Le verdure invernali incontrano la regina italiana del Fino

I cibi di stagione sono uno dei più grandi piaceri della vita. Con l’affondamento del mercurio a Shanghai, abbiamo la fortuna di poterci immergere nelle meraviglie delle verdure invernali. Mentre i miei amici esperti dello Shanghai Daily servono queste deliziose verdure, io mi applicherò ai dettagli di un abbinamento di vini e sceglierò un partner perfetto.

Le verdure invernali sono disponibili in una vasta gamma di forme, dimensioni e sapori, tra cui ortaggi a radice popolari come carote, cavoli, barbabietole, ecc. E verdure crocifere e a foglia come broccoli, cavolfiori, cavoletti di Bruxelles, finocchi, cavoli, cavoli, spinaci, ecc. . Contiene alte concentrazioni di vitamine, minerali e antitossine salutari e tutti hanno un sapore migliore con un bicchiere di vino.

Come regola generale, i vini bianchi tendono ad abbinarsi meglio con le verdure invernali perché completano piuttosto che sopraffare il sapore originale delle verdure e sono partner più versatili e intelligenti per una varietà di condimenti e salse in molti piatti di verdure. L’acidità naturale del vino bianco aumenta la freschezza delle verdure.

L’elenco dei bianchi vegetali invernali è lungo e vario, ma uno stile di bianco in particolare ha una miscela di freschezza, eleganza, equilibrio e viscosità da abbinare a molte preparazioni botaniche stagionali.

tee jung

Vigneti di montagna nella regione del Soave Classico

bagnare

Più bevi, più ti piace. Considerando che bevo Soave da mezzo secolo, questo dice davvero qualcosa. A circa 20 chilometri dalla romantica Verona e 90 chilometri a ovest di Venezia, il piccolo borgo medievale di Soave è una delle mete più affascinanti e affascinanti d’Italia. La città storica è circondata da colline ricoperte da suggestivi vigneti, che generosamente producono uno dei vini bianchi più nobili d’Italia.

La regione del vino rosso adiacente alla Valpolicella produce i grandi Amaroni, il re del rosso italiano. Mentre Soave si è guadagnata il diritto di essere chiamata la Regina dei Bianchi Italiani. Sebbene meritasse questo vino eminentemente nobile, ha sperimentato una temporanea caduta in disgrazia.

Mezzo secolo fa, quando ho iniziato a bere vino, il Soave era di gran moda nei mercati vinicoli in crescita negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Germania. Per un po’ il Soave ha addirittura superato le vendite del vino rosso Chianti, diventando così il vino italiano più diffuso negli Stati Uniti. Dopo due decenni di clamoroso successo, il marchio Soave è diventato vittima del proprio successo.

La crescente domanda ha spinto i produttori di Soave ad espandere la produzione. Durante gli anni ’70 e ’80, la zona di produzione del Soave e il reddito dei vigneti sono cresciuti in modo esponenziale e non sorprende che la qualità complessiva del vino ne abbia risentito. Il marchio Soave era inquinato e altri vini bianchi italiani si sono affrettati a colmare il vuoto. In particolare, il candore amichevole e fruttato del Pinot Grigio ha catturato i cuori degli amanti del vino bianco di tutto il mondo ed è diventato una nuova sensazione di vino bianco in Italia.

Un piccolo gruppo di produttori di Soave di alta qualità ha continuato a produrre ottimi vini e il loro numero è gradualmente aumentato. Nel 2001 il vino Soave Superiore ha ottenuto la DOCG e questi vini, insieme a migliori DOC, hanno iniziato gradualmente a riguadagnare il loro status storico. Il più grande vino bianco d’Italia stava iniziando un nuovo e migliore capitolo.

L’uva storica del Soave è la Garganega. Per legge, la varietà deve includere il 70 percento di vino Soave, pur ammettendo nella miscela anche Trebbiano di Soave e Chardonnay. I vini Soave DOC Basic sono leggeri, freschi e interessanti, mentre i vini Soave Classico e Superiore offrono più eleganza e raffinatezza.

Le terre intorno all’idilliaco Soave sono composte da terreni argillosi, calcarei e vulcanici, e i migliori vigneti della tradizionale regione montuosa del Classico sono certamente meno fertili dei vigneti di pianura. Il clima del Soave è influenzato dalle nebbie che sgorgano dalla Pianura Padana durante le ultime fasi della stagione vegetativa. Queste brezze pomeridiane hanno un benefico effetto rinfrescante sulle viti e aiutano le uve a mantenere la loro naturale acidità.

Oggi esistono due diverse tipologie di vino bianco secco Soave. Il Soave DOC Basic è solitamente un vino semplice e fresco, mentre il Soave Classico DOC e il Soave Classico Superiore DOCG di qualità superiore tendono ad essere più strutturati, complessi e alti. Il vino Superiore DOCG ha requisiti alcolici minimi più elevati e requisiti di invecchiamento più lunghi.

Uno degli ottimi esempi di vino Apex Soave è arrivato da poco a Shanghai.

La Cantina di Monteforte Castellaro Soave Classico Superiore DOCG 2018 è un vino meravigliosamente ricco con un colore dorato chiaro e un naso espressivo di pesca e frutta gialla con note metalliche e un palato morbido vellutato con buona freschezza e un finale lungo ed elegante. Se vuoi provare il miglior Soave, prova questo vino.

Non tutti i buoni vini Soave provengono dalla regione del Classico. L’azienda vinicola La Cappuccina, a conduzione familiare, produce vino Garganega Soave 100% biologico che offre vibranti aromi floreali e di mandorla e deliziosi sapori di frutta. Il famoso produttore della Valpolicella Bertani produce anche un Soave vibrante e vibrante chiamato Soave Edition.

Altri produttori che hanno bei vini Shanghai Soave sono Zenato, Viticoltori, Tommasi, Masi e Sartori. Oltre ai vini secchi, non bianchi, la regione di Soave produce anche alcuni deliziosi e frizzanti Recioto di Soave.

I vini Soave DOC Basic vanno serviti ben freschi o intorno ai 6-8°C mentre i migliori vini Classico e Superiore vanno serviti di qualche grado in più per consentire loro di esprimere appieno le loro peculiarità e prelibatezze.

READ  Qualificazioni Euro 2020: Advance Ungheria, Scozia e Slovacchia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *