Le accuse sono cadute contro Buffalo, New York, mentre gli agenti sono visti in una videocassetta che spingeva a terra un anziano attivista

I pubblici ministeri hanno detto che giovedì le accuse penali sono state ritirate contro due agenti di polizia visti in un video la scorsa primavera mentre spingevano a terra un manifestante di 75 anni a Buffalo, New York.

Il procuratore generale della contea di Erie John Flynn ha detto che un gran giurì si è rifiutato di sporgere denuncia contro gli ufficiali di Buffalo Robert McCabe e Aaron Torgalsky con l’accusa di aggressione, ponendo fine alla questione.

Le lettere di richiesta di commento sono state lasciate agli avvocati che rappresentano gli ufficiali. Ha anche lasciato un messaggio per l’uomo che ha spinto a terra, l’attivista di lunga data Martin Gugino.

John Evans, presidente della Buffalo Police Charity, ha dichiarato a The Buffalo News: “Ovviamente, siamo entusiasti della loro decisione. Questi agenti sono stati all’inferno e non vedo l’ora di vederli tornare al lavoro”.

Facendo eco a dichiarazioni precedenti, Flynn ha affermato di non ritenere necessariamente che l’alterco fosse salito al livello di un crimine, ma la legge statale richiede che i pubblici ministeri presentino un’accusa del genere quando la vittima ha almeno 65 anni e il sospetto colpevole ha almeno 10 anni. anni più giovane.

Guarda | Video dell’incidente del giugno 2020 a Buffalo, New York:

L’uomo era in una manifestazione prossima alla fine quando la polizia lo ha spinto e ha battuto la testa sul marciapiede. Due agenti di polizia sono stati sospesi dal servizio. 0:35

“Questo non era l’assassinio di JFK.”

Rispondendo alle critiche secondo cui ha svolto il caso lentamente o “posando un sacco di sabbia”, Flynn ha detto che i querelanti hanno fatto una presentazione generale davanti al gran giurì, ma ha detto, citando regole di segretezza, che non poteva discutere di come fossero chiamati i la prova era Introduzione. Ha detto che il gran giurì ha ascoltato il caso in ritardo a causa della chiusura dei tribunali relativi al coronavirus.

READ  Il più grande iceberg del mondo si separa dall'Antartide

Durante le indagini, ha detto Flynn, il video del pagamento è rimasto la prova principale.

“Questo non è stato l’assassinio di John F. Kennedy”, ha detto Flynn. “Non è stato un problema complicato. Il video che è stato catturato parla da solo.”

Una troupe giornalistica che copriva le proteste nel centro di Buffalo lo scorso giugno per l’uccisione di George Floyd nel dipartimento di polizia del Minnesota ha catturato un video di ufficiali che spingevano l’attivista di lunga data Martin Gugino a terra di fronte al municipio mentre evacuavano i manifestanti dall’area per il coprifuoco alle 20:00

Spinto indietro, Gugino ha iniziato a sanguinare dopo aver sbattuto la testa sul marciapiede e trascorso quasi un mese in ospedale con un cranio fratturato e una lesione cerebrale traumatica.

Maccabi e Turgalski sono stati sospesi senza paga e successivamente arrestati. Si sono dichiarati non colpevoli e sono stati rilasciati senza cauzione in attesa di ulteriori sviluppi nel caso.

Flynn ha dichiarato giovedì in una conferenza stampa che l’interesse nazionale nel caso non ha avuto alcuna relazione con la sua decisione di incriminare immediatamente gli ufficiali.

“Tutto ciò di cui ho bisogno è un potenziale motivo per l’arresto”, ha detto Flynn. “Quando vado al processo, però, non ho bisogno di spazio per dubbi. A questo punto ora, trovo 50/50 nella mia mente se è stato intenzionale o sconsiderato o no. Se è 50/50, questo è fuori dubbio. Ragionevole … Questa analisi è un fattore nella mia mente, ma non posso spiegarti cosa stava succedendo [grand jurors’] Cervelli. “

All’indomani della sospensione degli ufficiali, circa 60 altri membri dell’unità antisommossa dell’amministrazione hanno affermato che non avrebbero più prestato servizio nell’unità, chiudendola di fatto.

READ  Wang Yi tiene una videoconferenza con il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *