Ferrari definisce lo standard nella formazione qualificata

Ferrari definisce lo standard nella formazione qualificata

Ferrari, Toyota, Porsche e Cadillac si daranno battaglia per la pole position alla 24 Ore di Le Mans dopo una divertente sparatoria di qualifica piena di vere disavventure ed eccitazione – non solo per la sessione Hyperpole di domani, ma per la gara del centenario!

Ferrari-AF Corse e le due Ferrari 499P Hypercar guidano la classifica dopo questo primo round di qualifiche. A 30 minuti dalla fine, Antonio Fuoco stava solo cercando di entrare nei primi otto e assicurarsi un posto nella sessione di Hyperbowl di giovedì – invece è balzato in cima alla classifica con un tempo di 3’25.421.

E l’italiano non si è fermato qui, migliorandosi fino a 3’25.213, facendo segnare il miglior tempo nelle prove di qualificazione e il posto provvisorio.

Alessandro Pierre Guidi era appena dietro di lui a bordo della N. 51 con un tempo di appena un decimo di secondo dal migliore di Foucault. Sarebbe stato molto più veloce, però, se il veterano italiano non si fosse trovato dietro una GTE nella parte finale del suo miglior giro.

La coppia di GR010 ibride adornate di sakura della Toyota Gazoo Racing ha preso subito il comando, con il primo giro di Kamui Kobayashi sulla numero 7 che ha segnato il miglior tempo per la maggior parte di questa sessione, prima che diverse bandiere rosse interrompessero l’azione in pista, coinvolgendo entrambe le vetture LMP2.

Per prima cosa, a circa dieci minuti dall’inizio delle prove di qualificazione, Mathieu Vaxivier e Felipe Albuquerque si sono scontrati con il Ford Chicken. Albuquerque non era più soddisfatto di Vaxiviere, scoprendo che il francese aveva causato la collisione e la conseguente bandiera rossa. Lo 07-Gibson #36 Alpine Elf di Oreca non potrà partecipare alla sessione prima di aver fatto un giro veloce.

La bandiera rossa è uscita dopo 11 minuti e l’azione in pista è ripresa per alcuni minuti, prima di un insolito errore del brillante giovane danese, Malthe Jacobsen. Jacobsen è scivolato all’angolo di Indianapolis contro le barriere di pneumatici facendo uscire un’altra bandiera rossa.

Non solo il # 37 COOL Racing Oreca è stato bandito da un segmento di straordinari, ma il set di tempi di Jakobsen che probabilmente lo avrebbe mandato in Hyperpole è stato cancellato, poiché ha causato una bandiera rossa.

Dopo altri sette minuti e mezzo sotto bandiera rossa, le prove di qualificazione sono proseguite senza ulteriori interruzioni.

Kobayashi è uscito di testa ma è stato abbastanza bravo da finire terzo, davanti a Brendon Hartley sulla Toyota n. 8, che è stato il quarto più veloce.

READ  Agnelli è rimasto solo e la sua presidenza bianconera è "discutibile", secondo la stampa italiana

Porsche Penske Motorsports ha mandato due delle sue tre vetture in Hyperpole, la #5 e la #75, grazie ad alcuni tempi veloci della star del WEC Frederick Makowiecki al quinto posto, e della star dell’IMSA Philip Nasr sulla #75.

Kevin Esther ha provato a penalizzare tutte e tre le Porsche 963, ma non è riuscito a fare un giro pulito negli ultimi minuti e la Porsche 963 n. 6 sarebbe partita sabato pomeriggio.

Lo sforzo di Estre subito dopo ha permesso a entrambe le Cadillac Racing V-Series.R, gestite da Chip Ganassi Racing, di raggiungere l’Hyperpole. L’eroe della città natale Sébastien Bourdais è arrivato settimo a bordo della No. 3 Gold, e Earl Bamber ha mantenuto l’ultimo posto blu di trasferimento per il finale.

Solo 0,807 secondi hanno coperto le vetture che sono avanzate verso l’Hypercar Hyperpole. È, come si suol dire, un gioco continuo.

Sull’altro lato della linea di rifinitura, Peugeot TotalEnergies rimarrà a leccarsi le ferite dopo che il 9X8 aerodinamico di Peugeot – un design fatto su misura per i lunghi rettilinei di Le Mans e le curve veloci – non riesce ad arrivare all’estremità acuta della griglia.

Il tempo di Mikkel Jensen sulla #93 e quello di Loic Duvall sulla #94 sono partiti quarto e quinto dopo i primi minuti, ma nessuna delle due vetture è migliorata ed entrambe sono scese al decimo e undicesimo posto.

Entrambe le Glickenhaus Racing 007 superano le 680 del Floyd Vanwall Racing Team Vandervell, nella battaglia tra i produttori delle loro stesse supercar. La #708 di Glickenhaus Racing partirà 13°, la #709 14° e la #4 Vanwall 15°.

L’Hertz Team JOTA ha perso una sessione dopo che un problema con il sistema ibrido ha costretto Antonio Félix da Costa a strisciare lentamente in pista nei primi minuti, tornando a trascorrere la maggior parte della sessione al box per diagnosi e riparazioni. La dorata Porsche 963 numero 38 partirà dalla coda del campo di 16 hypercar sabato, ma alla fine è riuscita a tornare in pista per un giro.

Allo stato attuale, l’Hypercar Hyperpole suona come un intrattenimento indispensabile, ma NO Ignora ciò che LMP2 porta sul tavolo in termini di azione, dopo che le prime quattro vetture della classe sono state coperte da meno di un decimo di secondo dopo 60 minuti!

Proprio come le prove libere 1 di oggi, Pietro Fittipaldi è stato ancora una volta il più veloce a bordo della JOTA Oreca n.

Il tempo di Fittipaldi di 3’34.751 è stato migliore di Louis Deletraz nella #41 Team WRT Oreca di soli 2 millesimi. Non si trattava del primo posto – tranne che per una sorta di “atto di Dio” domani – ma immagina le scene se domani avessimo un altro combattimento ravvicinato come questo!

READ  Eastbourne International live streaming: ultimi risultati e Wimbledon si qualifica con Coco Gauff che vince ma Katie Boulter è fuori

Nella fase Hyperpole sono arrivate anche le due vetture Prema Racing: un pilota in ritardo di Mirko Bortolotti è arrivato terzo con la numero 63, mentre la vettura numero 9 di Bent Viscaal ha mantenuto il posto di trasferimento in ottava posizione.

L’Oreca n. 48 di IDEC Sport ha sponsorizzato Delage per gentile concessione di Paul-Loup Chatin, così come il Vector Sport n. 10 con Gabriel Aubry.

Mentre il # 37 COOL Racing Oreca ha perso la possibilità di avanzare, Reshad de Gerus nel # 47 ha salvato un po’ di dignità per il team francese ed è arrivato tra i primi otto al posto di Jacobsen.

Ben Hanley sulla Nielsen Racing Oreca n. 14 era stato a lungo tra i primi otto, ma alla bandiera a scacchi si è ritrovato fuori dai primi otto.

Ma dopo la fine delle qualifiche, c’è stata una svolta sorprendente degli eventi: Dries Vanthoor non è riuscito a rallentare abbastanza entro il tempo richiesto durante la seconda bandiera rossa e il miglior tempo del team corse #923 in Turchia è stato cancellato. Questo ha fatto cadere il # 923 dai primi otto, riportando indietro Hanley e Nielsen Racing!

Ovviamente non è stato coinvolto il numero 13 Tower Motorsports Oreca. Dopo la caduta di Stephen Thomas nelle FP1, il telaio è in fase di sostituzione e il team non prenderà più parte alle attività della giornata in pista.


La classe LMGTE Am potrebbe aver resistito alla sessione di qualifiche di un’ora, ma lo sprint negli ultimi minuti ci ha offerto un’entusiasmante opportunità per l’Hyperpole.

Mentre gli altri restavano indietro, Alessio Rovira ha trovato un giro tranquillo per rubare la pole position provvisoria a Richard Mille AF Corse, la Ferrari 488 GTE EVO #83 in 3’51.877, sfiorando di tre centesimi l’ex best-in-class per AF di David Rijon Corse, la vettura: la numero 54 in 3’51.914 è un’altra Ferrari da qualificazione 1-2 di AF Corse, rispecchiando la classifica Hypercar.

Le due prime sessioni di bandiera rossa hanno ritardato il completamento di tutti i giri di cronometraggio GTE Am, quindi il gruppo era sotto pressione per mettere insieme le cose.

Jonas Reid ha quasi complicato ulteriormente le cose spingendo la sua Porsche Proton n.

Anche Michelle Gatting ha fatto girare la classica Dunlop Curves con la Porsche #85 Iron Dames – senza contatto – ma l’auto rosa si è fermata in avvicinamento alla curva Mulsanne, aggiungendosi a un’altra area lenta recentemente creata dalla Porsche #56 Project 1-AO che ha ulteriormente impoverito la sua offerta Porsche.

READ  Gli sport professionistici (e amatoriali) da vedere a Bologna

Oltre alla precedente escursione fuori pista nelle prove libere 1, la Corvette C8.R di Nicky Catsburg era fuori pista e ha trascorso molto tempo nel suo box, registrando solo pochi giri per la sessione.

Ma a tre minuti dalla fine, l’olandese ha fatto un giro pulito superando di due decimi il miglior tempo di Charlie Eastwood sulla #25 ORT by TF Aston Martin: 3’52.228, terzo tempo della Corvette #33.

“L’auto è stata gravemente danneggiata”, ha detto Ben Keating. “Le regole significavano che dovevamo cambiare le cinture di sicurezza, il che è un grosso lavoro. Le bandiere rosse hanno aiutato, ma non sapevamo se potevamo farlo. Dalla telecamera di bordo si poteva vedere che era difficile guidare e il ha fatto un lavoro straordinario.” Per dare a Nicky un’auto con cui può farle risparmiare tempo.”

Le Ferrari di Kessel Racing hanno centrato l’Hyperpole, quinta più veloce con la #57 CarGuy Yellow, e la corsa in ritardo di Kei Cozzolino mentre la nera e l’arancione di Ponos hanno portato la #74 nello slot finale per la sparatoria di domani sera.

L’Aston Martin di GMB Motorsport sembra solida e sottile, con Marco Sorensen che ha ottenuto un terzo posto all’inizio della sessione che sarebbe comunque arrivato sesto.

Tuttavia, non appariranno Porsche. Alessio Picariello ha mancato di poco il taglio degli IronLink nella numero 60 e la Dempsey Proton Porsche numero 77 di Julian Underlauer era insolitamente fuori dal comando. Anche Alex Riberas ha mancato il bersaglio con l’Aston Martin #98 NorthWest AMR.

Spedita dal Regno Unito per sostituire l’auto D’station Racing gravemente danneggiata, questa Aston Martin Vantage AMR sostitutiva è l’unica auto a perdere la sessione.

Gli onori “qualificati” di Hendrik Motorsports sono stati presi da Mike Rockenfeller, con un tempo di 3’47.976 nelle prime ore. L’auto è stata scambiata senza drammi nella classe su invito del Garage 56 e il divario di velocità tra la Chevrolet Camaro ZL1 Le Mans Special n. 24 e le auto GTE Am più veloci sta crescendo a un ritmo sorprendente!

Risultati pratica qualificata >>>

La notte non finirà in pista: le prove libere 2 daranno ai team ampie opportunità per i loro piloti di correre al riparo della notte, a partire dalle 22:00 ora locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *