L’amministrazione Trump decide di imporre nuove sanzioni ai prodotti europei

La disputa tra Stati Uniti e Unione Europea sugli aiuti governativi di cui hanno beneficiato Airbus e Boeing non è finita. Con sorpresa di tutti, il 30 dicembre 2020 l’amministrazione Trump ha imposto nuove sanzioni, del valore di un miliardo di euro, che imporranno, sotto forma di dazi doganali, prodotti tedeschi e francesi, in risposta alle tariffe aggiuntive imposte dall’Unione Europea il 9 novembre 2020, per un importo di 4 miliardi di euro. Si trattava infatti di una risposta ad una prima tornata di 7,5 miliardi di euro di tariffe imposte dagli Stati Uniti, ma autorizzate dall’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) che interessano vari prodotti. Airbus, vino, posate, piatti e macchine hanno subito notevoli sovrapprezzi, dal 15% al ​​25% …

La Commissione europea ha già risposto “Deplora” Questi nuovi prodotti vengono aggiunti all’elenco delle ritorsioni negli Stati Uniti. Questo movimento “Gli Stati Uniti ostacolano unilateralmente i negoziati in corso tra la Commissione e l’ufficio del Rappresentante commerciale degli Stati Uniti”.Diciamo a Bruxelles.

Leggi anche Washington sta nuovamente imponendo tasse sui prodotti europei, nel contesto della disputa tra Boeing e Airbus

Questa decisione dell’amministrazione Trump, pochi giorni prima della fine del suo mandato, non è una coincidenza. “L’attuale amministrazione sta facendo di tutto, davvero di tutto, per complicare la vita al futuro team di Joe BidenAnalisi di Michel Hahn, direttore dell’Istituto di diritto economico internazionale a Ginevra. Quindi Donald Trump invia un messaggio mirato a chi lo ha tradito dal suo punto di vista. ” Germania e Francia saranno i paesi interessati da queste tasse aggiuntive, a cominciare dai settori del vino e del cognac.

READ  Le riprese di un drone mostrano il catastrofico crollo della Highway 1 in California

“Una decisione ostile”

A Parigi, Bruno Le Maire, ministro dell’Economia, ministro dell’agricoltura Julian Dinormande e Frank Riester, ministro del Commercio, hanno condannato questa decisione degli Stati Uniti in un comunicato stampa congiunto. Queste sanzioni faranno “Pesando un danno inaccettabile per gli esportatori europei, in particolare contro i nostri produttori di vini e liquori, nonché il settore dell’aviazione”. Secondo il governo francese, questo è “Una decisione ostile” Venire ‘Interrompere unilateralmente le discussioni’ In corso da quindici anni per trovare una soluzione a questo conflitto.

L’articolo è riservato ai nostri iscritti Leggi anche Con l’era Trump sconvolta, gli europei vogliono consolidare la loro sovranità

Questa controversia commerciale è continuata dal 2004. Argomento di discussione: sovvenzioni che Francia, Germania, Regno Unito e Spagna hanno pagato ad Airbus per sviluppare i suoi vari aeromobili. Per gli Stati Uniti, questi aiuti di Stato costituivano distorsioni della concorrenza e non erano coerenti con le regole dell’OMC. Da parte europea, Boeing è stata criticata per essere stata favorita da diversi paesi negli Stati Uniti, con agevolazioni fiscali. L’organo di risoluzione delle controversie dell’Organizzazione mondiale del commercio si è pronunciato a favore delle due parti, consentendo loro, nel 2019 e poi nel 2020, di imporre sanzioni.

Hai il 31,93% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *