Le regioni alpine italiane rivendicano l’apertura delle piste da sci – Südtirol News

“Il turismo di montagna ha bisogno di tempo per organizzarsi”.

Martedì 29 dicembre 2020 | 14:50

Sei regioni del nord Italia chiedono chiarimenti al governo di Roma sull’apertura delle piste da sci. Secondo un recente regolamento governativo, gli impianti sciistici possono iniziare la stagione invernale a partire dal 7 gennaio, ma il Comitato Scientifico CTS, che sta fornendo consulenza al governo su come affrontare l’epidemia di coronavirus, resiste.

“Il turismo di montagna ha bisogno di tempo per organizzarsi. Chiediamo al governo di chiarire la data di riapertura degli impianti sciistici”, si legge nella lettera delle regioni Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino Alto Adige. Senza il turismo invernale, l’economia di innumerevoli comunità montane sarebbe paralizzata.

Il comitato tecnico e scientifico del governo di Roma non ha approvato il protocollo di sicurezza per gli ascensori. Il suggerimento del comitato di iniziare con l’80% di capacità orbitale e il 100% di seggiovie e skilift è andato troppo oltre per il comitato. Non è ancora del tutto chiaro quali requisiti dovrebbero essere applicati ai cottage sui pendii.

Con decreto, il governo di Roma ha deciso che le piste da sci potranno essere aperte solo dopo la fine delle vacanze di Natale, il 7 gennaio. Dopo la fine delle vacanze di Natale, quando è stato imposto il blocco, l’Italia vuole tornare al sistema semaforico nella lotta al Coronavirus. Ciò consente di classificare le aree in tre aree a rischio. Nelle zone gialle – a differenza delle altre due zone a rischio – è consentita la riapertura delle colonne durante il giorno.

READ  Aziende che danno firme elettroniche per la programmazione del vaccino COVID

Da: apa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *