Un pezzo di spazzatura spaziale sta per colpire la luna

La luna è sul punto di crollare con tre tonnellate di spazzatura spaziale, un pugno che scaverebbe un buco che potrebbe contenere diversi rimorchi per trattori.

Il razzo rimanente si schianterà nella parte più lontana della luna a 9.300 km/h venerdì, lontano dagli occhi indiscreti dei telescopi. Possono essere necessarie settimane, anche mesi, per confermare l’effetto con le immagini satellitari.

Gli esperti ritengono che stia rotolando casualmente nello spazio, da quando la Cina l’ha lanciato quasi un decennio fa. Ma i funzionari cinesi dubitano che sia loro.

Indipendentemente da chi sia, gli scienziati si aspettano che il corpo scavi una buca larga da 10 a 20 metri e mandi polvere lunare in volo per centinaia di chilometri attraverso la superficie sterile e piena di vesciche.

È relativamente facile tenere traccia della spazzatura spaziale a bassa orbita. È improbabile che gli oggetti che esplodono in profondità nello spazio entrino in collisione con qualcosa, e questi pezzi distanti vengono solitamente dimenticati, ad eccezione di alcuni osservatori a cui piace interpretare il detective celeste sul lato.

Ma per chi è questa robaccia?

SpaceX originariamente ha preso un colpo per l’imminente cucciolata lunare dopo che il tracker di asteroidi Bill Gray ha stabilito la sua rotta di collisione a gennaio. Si è corretto un mese dopo, dicendo che l’oggetto “misterioso” non era un razzo SpaceX Falcon nella fase superiore del lancio del Deep Space Climate Observatory della NASA nel 2015.

Gray ha detto che era probabilmente il terzo stadio di un razzo cinese che ha inviato una capsula campione di prova sulla luna e viceversa nel 2014. Ma i funzionari del ministero cinese hanno affermato che lo stadio superiore è rientrato nell’atmosfera terrestre e si è bruciato.

READ  Migliaia di asteroidi orbitano vicino alla Terra. L'osservatore della NASA di nuova generazione ci aiuta a proteggerci

Ma ci sono state due missioni cinesi con nomi simili – il volo di prova e la missione di ritorno sulla luna nel 2020 – e gli osservatori statunitensi ritengono che le due si stiano confondendo.

Il comando spaziale degli Stati Uniti, che tiene traccia della spazzatura spaziale a bassa quota, ha confermato martedì che lo stadio superiore della missione lunare del 2014 della Cina non ha mai deviato dall’orbita, come descritto in precedenza nel suo database. Ma non poteva confermare il paese di origine della cosa che stava per colpire la luna.

“Siamo concentrati sulle cose più vicine alla Terra”, ha affermato un portavoce dell’azienda in una nota.

Gray, il matematico e fisico, ha detto che ora era fiducioso che fosse il missile cinese.

“Sono diventato un po’ più cauto in tali questioni”, ha detto. “Ma non vedo proprio come potrebbe essere qualcos’altro.”

Jonathan McDowell dell’Harvard and Smithsonian Center for Astrophysics sostiene la valutazione rivista di Gray, ma osserva: “L’effetto sarà lo stesso. Lascerà un altro piccolo cratere sulla Luna”.

Perché la luna è coperta di crateri?

La luna contiene già innumerevoli crateri, larghi fino a 2.500 chilometri. Con poca o nessuna atmosfera reale, la Luna è indifesa contro una raffica costante di meteore e asteroidi e l’occasionale astronave in arrivo, inclusi alcuni deliberatamente schiantati per il bene della scienza. Senza tempo, non c’è usura e quindi i pozzi di impatto durano per sempre.

Mostra l’immagine rilasciata il 9 ottobre 2009, dopo che due veicoli spaziali americani si sono scontrati in un cratere lunare. Senza tempo, non c’è usura e quindi i pozzi di impatto durano per sempre. (NASA/Reuters)

La Cina ha un lander lunare sul lato opposto della luna, ma sarà troppo lontano dal rilevare l’impatto di venerdì a nord dell’equatore. Anche il Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA sarà fuori portata. È improbabile che anche l’India in orbita attorno alla luna Chandrayaan-2 passi in quel momento.

“Speravo in qualcosa [significant] Per colpire la luna per molto tempo. Idealmente, avrebbe colpito il lato più vicino della luna in un punto in cui possiamo effettivamente vederlo”, ha detto Gray.

Fissando il prossimo successo su SpaceX di Elon Musk, Gray ha dato un’altra occhiata dopo che un ingegnere del Jet Propulsion Laboratory della NASA ha messo in dubbio la sua affermazione. Ora, è “pienamente convinto” che si tratti di una parte di un razzo cinese, basato non solo sul tracciamento orbitale per il suo lancio nel 2014, ma anche sui dati ricevuti dall’esperimento Ham Radio di breve durata.

Il JPL Center for Near-Earth Object Studies supporta la rivalutazione di Gray. Un team dell’Università dell’Arizona ha recentemente identificato un segmento di un razzo cinese Long March dalla luce riflessa dal suo rivestimento, durante le osservazioni del telescopio del cilindro deflettore.

È lungo circa 12 metri e ha un diametro di tre metri.

I bambini stanno di fronte ai modelli dei razzi spaziali della lunga marcia della Cina alla China Beijing International High-Tech Fair a Pechino il 10 giugno 2017. Si ritiene che parte di un razzo cinese lanciato nel 2014 sia l’oggetto diretto alla luna. (Mark Schiefelbein/Associated Press)

Gray ha detto che SpaceX non lo ha mai contattato per contestare la sua affermazione originale. Né lo sono i cinesi.

“Non è un problema di SpaceX, né è un problema della Cina”, ha detto Gray. “Nessuno è particolarmente entusiasta di quello che fanno con la spazzatura in questo tipo di orbita”.

Secondo McDowell, rintracciare i resti di una missione nello spazio profondo come questa è complicato. La gravità della luna può cambiare la traiettoria di un oggetto durante il volo, creando incertezza. McDowell ha notato che non esiste un database prontamente disponibile, ad eccezione di quelli “raggruppati insieme” da lui stesso, Gray e altri due.

“Ora siamo in un’era in cui molti stati e società private stanno mettendo le cose nello spazio profondo, quindi è tempo di iniziare a seguirle”, ha detto McDowell. “Al momento non c’è nessuno, solo pochi fan nel tempo libero”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.