Gli Stati Uniti e il Messico cercano di arginare l’afflusso “senza precedenti” di migranti

Gli Stati Uniti e il Messico cercano di arginare l’afflusso “senza precedenti” di migranti
  • Di Matt Murphy
  • Notizie della BBC, Washington

Commenta la foto,

Anthony Blinken ha condotto i negoziati, che sono stati chiusi alla parte americana

Gli Stati Uniti e il Messico hanno promesso di reprimere i trafficanti di migranti, poiché una crescente crisi migratoria causa il caos sul loro confine condiviso.

Il segretario di Stato Antony Blinken e il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador hanno discusso di come arginare il flusso di persone durante i colloqui a Città del Messico.

L’incontro ad alto livello avviene mentre cresce la pressione sulla Casa Bianca per fermare il flusso di migranti verso gli Stati Uniti.

Funzionari statunitensi hanno affermato la scorsa settimana che fino a 10.000 persone attraversavano il confine ogni giorno.

Sulla piattaforma

Parlando ai giornalisti sul volo di ritorno di Blinken a Washington, un alto funzionario dell'amministrazione Biden ha detto che la delegazione messicana è coinvolta nei piani per reprimere i trafficanti di migranti, che secondo i funzionari trasportano migranti in massa al confine su camion e treni.

“Siamo stati molto colpiti da alcune delle nuove misure adottate dal Messico e negli ultimi giorni abbiamo assistito a una diminuzione molto significativa dei valichi di frontiera”, ha detto il funzionario citato dall'Agence France-Presse.

Il funzionario ha aggiunto che gli Stati Uniti “non giungeranno mai a conclusioni basate sulle fluttuazioni giornaliere” del numero dei migranti e continueranno a monitorare la situazione nel nuovo anno.

Il ministro degli Esteri messicano Alicia Bárcena ha detto ai giornalisti che i negoziati si sono concentrati anche sulla “parte economica” e sulle “cause strutturali della migrazione”.

Il presidente messicano ha valutato positivamente i colloqui, affermando nel programma X che le due parti hanno raggiunto “accordi importanti”, ma ha fornito pochi dettagli sulla partenza di Blinken.

Parlando prima del vertice, ha chiesto maggiori sforzi per affrontare le cause profonde della migrazione e ha avvertito che potrebbe diventare una questione importante nelle elezioni americane del 2024.

L’ex presidente Donald Trump ha adottato una linea sempre più dura nei confronti del confine e si dice che lancerà un’ampia repressione contro gli immigrati clandestini se tornerà in carica l’anno prossimo.

Commenta la foto,

Il presidente Lopez Obrador e Anthony Blinken si sono incontrati in Messico per affrontare l’aumento dei flussi migratori

L’incontro a Città del Messico si è svolto lo stesso giorno in cui i sindaci di tre città degli Stati Uniti – New York, Denver e Chicago – hanno tenuto una conferenza stampa congiunta virtuale per affrontare gli sforzi per mitigare quella che i funzionari hanno descritto come una “crisi” dei migranti in quelle aree. .

Inoltre, per la prima volta, mercoledì il sindaco di New York Eric Adams ha firmato un ordine esecutivo che impone alle società di noleggio autobus di fornire un preavviso di 32 ore prima dell’arrivo dei migranti in città e di limitare le ore del giorno in cui i migranti possono arrivare in città. La settimana scorsa, in una notte, sono arrivati ​​dal Texas 14 autobus che trasportavano migranti, il massimo storico.

Il numero di persone arrestate al confine meridionale degli Stati Uniti ha superato i due milioni negli anni fiscali 2022 e 2023.

Protezione doganale e di frontiera degli Stati Uniti [CBP] I funzionari hanno detto in una dichiarazione venerdì che ci sono stati più di 190.000 arresti solo nel mese di novembre.

Questi numeri sono diventati una debolezza politica per Biden, con la Camera dei Rappresentanti controllata dai repubblicani che si rifiuta di stanziare nuovi finanziamenti militari per sostenere l’Ucraina senza l’impegno a rafforzare il confine.

Prima dell’incontro, l’attenzione dei media statunitensi si è concentrata sulla carovana di migranti di circa 7.000 persone in viaggio verso gli Stati Uniti dal Messico meridionale.

Commenta la foto,

Si stima che almeno 7.000 migranti si siano uniti alla carovana partita dal Messico meridionale

La carovana ha lasciato la città di Tapachula, nel Messico meridionale, vicino al confine meridionale del paese con il Guatemala, la vigilia di Natale.

I suoi leader portavano uno striscione con la scritta “Fuori dalla povertà”.

Finora, la carovana – che si dice sia composta da migranti provenienti da Honduras, El Salvador, Venezuela, Haiti e altri paesi – si trova a circa 1.600 miglia a sud del confine degli Stati Uniti.

Spiegazione video,

Guarda: Il deputato repubblicano sulla crisi dell'immigrazione: “Parlare costa poco”

READ  Una bambina di 7 anni ha attirato la sua attenzione quando ha a che fare con i fuochi d'artificio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *