La magistratura francese rifiuta di cedere l’ex leader dell’ETA alla Spagna

La giustizia francese ha rifiutato, mercoledì, di estradare in Spagna un ex leader del gruppo terroristico basco ETA, la cui confessione in relazione alla sua partecipazione all’attacco di San Sebastian del 1996 è stata estratta sotto tortura durante il periodo di detenzione del 2001 nel paese iberico, secondo i media in Francia .

Il capo della sala investigativa della Corte d’appello di Parigi ha affermato che le autorità spagnole “non hanno risposto con sufficiente serietà e accuratezza al rischio di violare l’articolo 6 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo”, che garantisce il diritto a un processo equo, aggiungono i media.

La magistratura spagnola, Sorzabal Diaz, è sospettata di aver partecipato all ‘”installazione di un ordigno esplosivo” nell’ottobre 1996 davanti al tribunale di San Sebastian, per il quale l’organizzazione separatista basca ha rivendicato la responsabilità.

Sorzabal Diaz denuncia “maltrattamenti” sulla base di “scene di soffocamento o scosse elettriche”, a cui Madrid ha contestato dal suo rilascio nel 2001, secondo la stampa.

La magistratura spagnola si è basata anche su un manoscritto basco, che, a nostro avviso, è stato confiscato durante una perquisizione nell’aprile 2002 da parte di agenti di polizia francesi, in cui l’ex leader dell’ETA avrebbe confermato dichiarazioni rese durante la detenzione un anno prima.

Ma l’avvocato della signora Sorzpal Diaz ha fornito una nuova traduzione di questo documento, inclusa una pagina “dimenticata”, che ha chiarito che non si trattava di una confessione ma piuttosto di una testimonianza di ciò che Sorzabal Diaz sentiva fosse stato costretto. Dico durante questo asilo nido.

In tre casi precedenti, la Corte di cassazione aveva già definitivamente accettato di estradare l’ex presidente dell’ETA alle autorità spagnole. Ma se la Spagna dovesse arrendersi, secondo il suo avvocato dovrà prima terminare di scontare una pena in Francia, fino a maggio 2023.

READ  L'investitore miliardario Tom Barrack ritira i piani SPAC dopo l'incriminazione

(Con mappa)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *