La neve ostacola le operazioni di salvataggio e la consegna di aiuti alle comunità isolate dopo che i terremoti in Giappone hanno ucciso 161 persone – Business News

La neve ostacola le operazioni di salvataggio e la consegna di aiuti alle comunità isolate dopo che i terremoti in Giappone hanno ucciso 161 persone – Business News

Hiro Kumai, Ayaka McGill e Yuri Kajiyama, Associated Press – | Storia: 466030

Lunedì, una settimana dopo, le squadre di soccorso hanno lavorato nella neve per consegnare rifornimenti ai villaggi isolati Un forte terremoto colpisce il Giappone occidentaleUccisione di almeno 161 persone.

Le forti nevicate nella prefettura di Ishikawa durante il fine settimana e l'inizio della nuova settimana hanno aumentato l'importanza della situazione.

Dopo Capodanno si è verificato un terremoto di magnitudo 7,6Rimangono disperse 103 persone, in calo rispetto alle oltre 200 segnalate in precedenza, e 565 persone sono ferite. Sono seguite centinaia di scosse di assestamento, che hanno colpito la penisola di Noto, dove si sono concentrati i terremoti.

Taiyo Matsushita ha camminato per tre ore nel fango per raggiungere un supermercato nella città di Wajima per comprare cibo e altre provviste per la sua famiglia. La casa dove vive con la moglie e i quattro figli, e una ventina di case vicine, fa parte di più di una dozzina di comunità isolate dalle frane.

L'elettricità è andata via e nel giro di poche ore non potevano nemmeno usare i loro telefoni cellulari, ha detto a Jiji Press.

“Vogliamo che tutti sappiano che gli aiuti non arrivano in alcune zone”, ha detto Matsushita citato da Jiji Press. “Sentiamo un forte legame con questa comunità. Ma quando penso ai miei figli, è difficile immaginare che possiamo continuare a vivere qui.”

READ  Mentre l'invasione dell'Ucraina continua, gli Stati Uniti mettono in guardia la Cina dall'aiutare la Russia a eludere le sanzioni

sabato tardi, Una donna di 90 anni è stata salvata Da una casa crollata a Suzu, nella prefettura di Ishikawa, dopo 124 ore sotto le macerie. Fu accolta con grida di incoraggiamento, anche se l'oscurità e la lunga copertura di plastica blu la nascondevano alla vista.

Le possibilità di sopravvivenza sono notevolmente ridotte dopo le prime 72 ore.

Dei morti, 70 sono avvenuti a Wajima, 70 a Suzu, 11 ad Anamizu e il resto in numero minore distribuito in quattro città. Secondo quanto riferito dai media giapponesi, i vigili del fuoco e altri funzionari addetti al disastro stavano cercando di raggiungere nove persone che si ritiene siano sepolte sotto le case crollate ad Anamizu.

I funzionari di Ishikawa affermano che 1.390 case sono state distrutte o gravemente danneggiate. Molte delle case in quella zona costiera occidentale dell’isola principale sono vecchie e in legno. Le auto giacevano su strade sconnesse e sconnesse. Detriti e autostrade coperti di neve. Fili appesi a pali sbilenchi.

Quasi 30.000 persone evacuate nelle scuole, nei corridoi e nelle strutture comunitarie hanno dormito su pavimenti freddi. Tremavano per la paura delle scosse di assestamento. Pregavano affinché i loro cari scomparsi fossero al sicuro. Altri piansero in silenzio per coloro che morirono.

Mikihito Kokon, uno degli sfollati, era preoccupato per quello che la nevicata avrebbe potuto causare alla sua casa, che era ancora in piedi ma in rovina.

“Non sai nemmeno da dove cominciare o dov'è l'ingresso”, sospirò.

Alcune persone vivevano delle loro auto e si formavano lunghe file alle stazioni di servizio. Le scorte di cibo e acqua erano scarse. Sono aumentate le preoccupazioni per la neve e le precipitazioni, che aumentano il rischio di smottamenti e ulteriori danni, poiché la neve accumulata sui tetti può radere al suolo le case che erano a malapena in piedi.

READ  I consiglieri sono stati frustrati dalle case sfitte durante la crisi immobiliare

Un incendio durato ore ha distrutto gran parte di Wajima e lo tsunami ha travolto le case, sommergendo le auto in acque fangose.

“Stiamo facendo del nostro meglio per farcela, aiutandoci a vicenda, portando cose da casa e condividendole con tutti”, ha detto Cocon. “Ecco come viviamo adesso.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *