La peggiore siccità mai registrata colpisce la Catalogna spagnola, scatenando paure e creatività | Notizie sull'ambiente

La peggiore siccità mai registrata colpisce la Catalogna spagnola, scatenando paure e creatività |  Notizie sull'ambiente

Barcellona, ​​Spagna – La Fontana Magica è una popolare attrazione turistica dove getti d'acqua colorati si lanciano nell'aria mentre si suonano brani classici o pop.

Non più.

Come le fontane di tutta Barcellona, ​​è un po' secca e miserabile con cartelli che dicono: “Fontana chiusa per siccità”.

Lo spettacolo musicale gratuito che si tiene nell’area dell’acqua, che si svolge da quasi 100 anni, è un’altra vittima di quella che le autorità catalane nel nord della Spagna hanno descritto come “la peggiore siccità mai registrata”.

Dopo tre anni senza piogge prolungate, nel fine settimana sono state adottate misure di emergenza, tra cui il divieto di ricaricare o riempire le piscine negli hotel o nei campeggi a meno che non venga utilizzata acqua riciclata.

La Magic Foundation, un tempo popolare luogo turistico, è stata chiusa a causa della siccità. Il cartello recita: Aerei a terra come misura di risparmio a causa della siccità [Courtesy: Ana Miquel]

Le autorità portuali di Barcellona hanno affermato che se i cieli non si apriranno nei prossimi mesi, la Spagna potrebbe aver bisogno di due navi al giorno per trasportare l'acqua da Valencia alla capitale catalana.

I turisti che visitano la Catalogna – la regione turistica più popolare della Spagna, che ha attirato 18 milioni di visitatori lo scorso anno – si trovano ad affrontare la prospettiva della chiusura delle piscine poiché gli esperti prevedono che le piscine inevitabilmente si prosciugheranno a causa di fuoriuscite ed evaporazione.

L'unica eccezione è rappresentata dalle piscine utilizzate per motivi medici.

Paure estive

Con l’avvicinarsi della redditizia stagione turistica estiva, i campeggi stanno esplorando modi per utilizzare l’acqua di mare per le piscine. Una possibilità è portare l’acqua di mare nelle piscine, ma questo è costoso.

Il lavaggio delle auto e l’irrigazione dei giardini pubblici sono vietati come parte della prima fase di questo piano di emergenza, a meno che l’acqua non provenga da un sistema di riciclaggio approvato.

I club di nuoto con piscine all’aperto sono esenti – per ora – ma è vietato l’uso delle docce. I resoconti televisivi hanno mostrato che i box doccia erano coperti con nastro adesivo in modo che non potessero essere utilizzati. La balneazione in spiaggia è stata sospesa.

READ  Un accordo euro-britannico per la fase "post Brexit" - un mondo - fuori dai confini

Sulla spiaggia di Giava, cittadina a sud di Barcellona, ​​Lavinia Mestre approfittava del caldo fuori stagione di febbraio per godersi una nuotata veloce.

“Conosco alcune persone che hanno smesso di venire in spiaggia a causa della mancanza di docce. Ma io porto una bottiglia e uso l'acqua di mare per rimuovere la sabbia dalle gambe”, ha detto ad Al Jazeera Mistry, una studentessa di 20 anni.

“Capisco perché hanno smesso di fare la doccia, e non è un grande sacrificio nel mezzo di una siccità.”

“La peggiore siccità mai registrata”

A Barcellona molte persone sono andate a lavorare dopo mesi senza pioggia.

Mentre Anna Mikkel aspettava che l'acqua si scaldasse nella sua cucina, ha raccolto cinque litri in una bottiglia.

“Non abbiamo altra scelta che risparmiare acqua. È ridicolo sprecare acqua quando soffriamo di siccità cronica”, ha detto ad Al Jazeera Miquel, 65 anni, direttore d'albergo in pensione che vive a Barcellona.

Le restrizioni colpiscono circa sei milioni di persone a Barcellona e in 200 città, ovvero circa l’80% della popolazione della regione.

Siccità a Barcellona
Mikel Marti sta usando l'acqua della doccia per tirare lo sciacquone mentre Barcellona soffre di una grave siccità [Courtesy: Miquel Marti]

Miquel Martí, docente universitario di pianificazione urbana a Barcellona, ​​ritiene che le persone debbano cambiare il loro comportamento mentre vivono in periodi di siccità.

“Mettiamo un secchio nel bagno per raccogliere l'acqua e poi la usiamo nella toilette. Prendiamo meno acqua per lavarci e ci assicuriamo che la lavatrice non abbia un ciclo lungo. Dobbiamo cambiare il modo in cui viviamo”, Marty, 50, ha detto ad Al Jazeera.

Le autorità non si fanno illusioni sulla gravità della siccità, che secondo i dati del governo spagnolo ha portato i serbatoi d'acqua nella regione a scendere al 15,8% del livello normale.

READ  Uragano Franklin: le ultime novità sulla scia della tempesta

“È la peggiore siccità mai registrata”, ha detto Pere Aragonés, presidente regionale della Catalogna, in una conferenza stampa la settimana scorsa.

Le misure di emergenza sono progettate per ridurre la quantità giornaliera consentita per uso residenziale da 210 a 200 litri (da 55 a 53 galloni) per persona.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, una doccia media di 10 minuti utilizza da 150 a 200 litri (da 40 a 53 galloni).

La maggior parte delle famiglie di Barcellona è già ben al di sotto di questo limite. Tuttavia, gli hotel utilizzano quantità di acqua molto più elevate, secondo un sondaggio del 2016 dell’Autorità per lo sviluppo regionale di Barcellona, ​​che ha dimostrato che le vasche idromassaggio e le piscine delle strutture a cinque stelle superano i 540 litri (143 galloni) per ospite al giorno.

La Barcelona Hotel Guild, un ente del settore, ha risposto pubblicando un rapporto del 2022 in cui si afferma che, dopo anni di campagna sull’uso sostenibile dell’acqua, l’uso medio giornaliero per persona negli hotel a cinque stelle è sceso a 242 litri (64 galloni).

Urban Hotels, che possiede tre hotel a Barcellona, ​​ha chiesto agli ospiti di prendere parte a una “sfida della doccia di quattro minuti”.

“Abbiamo deciso di andare oltre e coinvolgere i nostri ospiti affinché possano fare la doccia in quattro minuti”, ha affermato Javier Diaz, Direttore Hotel e Sostenibilità.

Se la pioggia non cade prima della primavera, il limite personale giornaliero sarà ridotto a 180 litri (47 galloni), poi a 160 litri (42 galloni).

Con le nuove restrizioni, l’irrigazione agricola deve essere ridotta dell’80%, l’uso dell’acqua nell’allevamento deve essere dimezzato e nel settore industriale e ricreativo del 25%.

Se attivata, la seconda fase di restrizioni vedrebbe la sospensione delle docce nelle palestre.

READ  Questo pescatore vacilla sul più grande pesce gatto blu fino ad oggi nel fiume Mississippi

“Un clima senza pioggia da anni”

La crisi idrica della Catalogna arriva dopo che la Spagna e altre parti d’Europa hanno sofferto una serie di ondate di caldo lo scorso anno che hanno esaurito le riserve attraverso l’evaporazione mentre i consumi aumentavano.

In Andalusia, nel sud della Spagna, una profonda siccità ha spinto le autorità a prendere in considerazione misure di emergenza simili.

Antonio Arrexabala, esperto di idrologia presso l'Università di Saragozza, afferma che la crisi idrica della Spagna è causata dalla mancanza di piogge e dall'uso eccessivo di acqua in agricoltura, che rappresenta solo il 2,3% del prodotto interno lordo del paese.

Siccità a Barcellona
Ana Miquel, direttrice d'albergo in pensione di Barcellona, ​​raccoglie l'acqua nella sua cucina [Courtesy: Ana Miquel]

“Abbiamo un clima senza pioggia da anni e un uso eccessivo di acqua in agricoltura. Circa l'85% dell'uso dell'acqua è destinato all'agricoltura. Il resto è per uso umano e industriale”.

“La Spagna è una delle regioni più aride d'Europa, ma ha una delle maggiori impronte idriche in termini di tipo di prodotti che esportiamo, come pomodori o altri frutti.”

Gli esseri umani hanno adattato il loro comportamento ai cambiamenti climatici, ma l’agricoltura non è cambiata abbastanza velocemente, ha detto Arixabala.

La siccità non colpisce solo gli esseri umani ma distrugge anche gli alberi, che sono essenziali per assorbire l’anidride carbonica che impedisce ulteriori cambiamenti climatici.

“La mancanza di pioggia significa che gli alberi sono più deboli e più vulnerabili alle malattie e alla siccità. Maria González Santis, del Centro di scienza e tecnologia forestale della Catalogna, che ha pubblicato il rapporto, ha affermato: un report Lunedì sui danni che i cambiamenti climatici stanno causando alla vegetazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *