L’allenatore dell’Everton Carlo Ancelotti spiega perché il Manchester City non ha “un’identità chiara” sotto Pep Guardiola

Carlo Ancelotti ha spiegato perché è stato così difficile fermare il Manchester City questo fine settimana, perché “non hanno un’identità chiara”.

Il boss dell’Everton ha fatto domande sul fatto che i Blues debbano iniziare ad avere un modo ben definito di suonare.

Ancelotti ha utilizzato sistemi e tattiche differenti per tutta la stagione e ha cambiato la sua formazione titolare in Premier League per 25 partite consecutive.

Ma l’italiano rifiuta l’idea che l’Everton debba giocare in un modo e nello stesso modo per ogni partita, usando il capolista fuggitivo City come il primo esempio di una squadra incredibilmente difficile da domare per la sua versatilità.

I Blues affrontano Pep Guardiola sabato al Goodison Park nei quarti di finale di FA Cup e Ancelotti ritiene che la loro mancanza di identità sia uno dei loro maggiori punti di forza.

“Vorrei parlare del Manchester City”, ha detto Ancelotti.

“Il Manchester City è una grande squadra ma non ha un’identità chiara.

“A volte costruiscono tre giocatori, a volte costruiscono due giocatori, e talvolta il loro terzino destro va a giocare come centrocampista.

“Hanno principi chiari. Questa è la differenza.

“A volte non giocano con un attaccante, giocano il numero 10 come attaccante, quindi l’identità del Manchester City non è chiara.

“Se avessero un’identità chiara, sarebbero più in grado di gestire la loro forma, ma la verità è che cambiano forma.

“Ciò che non cambia sono i loro principi di ritenzione palla, possesso palla e dimostrazioni di qualità.

“I principi non cambiano mai.”

READ  L'Ulster conclude la stagione 14 Pro con Zebre Hamering

Ancelotti ha chiamato la stessa formazione titolare nelle prime tre partite di campionato in questa stagione, ma da allora è cambiato.

Gli infortuni e un programma intenso hanno giocato la loro parte nel costringere l’allenatore dell’Everton a scherzare tanto quanto ha fatto, ma insiste che i Blues saranno costantemente sotto la sua sorveglianza.

Ricevi le ultime reazioni alle partite, notizie sullo stadio, conversazioni di trasferimento e altro ancora.

Avremo tutti gli ultimi aggiornamenti di Everton, commenti e analisi direttamente nella tua casella di posta ogni giorno con la nostra newsletter gratuita.

Registrati qui: bastano pochi secondi!

Ha spiegato: “La mia idea è che non voglio avere una squadra che abbia una sola identità”.

“Voglio avere una squadra che sia in grado di cambiare, oltre che cambiare durante la partita perché a volte ci sono momenti nel gioco in cui non puoi giocare come vuoi, prima di tutto, e devi gestire e leggere il loro stato di gioco .

Quindi avere una sola identità nel calcio moderno è un limite secondo me.

“Forse 20 anni fa, avere un’idea e uno stile chiari era una buona cosa.

“Ma avere una sola identità nel calcio moderno è un limite.

“Per migliorare dobbiamo migliorare la conoscenza dei nostri giocatori.

“Abbiamo ancora giovani giocatori in squadra.

“Dobbiamo migliorare la qualità della squadra con i nuovi contratti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *