L’opposizione taiwanese registra candidati separati dopo il fallimento del tentativo di unificazione Notizie sulle elezioni

L’opposizione taiwanese registra candidati separati dopo il fallimento del tentativo di unificazione  Notizie sulle elezioni

L’incapacità dell’opposizione di agire collettivamente potrebbe mettere William Lai del Partito Democratico Progressista in pole position nelle elezioni presidenziali del prossimo gennaio.

I partiti di opposizione di Taiwan hanno registrato candidati separati per le elezioni presidenziali del prossimo anno, poche ore dopo che un tentativo di presentare una candidatura congiunta contro il Partito Democratico Progressista al potere è fallito in diretta televisiva.

Il principale partito d’opposizione del Kuomintang, Ho Yu-ae, è candidato alla presidenza, mentre Ko Wen-ji si candiderà per il più piccolo Partito popolare di Taiwan.

Il Kuomintang ha scelto la personalità dei media filo-cinese Guo Shukung come compagno di corsa di Hu, mentre il Partenariato Trans-Pacifico ha scelto uno dei suoi legislatori, Cynthia Wu.

Terry Gou, il miliardario fondatore del fornitore Apple Foxconn, aveva annunciato in agosto che si sarebbe candidato come indipendente, ma nei sondaggi è molto indietro rispetto agli altri candidati e non è chiaro se si registrerà presso la commissione elettorale entro il 2009. :30 GMT scadenza venerdì.

“Il fallimento della coalizione (KMT-Trans-Pacific Partnership) ha deluso il 60% dell’opinione pubblica”, ha detto Hu in una conferenza stampa venerdì prima di registrare la sua candidatura.

“Ho chiamato Kou all’ultimo minuto, ma non ha risposto. Abbiamo aspettato fino all’ultimo minuto.”

Le elezioni previste per il 13 gennaio si terranno in un momento in cui Pechino, che considera Taiwan parte del suo territorio, intensifica la pressione militare e politica sull’isola autonoma. Il Partito Democratico Progressista, che sostiene che il popolo di Taiwan decide del suo futuro, sta candidando l’attuale vicepresidente William Lai, con Hsiao Pei-chim, ex inviato di Taipei negli Stati Uniti, come suo vice. La Cina li ha definiti “separatisti” e “duo indipendentista”.

READ  La polizia di Saanich individua l'auto, arresta il sospettato ricercato per rapina a mano armata

I partiti di opposizione, considerati più amichevoli nei confronti di Pechino, hanno annunciato la scorsa settimana che avrebbero schierato un candidato congiunto in una mossa che rappresenterebbe una grande sfida per Li, che guida con un ampio margine nei sondaggi di opinione.

Ma mentre lottavano per raggiungere un accordo, lo sforzo è crollato in modo sorprendente giovedì sera quando il KMT si è ritirato dai colloqui dell’ultimo minuto in un hotel di Taipei mediati da Go e trasmessi in diretta televisiva.

In un evento caratterizzato da discussioni e tira e molla, uno dei momenti più drammatici è arrivato quando Ho ha letto un messaggio di testo privato di Ko in cui si diceva che Cho aveva bisogno di “trovare una ragione” per ritirarsi dalla corsa presidenziale.

Ko, il cui gruppo è più piccolo, si è comportato al di sopra delle aspettative e recentemente è stato testa a testa con Ho.

Il Partito Democratico Progressista è unito

In mezzo ai disordini nell’opposizione, il DPP è rimasto unito con Lai e Hsiao che si sono registrati martedì e hanno portato avanti la loro campagna.

Partito Democratico Progressista [DPP] Il candidato alla vicepresidenza Hsiao Bee Khim si prepara a parlare ai media giovedì [I-Hwa Cheng/AFP]

Intervenendo ad una manifestazione giovedì sera, Lai ha criticato l’opposizione.

“Dovremmo osare di affidare il compito di gestire il paese a queste persone?” Egli ha detto. “Certo, non va bene.”

La Cina ha da tempo avvertito di essere pronta a usare la forza per prendere il controllo di Taiwan, e il KMT ha cercato di presentarsi come il partito più in grado di lavorare con la Cina ed evitare conflitti.

Giovedì, durante un incontro con i media, Hsiao del Partito Democratico Progressista ha affermato che la guerra “non è un’opzione” e che il partito è impegnato a mantenere lo status quo.

READ  La Banca Mondiale si sta preparando a ospitare il Fondo per le perdite e i danni climatici, nonostante le preoccupazioni

“È importante che la comunità internazionale chiarisca alle nostre controparti nello Stretto di Taiwan che il dialogo è l’unico modo per risolvere le differenze”, ha affermato.

Pechino ha interrotto i contatti ad alto livello con l’isola e ha intensificato le sue attività militari poco dopo la prima elezione della presidente Tsai Ing-wen nel 2016.

Ha continuato la pressione dopo aver vinto in maniera schiacciante le ultime elezioni del 2020, e ha anche condotto esercitazioni militari su larga scala per mostrare il suo disappunto dopo le visite ad alto livello nell’isola da parte di politici come l’allora presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. Nancy Pelosi o i viaggi all’estero di Tsai e Lai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *