L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione afferma che in Sudan le persone “muoiono di fame”. Notizie sulla fame

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione afferma che in Sudan le persone “muoiono di fame”.  Notizie sulla fame

Il Programma alimentare mondiale ha invitato le parti in conflitto in Sudan a fornire immediate garanzie di sicurezza per la consegna degli aiuti.

L’agenzia alimentare delle Nazioni Unite ha affermato di aver ricevuto segnalazioni di persone che muoiono di fame in Sudan e che il numero di persone affamate è raddoppiato nell’ultimo anno poiché i civili sono stati privati ​​degli aiuti a causa della guerra in corso.

“La situazione odierna in Sudan è a dir poco catastrofica”, ha affermato Eddie Roux, rappresentante del WFP e Direttore nazionale in Sudan.

“Milioni di persone sono state colpite dal conflitto. Il Programma alimentare mondiale fornisce cibo in Sudan, ma la mancanza di accesso umanitario e altri ostacoli inutili stanno rallentando le operazioni”, ha aggiunto venerdì in una dichiarazione.

Ha aggiunto: “Gli aiuti salvavita non raggiungono coloro che ne hanno più bisogno, e stiamo già ricevendo segnalazioni di persone che muoiono di fame”.

Dall’inizio della guerra in Sudan, ad aprile, quasi 18 milioni di persone in tutto il Paese stanno affrontando una fame acuta, di cui oltre cinque milioni soffrono di livelli di fame di emergenza nelle aree più colpite dal conflitto.

Il Programma alimentare mondiale ha invitato le fazioni in guerra del Sudan – l'esercito e le forze paramilitari di supporto rapido – a fornire garanzie immediate per la consegna senza ostacoli degli aiuti.

“Le persone stanno davvero lottando per permettersi un pasto base al giorno. Quelli con i più alti livelli di fame stanno ricorrendo a meccanismi estremi per mettere il cibo nei loro piatti”, ha detto ad Al Jazeera dal Kenya Leni Kinzley, responsabile delle comunicazioni del WFP Sudan. capitale, Nairobi, inclusa la vendita di tutto ciò che possiedono”.

READ  Il più grande pool di donatori finanziato da Trump che ha preceduto le rivolte sul Campidoglio degli Stati Uniti: rapporto

“La sfida più grande in realtà è che non siamo in grado di fornire assistenza oltre le linee di conflitto. Non otteniamo garanzie di sicurezza e approvazioni per spostare liberamente le merci”, ha aggiunto.

Consegne di aiuti limitate

Il Programma alimentare mondiale è stato in grado di fornire assistenza solo a una persona su 10 nelle aree di conflitto, tra cui Khartoum, la regione occidentale del Darfur e lo Stato di Gezira, dove recentemente sono avanzate le Forze di supporto rapido.

L'agenzia ha aggiunto in un comunicato che sta cercando di ottenere garanzie di sicurezza per riprendere le operazioni sull'isola, che in precedenza era un centro di aiuti verso il quale molti fuggivano da Khartoum.

Il Programma alimentare mondiale ha affermato che le consegne di aiuti in Sudan sono state recentemente limitate perché 70 camion sono rimasti bloccati a Port Sudan per più di due settimane e altri 31 sono rimasti bloccati a El Obeid per più di tre mesi. L'esercito controlla entrambe le città.

Kinzli ha affermato: “Per ogni camion che vogliamo trasportare dal porto del Sudan a un altro luogo, dobbiamo ottenere timbri e firme dalle varie autorità, e questo richiede tempo prima che tali permessi vengano concessi”, invitando la comunità internazionale a sostenere il popolo del Sudan e motivare i partiti politici a garantire l’agevolazione dell’arrivo degli aiuti nel Paese.

“Ognuno dei nostri camion deve essere in viaggio ogni giorno per consegnare cibo al popolo sudanese”, ha sottolineato Rowe.

Il Programma alimentare mondiale ha affermato che il numero delle persone che soffrono la fame in Sudan è più che raddoppiato rispetto a un anno fa. Le Nazioni Unite hanno affermato che dopo nove mesi di sanguinosa guerra, quasi otto milioni di persone sono state costrette a lasciare le proprie case.

READ  Gli Stati Uniti annunciano la prima carenza di giacimenti occidentali, che porta a riduzioni

Gli sforzi per negoziare la fine dei combattimenti in Sudan finora non hanno prodotto alcun progresso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *