Prosecco Hills – Il nuovo punto caldo della grinta in Italia

Prosecco Hills – Il nuovo punto caldo della grinta in Italia


Pensa a pedalare sui ciottoli in Italia e molti di noi si uniranno al coro, contando le strade bianche della Toscana come la nostra destinazione principale. Eccezionalmente bello, sì, ma per coloro che desiderano abbracciare la cultura italiana e tirare fuori alcuni bei toboga nella ghiaia meno accidentata, il tuo nuovo posto preferito per pedalare è il distretto di Prosecco Hills. Ecco perché abbiamo impacchettato le nostre attrezzature e ci siamo diretti a sud per scoprire cosa rende frizzante questa regione.

Una delle cose che impari quando pedali gravel in Italia è che non molto tempo fa quelle strade bianche che avresti sognato di trasformare in grosse, ricoperte di massi, vicino a sentieri impraticabili erano inevitabili. Questo trasforma la tua corsa da fluida a panico mentre allatti la tua bici gravel su un terreno che è ai limiti delle sue capacità. Come residente in Italia lo so fin troppo bene, ma ci sono stati alcuni dubbi su come Prosecco Hills fosse diverso. Mi era stata promessa una terra di strade a gravità percorribili che mi avrebbero spinto su, sopra e intorno a vigneti ondulati, a volte ripidi.

Ma Prosecco Hills non è solo per gli appassionati di Gravel. Nella stessa zona si trova anche Sarto, piccolo produttore di biciclette di qualità. Combinano il classico design italiano con l’arte della costruzione artigianale del telaio in carbonio. Inoltre, Sarto offre biciclette completamente personalizzate e personalizzabili che riflettono la passione unica del proprietario per il ciclismo. Nel nostro recente test di gruppo, abbiamo entusiasmato il fuoristrada Sarto Seta con il suo stile italiano e le sue capacità ad alta velocità.

Spumante a pagamento

Se il nome Processo Hills non era abbastanza per rivelare il gioco, allora lo scenario lo è. Togli la testa dal tronco e goditi i vigneti. Il cibo o il vino di una particolare regione d’Italia prende spesso il nome da quella regione. Parte della complessa cultura gastronomica di questo paese famoso per il suo gusto, il Prosecco si distingue dalla massa, perché questo famoso spumante bianco è diventato infatti un nome onnicomprensivo per la regione in cui si concentra la sua produzione. Nascosto nell’Italia nord-orientale, ai piedi delle Dolomiti, a solo un’ora di auto da Venezia, puoi vedere come queste colline tra Conegliano e Valdobbiadene siano state trascurate come luogo di equitazione.

La nostra base per questa esplorazione è stata il villaggio di Susegana, dove siamo stati ospiti della famiglia Kulatu. Collatos costruì e possiede tuttora lo splendido Castello San Salvatore, un castello del XIII secolo a sud del paese. Come se non bastasse, Collatos gestisce anche una delle cantine più celebri della regione dal 1110, Bourgoluce. Come per tutti i viticoltori della regione, è il loro lavoro nel corso dei secoli che ha plasmato il paesaggio qui, scolpendo viali di fondamentale importanza (almeno per noi e per i viticoltori) nei ripidi terrazzamenti dei vigneti.

Un paradiso per gli amanti del gravel

Al di fuori del villaggio, questa parte del nord Italia è piuttosto pesante sul fronte del traffico, quindi la gente si affolla fuori dalle torri qui nei fine settimana per raggiungere le città, i villaggi e le montagne del nord. Siamo stati fortunati che la nostra villa trasformata in agriturismo, anch’essa di proprietà della famiglia Collato, avesse l’accesso in ghiaia dalla porta, il che significa che potevamo scivolare via furtivamente, come solo le bici gravel possono fare, accedendo alla generosità di strade minori e sentieri sterrati che attraversano la zona. E, proprio come gli automobilisti sulle strade più grandi, anche noi ci dirigevamo a nord, nel cuore delle Colline del Prosecco.

A sud il terreno degrada verso Venezia e la pianura, ma pedalando verso nord si incontrano piccole colline che presto si trasformano in salite più ampie prima di diventare le Pre-Dolomiti e poi, infine, le Dolomiti. L’elevazione è una cosa qui. Questi rilievi rettilinei più ampi spesso offrono ampi panorami verso sud, che è più aperto e coltivabile rispetto al cuore delle Colline del Prosecco. Qui, le foreste sono disseminate di vigneti e piccoli villaggi, ciascuno unito da strade asfaltate e sterrate tipicamente italiane che ti invitano a vedere cosa c’è dietro l’angolo.

Fin dai primi colpi di pedale, possiamo sentire che questa è un’area pronta a esplodere sulla scena del gravel. È un piacere pedalare sui tratti stretti e tortuosi di asfalto che fiancheggiano piste di ghiaia bianca incontaminata. Veloce, vario e che ti porta attraverso luoghi meravigliosi che giustappongono vigneti ben curati con borghi rustici e villaggi fortificati, raramente c’è un momento di noia. C’è una vera sensazione di essere tutt’uno con la gente del posto, poiché gli unici veicoli che potresti incontrare sono la Fiat Panda 4×4 di prima generazione. Senza approfondire i capolavori culinari italiani, non possiamo pensare a nient’altro di tipico italiano.

Un’area con più di semplici bolle da sfoggiare

Auto piccole, poco potenti e squadrate a parte, questa regione è chiaramente all’apice di due diverse influenze: c’è la cultura delle Dolomiti a nord; e la ricca cultura artistica dello stucco che si diffuse nella pianura padovana meridionale. Questo incrocio di culture conferisce alle Colline del Prosecco un’atmosfera interessante. Da un lato è sottile, ricco e strutturato – sicuramente tratti ereditati dalla cultura germanica del nord – e dall’altro è focoso, latino e leggermente fatiscente, incanalando l’atmosfera di un impero che invecchia. Questo contrasto rende le colline del Prosecco nettamente diverse dall’attuale regione italiana dei pesi massimi, la Toscana.

Mentre proseguiamo verso nord, visitiamo alcuni dei siti chiave di cui ci hanno parlato i nostri ospiti, la famiglia Collato. Durante la colazione hanno scritto una lista da addetti ai lavori dei percorsi più sorprendenti, alcuni che attraversano le colline pedemontane e scompaiono nelle montagne, così come alcuni bellissimi ciottoli ondulati vicino alla nostra base. L’elenco includeva perdersi dentro e intorno ai vigneti ondulati di Rolle e affrontare ripide salite vicino a Collagù, dove il cemento è chiaramente il manto stradale preferito dai costruttori, perché tutto il resto scivolerà in discesa, storia vera. E infine, una gita a Valdobbiaden e alle imponenti montagne al di là.

Dirigersi verso il Santuario di Collagù è stato sicuramente un punto culminante. L’intera area era di un verde vibrante e ricoperta di viti. Con sezioni del percorso inclinate verso circa il 20 percento di pendenza, arrivare in cima è stata una prova. Dopo gli intenditori del prosecco metodo tradizionale in piccoli lotti di un produttore locale al risotto colago, eravamo opportunamente entusiasti di spingerci a nord verso i limiti superiori delle colline del prosecco e l’iconico paso san baldo.

Sag mir, dass du in italiano bist, ohne mir zu sagen, dass du in italiano bist

Qualcuno per le forcine?

Il San Baldo segna il confine settentrionale delle Colline del Prosecco e la porta delle Dolomiti. Finì per essere troppo veloce per creare un forte nel ciclismo, ma tutte quelle sostituzioni nel tunnel significano che è incredibilmente memorabile. Mentre otteniamo alcune grandi intuizioni sulla complessa geometria delle strade, questo tratto ci ricorda anche quante persone amano guidare la propria auto in questa regione d’Italia. Ovviamente viziati, finora siamo stati a lungo sulle strade secondarie.

Ogni volta che apriamo i pedali, ci viene presentato un piatto di cibo. L’Italia sarà sempre l’Italia in questo senso. Facciamo brunch dove e quando serve, con quasi tutti i bar che offrono rinfreschi veloci, ma le serate sono diverse: abbracciamo piatti locali, come risotti, carni sontuose e mozzarella fritta, naturalmente annaffiate con prosecco, bollicine leggermente aromatizzate che ci rinfrescano dalla nostra cavalcata sforzi.

Per accompagnare il nostro viaggio culinario, Eroica organizza “Nova Eroica Colline del Prosecco. Un evento unico per esplorare le strade sterrate intorno ai vigneti della regione, alle città medievali e alle vicine Alpi. L’obiettivo, tuttavia, non è correre contro il tempo o contro altri ciclisti, ma godersi una bella giornata all’aperto e vedere cosa ha da offrire la regione. Oltre al formaggio e al prosciutto, il prosecco, come accennato in precedenza, è il pezzo forte. Eroica offre tre percorsi, che vanno dai 50 km ai 120 km al giorno in sella. Considerati fortunato perché il prossimo evento è tra poche settimane ad aprile 30.

Comprendiamo che molte persone farebbero fatica a ignorare la Toscana come l’hotspot italiano per il gravel riding. Ma mentre questo paese si allontana dalle sue tradizioni di ciclismo su strada, altre regioni si stanno aprendo, ognuna con il suo fascino e il suo splendore unici. Se il gravel e l’Italia fanno per te, non rimarrai deluso. Logisticamente, probabilmente batte anche la Toscana, con gli aeroporti di Venezia e Verona nelle immediate vicinanze, oltre a un facile accesso da Milano tramite l’autostrada o con quasi tutti i mezzi di trasporto se vieni da nord.


Fairway vuoti e dolci colline oltre a un facile accesso sia alle alte montagne che alle pianure, Prosecco Hills è un luogo che devi pedalare almeno una volta nella vita. Una regione ricca di storia che si trova sulla cuspide di due culture, ti tirerà fuori dalla vita di tutti i giorni mentre macini pendenze ripide e strade sterrate. Fai il tuo volo, entra nel menu e naturalmente stappa un po’ di Prosecco: non sarà neanche maleducato.

Grazie alla famiglia Collato per averci ospitato Immobiliare Borgolos.


Ti piace questo articolo? In tal caso, saremmo entusiasti se decidessi di sostenerci con un contributo mensile. Diventando sostenitore di GRAN FONDO, aiuterai a garantire un futuro sostenibile per il giornalismo ciclistico di qualità. Clicca qui per saperne di più.

parole: Phil Gill le immagini: Phil Gill e Benjamin Topf

READ  GlobalWafers produce il nuovo Fab da 12 pollici in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *