GUARDA: Paul McGrath compie oggi 62 anni: rivivi i suoi momenti più belli al Giants Stadium nel 1994

Oggi una delle icone del calcio irlandese Paul McGrath compie 62 anni e non c’è momento migliore per rivendicare la più grande prestazione irlandese di tutti i tempi, McGrath contro l’Italia a USA 94.

Una mezza prestazione del centrocampo senior in una storica vittoria per 1-0 sui finalisti sarebbe uno dei più grandi risultati di sempre dell’Irlanda sulla scena internazionale.

Il lento chip di Ray Houghton sul portiere dell’Italia Gianluca Pagliuca ha regalato alla squadra di Jack Charlton una famosa vittoria nella partita di apertura della Coppa del Mondo.

La chiave di tutto ciò è stata la prestazione impeccabile di McGrath che, insieme a Phil Pape, Pepe Signori e il miglior giocatore del mondo, Roberto Baggio, ha taciuto tutta la notte.

Il nativo Dún Laoghaire ha preso di testa, preso a calci e affrontato qualsiasi cosa si muovesse quando gli irlandesi hanno conquistato il New Jersey e hanno visto una meritata vittoria.

Un intervento particolarmente importante del difensore lo ha fatto allungare a lunghezze apparentemente disumane per negare a Electric Signori una corsa di punizione in porta.

Il lancio lungo di Baki Bonner è stato intercettato da Franco Baresi, e con un tocco, il capriccioso attaccante della Lazio Baggio ha giocato in porta.

Se non vedi il video, clicca Qui.

Sembrava che ci fossero poche possibilità che qualcuno sarebbe stato in grado di fermarlo senza contaminarlo – e di fronte a un certo cartellino rosso – ma McGrath ha fatto un incredibile lavoro strisciante per sconfiggere il pericolo.

Mentre alcuni spettacoli irlandesi degli ultimi tempi – in particolare Richard Dunn a Mosca nel 2011 – sono stati relegati allo spettacolo di McGrath, nessuno di loro può davvero essere paragonato.

READ  Brian e Nouvel si preparano per il successo italiano

Dunn ha messo alla prova il suo corpo—letteralmente, quando ha schiaffeggiato la sua faccia contro la pista di atletica allo Stadio Olimpico—in un’esibizione contro il muro in un’improbabile partita 0-0.

Al contrario, McGrath è stato un talismano in una partita poiché l’Irlanda non era abbastanza infastidita da quella che era probabilmente la migliore squadra del mondo a quel punto.

Paul McGrath in una partita contro l’Italia al Giants Stadium, New Jersey ai Mondiali del 1994

In effetti, i ragazzi in verde erano così impassibili che gli italiani hanno segnato 1-0, se c’è stato: Houghton è andato vicino di nuovo in ritardo prima che John Sheridan scuotesse la barra.

Ciò che ha reso l’ultimo movimento di rovescio di McGrath è stato il fatto che è entrato in gioco con un braccio legato dietro la schiena, almeno in senso figurato.

Il 34enne aveva da tempo perso la cartilagine delle ginocchia, ma non aveva assolutamente alcun movimento al braccio sinistro a causa degli effetti del virus che stava vivendo.

Anni dopo, McGrath ha dichiarato: “Avevo bisogno di cinque passi per trovare il mio passo. Contro giocatori del calibro di Giuseppe Signori e Roberto Baggio, è stata una prova snervante”.

“Se guardi le immagini di quel gioco, il mio braccio potrebbe anche essere legato a una corda. È appeso accanto a me, come un ramo tagliato su un albero”.

Nel 2019 si è ampliato ulteriormente: “Non avrei dovuto essere vicino a un campo di calcio quel giorno, eppure la gente mi parla ancora dopo tutti questi anni della mia prestazione contro l’Italia.

READ  Collegamento dell'attaccante della Fiorentina Dusan Vlahovic e altre voci sul trasferimento del Manchester City

L'irlandese Paul McGrath segna un colpo di testa con l'inglese John Barnes a Stoccarda a Euro 1988
L’irlandese Paul McGrath segna un colpo di testa con l’inglese John Barnes a Stoccarda a Euro 1988

“Quando mi guardo indietro ora, devo chiedermi, come diavolo ho fatto? Non c’era modo in cui sentissi di poter superare il gioco ed esibirmi vicino al mio meglio dato lo stato in cui mi trovavo.

“Ad essere onesti, non ero in grado di giocare. Charlton lo sapeva, lo sapevo e se i giocatori italiani avessero avuto occhi, avrebbero risolto anche loro abbastanza velocemente, dato che il mio braccio sinistro era difficile da muovere.

“Quando sono uscito dal Giants Stadium, ho pensato che fosse ridicolo. Non dovrei essere qui e lo sappiamo tutti.

“Le mie braccia oscillavano al mio fianco mentre cercavo di giocare una partita della Coppa del Mondo contro uno dei favoriti del torneo”.

I colleghi di McGrath erano abituati a prendersi cura di lui. E a causa della sua dipendenza dall’alcol, di cui parlava apertamente, spesso entrava nei giochi impreparato.

Dublin, ora stabilitosi a Wexford, ha ammesso di aver assistito ubriaco alle partite del club e della nazionale.

Per quanto McGrath sia stato un eroe per una generazione di ragazzi irlandesi sul campo, le sue lotte con i suoi demoni e imparare a convivere con loro fornisce una costante ispirazione.

Buon compleanno Paolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.