato presidente nel 1993 e sia Chun che Roh sono stati processati come parte della campagna di riforma.

Furono condannati per ribellione e tradimento per il colpo di stato e la soppressione di Gwangju, oltre che per corruzione. Chun è stato condannato a morte e Roh a 22 anni e mezzo di carcere.

La Corte Suprema ha poi commutato queste sentenze. Kim ha graziato i due ex presidenti alla fine del 1997 su richiesta del presidente eletto Kim Dae-jung, un attivista un tempo imprigionato che cercava la riconciliazione nazionale e rivitalizzava l’economia colpita dalla crisi dei cambi in Asia.

spirito È morto il mese scorso All’età di 88 anni.

Prima che Chun fosse rilasciato, il tribunale gli ordinò di rimborsare i 190 milioni di dollari che aveva accumulato in un fondo disperso durante il suo mandato. Solo una parte è tornata indietro, sostenendo che si era rotta, fino a quando la sua famiglia ha detto nel 2013 che avrebbe consegnato immobili, dipinti e altri beni per pagare il resto.

Chun rende omaggio al defunto presidente Kim Dae-jung in una stanza commemorativa in un ospedale di Seoul il 19 agosto 2009. (Corea Bull/Reuters)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *