La Russia lancia la prima missione sulla luna in quasi 50 anni | Notizie spaziali

La Russia lancia la prima missione sulla luna in quasi 50 anni |  Notizie spaziali

La Russia ha lanciato la sua prima missione sulla luna in quasi 50 anni, facendola precipitare in una corsa allo spazio con l’India, che mira anche a far atterrare un rover sulla superficie lunare questo mese.

Il lancio di Luna-25 sulla Luna di venerdì è stato il primo della Russia dal 1976, quando faceva parte dell’Unione Sovietica, ed è stato condotto senza l’aiuto dell’Agenzia spaziale europea, che ha posto fine alla cooperazione con la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina.

Il lancio è avvenuto dal Cosmodromo di Vostochny in Estremo Oriente alle 2:10 ora di Mosca (23:10 GMT di giovedì), secondo le immagini in diretta trasmesse dall’agenzia spaziale russa Roscosmos.

Il lander a quattro zampe pesa circa 800 kg (1.750 libbre) ed è programmato per raggiungere l’orbita lunare in cinque giorni.

Trascorrerà quindi dai tre ai sette giorni selezionando un sito adatto prima di atterrare nella regione del polo sud lunare.

“Per la prima volta nella storia, lo sbarco sulla luna avverrà al polo sud della Luna. Fino ad ora, tutti sono atterrati nella zona equatoriale”, ha dichiarato Alexander Blokhin, un alto funzionario di Roscosmos, in un recente colloquio.

La sonda dovrebbe raggiungere la superficie lunare il 23 agosto, più o meno nello stesso periodo in cui un rover indiano è stato lanciato il 14 luglio.

Le unità di entrambi i paesi si stanno dirigendo verso il polo sud della luna, un’area in cui nessun veicolo spaziale ha effettuato un atterraggio regolare. Solo tre governi hanno avuto successo allunaggi: l’Unione Sovietica, gli Stati Uniti e la Cina.

READ  Gli scienziati filmano una pianta che "parla" con la sua vicina e il filmato è sorprendente: ScienceAlert

Roscosmos ha affermato che l’unità funzionerà per un anno, preleverà campioni di suolo e li analizzerà e condurrà ricerche scientifiche a lungo termine sulla superficie e sull’atmosfera della luna.

Un razzo Soyuz-2.1b equipaggiato con la stazione di atterraggio lunare automatica Luna-25 viene trasportato alla rampa di lancio del cosmodromo di Vostochny nell’estremo oriente russo [Roscosmos State Space Corporation via AP]

Ha detto che voleva mostrare alla Russia “che è un paese in grado di fornire un carico utile sulla Luna” e “garantire l’accesso garantito della Russia alla superficie lunare”.

Le sanzioni imposte alla Russia dopo che ha invaso l’Ucraina le rendono difficile l’accesso alla tecnologia occidentale, influenzando il suo programma spaziale. Luna-25 inizialmente avrebbe dovuto trasportare un piccolo rover lunare, ma quell’idea è stata abbandonata per ridurre il peso del veicolo per migliorare l’affidabilità, hanno detto gli analisti.

“L’elettronica straniera è più leggera e l’elettronica domestica è più pesante”, ha affermato Vitaly Egorov, un noto analista spaziale russo. “Mentre gli scienziati possono avere il compito di studiare le acque lunari, per Roscosmos il compito principale è semplicemente atterrare sulla luna, recuperare l’esperienza sovietica perduta e imparare come svolgere questo compito in una nuova era”.

Per la Russia, ha detto il giornalista Daniel Hawkins, la missione è stata “un grande ritorno alle grandi missioni spaziali dopo una lunga pausa”.

“Tutti sono ben consapevoli dell’enorme eredità sovietica in termini di lanci spaziali”, ha detto Hawkins ad Al Jazeera, parlando da Mosca.

“Dopo il crollo dell’Unione Sovietica e l’invio dell’ultima sonda sulla luna nel 1976, l’Istituto spaziale russo è già entrato in un periodo di declino”, ha affermato.

Per la Russia, ha affermato Hawkins, una missione sulla luna di successo dimostrerebbe che, nonostante il suo passato turbolento e le sanzioni occidentali, che “hanno davvero influenzato lo sviluppo spaziale russo”, il paese è capace di importanti missioni spaziali.

READ  Un problema davvero brutto per il tuo corpo - FIT Talk With Tania

Ha detto che dimostrerebbe di poterlo fare “utilizzando efficacemente attrezzature prodotte in Russia – il marchio russo – per competere a livello internazionale”.

Le ultime missioni di atterraggio spaziale della Russia nel 2016 e nel 2011 si sono concluse con un fallimento.

“concorrenza politica”

“Studiare la luna non è il punto”, ha detto Egorov. “L’obiettivo è la competizione politica tra due superpotenze – Cina e Stati Uniti – e una serie di altri paesi che vogliono anche rivendicare il titolo di superpotenza nello spazio”.

Lo spazioporto è un progetto preferito del presidente russo Vladimir Putin e la chiave dei suoi sforzi per rendere la Russia una superpotenza nello spazio e per spostare i lanci russi dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan.

Parlando al Cosmodromo di Vostochny l’anno scorso, Putin ha affermato che l’Unione Sovietica ha inviato il suo primo uomo nello spazio nel 1961 nonostante il suo regime di sanzioni “completo”.

Ha detto che la Russia svilupperà il suo programma lunare nonostante le sanzioni economiche occidentali, che hanno raggiunto livelli senza precedenti a causa della guerra in Ucraina.

“Siamo guidati dall’aspirazione dei nostri predecessori ad andare avanti, nonostante le difficoltà e nonostante i tentativi esterni di impedirci di muoverci”, ha detto Putin.

Un precedente tentativo indiano di atterrare al polo sud lunare nel 2019 si è concluso quando il rover si è schiantato sulla superficie lunare.

Il polo sud della luna è di particolare interesse per gli scienziati, i quali ritengono che i crateri polari permanentemente in ombra possano contenere acqua. I futuri esploratori potrebbero trasformare l’acqua congelata nelle rocce in aria e carburante per i razzi.

READ  Mancanza di sonno legata alla dismorfismo muscolare tra i giovani adulti: studio

“La luna è in gran parte intatta e l’intera storia della luna è scritta sulla sua faccia”, ha detto Ed Plumer, astronomo del Royal Observatory del Regno Unito, Greenwich. “È originale e diverso da qualsiasi cosa trovi sulla Terra. È il suo laboratorio.”

Luna-25 campionerà rocce e polvere lunari. I campioni sono necessari per comprendere l’ambiente della luna prima che qualsiasi base venga costruita lì, ha detto Plumer, “altrimenti potremmo costruire cose e doverle chiudere dopo sei mesi perché in effetti tutto è stato sabbiato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *