L’emozione è alta dopo la controversa sentenza dei rigori che ha deciso il titolo del TCR Italy – TouringCarTimes

L’emozione è alta dopo la controversa sentenza dei rigori che ha deciso il titolo del TCR Italy – TouringCarTimes

Franco Girolami è stato incoronato campione del TCR Italia in circostanze controverse prima ancora che il volante venisse messo in azione nel finale di stagione di Imola, dopo che i funzionari avevano deciso di eliminare una penalità post-gara dal round di Monza all’inizio dell’anno.

Girolami aveva originariamente vinto la gara su strada di Monza il mese scorso, ma è stato retrocesso al nono posto dopo aver ricevuto una penalità di cinque secondi per sorpasso in condizioni di safety car.

Aikoa Racing ha successivamente presentato ricorso contro la decisione, ma invece di annullare la penalità, i funzionari dell’ACI hanno tenuto un’udienza video e hanno raccomandato che la penalità fosse aumentata da cinque secondi a 35 secondi, privando Girolami di tutti i punti guadagnati in gara.

La penalità però è stata poi ritirata, restituendo la vittoria a Girolami e incoronando matematicamente il pilota argentino prima dell’inizio del weekend di Imola.

In un breve comunicato ACI Sport spiega: “Il 27 ottobre la Corte d’Appello dello Sport si è pronunciata sui ricorsi relativi alla prima gara del TCR Italy a Monza, nello specifico la numero 11, cioè l’appello del reclamo. ” [of] La decisione dei supervisori [13-16 September]. [The stewards] Il ricorso è stato accolto e la sentenza è stata annullata. Franco Girolami (Audi RS 3 LMS) riconquista così la vittoria che aveva ceduto al suo diretto rivale per il titolo, Niels Langeveld (Honda Civic FL5).”

Il caposquadra della MM Motorsport, Emanuele Alborghetti, ha dichiarato a TouringCarTimes di non riuscire a comprendere la natura o i tempi della decisione.

“Noi di MM Motorsport non comprendiamo l’improvviso cambio di sentenza tra una videochiamata in cui ci è stata offerta una frase e poi l’improvviso cambio di sentenza durante la notte”, ha detto.

READ  La star della Formula 1 Fernando Alonso è stato fotografato mentre lasciava l'ospedale pochi giorni dopo essere stato investito da un'auto

“Non riusciamo a capire che non sia stata data alcuna giustificazione per questo torneo decisivo, deciso la sera prima per incoronare un nuovo campione. Crediamo che questo comportamento del torneo scoraggerà i futuri partecipanti e sponsor.

Il campione uscente Langfield è andato ben oltre nella sua reazione immediata.

“Sono molto deluso dal modo in cui è stato deciso questo campionato”, ha detto a TouringCarTimes. “Il campionato va deciso sulla strada giusta, non con il ricorso in tribunale.

“Non ci è stata data alcuna spiegazione riguardo l’improvviso cambiamento della decisione di ricorso di Girolami, siamo completamente all’oscuro. Negli ultimi due anni ho corso in Italia e ho avuto molti ricorsi contro di me. Io non ne ho fatto uno Dice tutto sul modo in cui i nostri avversari vogliono superarci.

“In questa stagione abbiamo dimostrato ancora una volta di essere i più forti di sempre. Sfortunatamente c’è stato un problema allo sterzo, soprattutto la foratura di Vallelonga, che ci ha fatto perdere il campionato.”

Girolami è arrivato secondo nella gara di apertura del fine settimana, davanti a Langfield e terzo nella gara finale di domenica, proprio dietro Langfield.

Ma la battaglia per il titolo è già stata decisa a favore del pilota Audi. Da notare che anche se Girolami venisse privato della vittoria a Monza, sarebbe comunque campione.

“La sensazione è incredibile!” Egli ha detto. “Sembra facile, ma dietro c’era tanto impegno e sacrificio. Nel 2021, quando sono arrivato in Europa, mi limitavo a partecipare a due o tre gare, non di più, e oggi mi ritrovo con un europeo e un italiano. titolo. Non ci posso credere.” .

READ  Marko dice che la Mercedes non sta affrontando una situazione insolita

Ioka Racing e Girolami hanno presentato ricorso contro la penalità di Monza, affermando che il pilota argentino era davanti alla Volt sul traguardo prima che venissero alzate le bandiere gialle e che è stato il pilota della Honda ad avviare il movimento di sorpasso, non Girolami.

“Credo che giustizia sia stata fatta”, ha detto Girolami. Per questo ci sono giudici e un organismo di controllo. Abbiamo ripreso, confermando che sul traguardo ero io il leader e che ad iniziare a sorpassarmi con bandiera gialla era Volt. “E ci hanno dato ragione.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *