Webb Telescope vede lo strano triplo ammasso di galassie nel mezzo di una supernova

Webb Telescope vede lo strano triplo ammasso di galassie nel mezzo di una supernova

Guarda attentamente questa foto e potresti pensare di vedere delle triple.

Una nuova immagine del James Webb Space Telescope mostra tre versioni dello stesso ammasso di galassie che ospitano una supernova, il tipo più luminoso e violento di esplosione spaziale conosciuto.

Le triadi cosmiche non sono la creazione di un telescopio difettoso, ma piuttosto una stranezza della natura chiamata “lente gravitazionale(Si apre in una nuova scheda)Qualcosa che Albert Einstein aveva predetto nella sua teoria della relatività generale più di un secolo fa.

Guarda anche:

Un errore nel telescopio di Webb ha portato a una scoperta sorprendente

Come funziona la lente gravitazionale?

L’inversione gravitazionale si verifica quando un corpo celeste ha una forza gravitazionale così enorme da deformare il tempo e lo spazio attorno a sé. La NASA usa spesso l’analogia di una palla da bowling appoggiata su un materasso di gommapiuma o su un trampolino per illustrare come si piega il tessuto dello spazio-tempo. La luce che altrimenti viaggia curva diritta e viene distorta mentre attraversa lo spazio-tempo deformato.

La lente gravitazionale ha anche la capacità di duplicare gli oggetti, nel modo in cui uno specchio divertente può creare più immagini irregolari.

In questo caso, il Galassia ammasso RX J2129(Si apre in una nuova scheda), situato a 3,2 miliardi di anni luce dalla Terra nella costellazione dell’Acquario, funge da enorme lente d’ingrandimento nel cielo. Questo fenomeno naturale consente agli scienziati di vedere oggetti più distanti nell’universo, facendoli apparire più luminosi. Il potere di prescrizione aggiuntivo delle lenti gravitazionali potrebbe aiutare a estendere la visione di Webb, il telescopio spaziale più potente del mondo, per vedere le galassie passate.

La lente gravitazionale ha anche la capacità di duplicare gli oggetti, nel modo in cui uno specchio divertente può creare più immagini irregolari.

Gli astronomi sono ora esperti nel rilevare gli effetti rivelatori delle lenti gravitazionali, ma non è sempre stato così. Quattro decenni fa, gli archi concentrici di luce e i corpi celesti distesi sarebbero stati molto confusi. Nel 1987, si pensava che un enorme arco blu di centinaia di trilioni di miglia di diametro fosse per la prima volta uno degli oggetti più grandi mai scoperti nello spazio. Il Sagittario si trova vicino all’ammasso di galassie Abell 370, con un altro oggetto simile vicino all’ammasso di galassie 2242-02.

Vuoi più conoscenza Le notizie tecnologiche vengono recapitate direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla migliore newsletter di Mashable Oggi.

Nello stesso anno, gli scienziati della Stanford University e del National Optical Astronomy Observatory in Arizona hanno stabilito che si trattava in realtà di illusioni ottiche distorte da Abel 370. Il New York Times ha pubblicato una storia su Inclusione “strana”(Si apre in una nuova scheda) Dalla teoria di Einstein, intitolata “Un vasto oggetto cosmico ridotto a un miraggio”.

Cos’è una supernova di tipo Ia?

La supernova all’interno dell’ammasso lenticolare contiene una stella nana bianca.
Credito: ESA/NASA/CSA/P.Kelly

La supernova nella nuova immagine è stata scoperta per la prima volta utilizzando il telescopio spaziale Hubble. Durante quelle osservazioni di Hubble, i ricercatori sospettavano che fosse un lontano esempio del cosiddetto Supernova di tipo Ia(Si apre in una nuova scheda). Ciò include una nana bianca, il denso residuo di una stella che non può più bruciare combustibile nucleare nel suo nucleo. La nana bianca quindi raschia via il materiale stellare dalla stella vicina.

Quando una stella in fase di alimentazione raggiunge circa 1,4 volte la massa del Sole, esplode, non essendo più in grado di sostenere il proprio peso.

C’è una ragione per cui gli scienziati hanno utilizzato il telescopio Webb, una collaborazione tra la NASA, l’Agenzia spaziale europea e l’Agenzia spaziale canadese per rivisitarlo. Queste supernovae hanno un’illuminazione abbastanza costante, quindi forniscono utili strumenti di misurazione per gli astronomi: la distanza di una supernova di tipo Ia dalla Terra è proporzionale a quanto è luminosa o fioca.

La luce della supernova può aiutare gli astronomi a vedere come RX J2129 stia migliorando gli oggetti sullo sfondo. A loro volta, queste informazioni sulla forza del suo ingrandimento possono dare ai ricercatori un’idea di quanto sia massiccio l’ammasso di galassie.

READ  Virus del Nilo occidentale rilevato nelle zanzare a Chatham

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *