L’ex poliziotto di Minneapolis Derek Chauvin

Chauvin è stato convocato in videoconferenza dal giudice distrettuale americano Hildy Buber per due accuse di violazione dei diritti civili federali. Si è rifiutato di leggere le accuse contro di lui in tribunale.

L’ex poliziotto indossava una maglietta marrone chiaro in quella che sembrava essere una sala conferenze – un cuscino giallo di fronte a lui – nella prigione di massima sicurezza del Minnesota a Oak Park Heights fuori Minneapolis, dove serve 22 1/2. Un anno dall’omicidio di Floyd. Ha parlato brevemente, ha risposto a brevi domande procedurali e ha presentato la sua petizione.

Un gran giurì federale ha incriminato Chauvin e altri tre ex ufficiali a maggio per presunta violazione dei diritti costituzionali di Floyd.

Chauvin è stato anche accusato in un atto d’accusa separato relativo alla 14enne Minneapolis nel settembre 2017, secondo il Dipartimento di Giustizia.

Il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato in una dichiarazione all’epoca che la prima accusa nell’accusa diceva che Chauvin “afferrò l’adolescente per la gola e lo colpì più volte alla testa con una torcia”.

Un secondo conteggio ha affermato che l’ex ufficiale “ha afferrato il ginocchio sul collo e nella parte superiore della schiena dell’adolescente anche dopo che l’adolescente era sdraiato, ammanettato e non ha opposto resistenza, il che ha anche provocato lesioni personali”.

Chauvin è accusato di aver negato intenzionalmente all’adolescente il “diritto costituzionale di essere libero dall’uso irragionevole della forza da parte di un ufficiale di polizia”, ​​secondo una dichiarazione del Dipartimento di Giustizia dell’epoca.

La morte di Floyd il 25 maggio 2020 ha scatenato proteste a livello nazionale contro la brutalità della polizia e l’ingiustizia razziale.

Il video degli astanti mostrava Chauvin inginocchiato sul collo di Floyd 9 minuti e 29 secondi Mentre il 46enne, ammanettato e sdraiato per strada, è rimasto senza fiato e ha detto agli agenti: “Non riesco a respirare”.
Chauvin e gli ex ufficiali Tu Thao, c. Alexander King e Thomas Lane Martedì si è dichiarato non colpevole delle accuse federali sui diritti civili derivanti dalla morte di Floyd.

Chauvin è accusato di negare a Floyd il suo diritto di essere libero da “sequestro irragionevole, che include il diritto di essere libero dall’uso della forza irragionevole da parte di un agente di polizia”.

READ  Ecco quando puoi catturare l'aurora boreale nella Columbia Britannica questo fine settimana

Secondo l’accusa, Thao e Koenig sono stati anche accusati in relazione alla loro incapacità di interferire con l’uso irragionevole della forza da parte di Chauvin. Anche Chauvin, Thao, Koenig e Lin sono accusati di non aver fornito assistenza medica a Floyd.

“Gli imputati hanno visto George Floyd sdraiato a terra in apparente bisogno di cure mediche, deliberatamente non sono riusciti ad assistere Floyd e quindi hanno agito con deliberata negligenza con grande rischio di danneggiare Floyd”, si legge nell’atto d’accusa.

Nessuna data di prova è stata fissata nei casi federali.

Separatamente, Thao, Koenig e Lin sono stati accusati in tribunale statale di favoreggiamento in omicidio di secondo grado e di favoreggiamento in omicidio colposo di secondo grado nella morte di Floyd. Si sono dichiarati non colpevoli.

Thao, Koenig e Lin erano sulla scena con Chauvin quando Floyd è stato ucciso.

Le accuse federali contro gli ex poliziotti sono separate da un’indagine civile sulle pratiche di polizia a Minneapolis che il procuratore generale Merrick Garland ha annunciato ad aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.