Il Regno Unito e la Germania prendono di mira le banche russe e il progetto dell’oleodotto a causa della crescente crisi ucraina

La Gran Bretagna e la Germania hanno annunciato misure contro la Russia martedì, il giorno dopo che il presidente Vladimir Putin ha formalmente riconosciuto due regioni separatiste nell’Ucraina orientale, aggravando la crisi della sicurezza nel continente europeo.

Il primo ministro Boris Johnson ha affermato che il governo del Regno Unito inizierà a imporre nuove sanzioni alle banche e agli individui russi dopo la decisione di Putin di riconoscere l’indipendenza delle regioni separatiste.

Il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha interrotto il processo di certificazione per il gasdotto Nord Stream 2 in risposta al decreto del presidente russo, che l’Occidente teme indichi una prossima invasione dell’Ucraina su larga scala.

Il gasdotto sottomarino che collega il gas russo direttamente all’Europa attraverso la Germania è completo ma non ancora operativo. È diventato un obiettivo importante poiché i governi occidentali cercano di esercitare un’influenza sulla Russia per scoraggiare ulteriori mosse militari contro il suo vicino.

Anche la Francia ha accettato di rispondere con sanzioni, mentre gli Stati Uniti dovrebbero annunciare ulteriori misure martedì.

Le sanzioni britanniche prendono di mira banche e privati

Johnson ha detto al parlamento britannico che le azioni della Russia equivalevano a una “rinnovata invasione” dell’Ucraina e ha affermato che Putin stava “stabilendo un pretesto per un attacco su larga scala”.

Nel suo discorso ha annunciato sanzioni contro cinque banche russe – Russia, IS Bank, General Bank, Promsviaz Bank e Black Sea Bank – nonché sanzioni contro tre ricchi uomini d’affari russi, Gennady Timchenko, Boris Rotenberg e Igor Rotenberg, congelando i loro beni e mettendo al bando dal viaggio nel Regno Unito o dal commercio in cui

READ  I Democratici dell'Illinois approvano nuovi distretti che potrebbero costare il suo seggio al rappresentante repubblicano anti-Trump Kinzinger

Johnson ha descritto le nuove sanzioni come “la prima raffica di ciò che siamo disposti a fare” e ha affermato che Gran Bretagna, Unione Europea e Stati Uniti stanno preparando più sanzioni se la situazione dovesse peggiorare ulteriormente.

“Gli Stati Uniti imporranno sanzioni alla Russia a causa di questa chiara violazione del diritto internazionale e della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina”, ha detto ai giornalisti Linda Thomas Greenfield, l’ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite dopo una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza in ritardo di lunedi.

Le persone della regione di Donetsk, la regione dell’Ucraina orientale controllata dal governo separatista filo-russo, lasciano un treno martedì per essere trasportate in alloggi temporanei presso una stazione ferroviaria di Nizhny Novgorod, in Russia. (Roman Yarovitsyn/The Associated Press)

“Possiamo e dobbiamo restare uniti nei nostri appelli affinché la Russia ritiri le sue forze, torni al tavolo diplomatico e lavori per la pace”, ha aggiunto.

La Cina ha invitato tutte le parti a esercitare moderazione, mentre il Giappone si è detto pronto ad aderire alle sanzioni internazionali contro Mosca in caso di un’invasione su larga scala.

L’ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vasily Nebenzia, ha avvertito le potenze occidentali di non “pensarci due volte” e di non aggravare la situazione.

Guarda | La città di confine ucraina si prepara al peggio:

Gli effetti dei combattimenti del 2014 si aggiungono all’ansia nella città di confine dell’Ucraina

Molti residenti di Kharkiv, in Ucraina, vicino al confine russo, convivono ancora con le conseguenze della guerra nella regione del Donbass mentre gestiscono i loro timori di una nuova invasione. 5:26

Nel frattempo, un alto funzionario dell’UE ha affermato che il riconoscimento da parte della Russia delle regioni separatiste dell’Ucraina di Luhansk e Donetsk come stati indipendenti e la sua decisione di inviare truppe nel territorio è stato un “atto di guerra”.

Il commissario europeo per la Giustizia, Didier Reynders, ha dichiarato martedì che il blocco di 27 nazioni è pronto ad applicare sanzioni contro la Russia.

Parlando al canale belga RTBF, Reynders ha affermato che è necessario un accordo unanime degli Stati membri dell’UE per imporre nuove sanzioni.

Ha affermato che le misure previste si svilupperanno gradualmente, a seconda delle azioni russe. Il primo tipo sono i divieti di viaggio per le persone e le sanzioni contro entità economiche attraverso la confisca di beni in Europa e all’estero.

Inoltre, Reynders ha affermato: “Sarà necessario garantire che non ci siano più importazioni di beni o servizi dalla Russia, come l’energia, e porre fine all’accesso globale della Russia ai servizi finanziari”.

“Tutto è sul tavolo”, ha detto, aggiungendo che gli Stati membri stavano discutendo su come le mosse sarebbero state incrementali e sulla possibilità della diplomazia per alleviare il conflitto.

La Russia nega di voler attaccare l’Ucraina

Un testimone della Reuters ha visto carri armati e altro equipaggiamento militare muoversi nella città di Donetsk lunedì, poche ore dopo che Putin ha firmato un decreto che riconosceva formalmente le regioni separatiste e ordinava il dispiegamento di truppe russe “per mantenere la pace”. Nessuna decalcomania è apparsa sui veicoli.

La Russia nega qualsiasi piano per attaccare il suo vicino, ma ha ammassato truppe al confine con l’Ucraina e ha minacciato un’azione “tecnico-militare” a meno che non ottenga garanzie di sicurezza complete, inclusa la promessa che l’Ucraina non entrerà mai a far parte della NATO.

Un alto funzionario statunitense ha affermato che il dispiegamento delle forze russe nelle enclavi separatiste non meritava le sanzioni più dure preparate dagli Stati Uniti e dai suoi alleati in caso di invasione su larga scala, perché la Russia ha già truppe lì.

I separatisti sostenuti dalla Russia nelle regioni ucraine di Donetsk e Luhansk – conosciute collettivamente come Donbass – si sono staccate dal controllo del governo ucraino nel 2014 e si sono dichiarate “repubbliche popolari” indipendenti.

La RIA, citando il ministero degli Esteri, ha affermato che la Russia ha bisogno di ratificare trattati di amicizia con le due regioni separatiste prima di poter discutere questioni come i precisi confini territoriali.

I trattati aprono la strada alle basi militari

Questi trattati dovrebbero essere ratificati dal parlamento russo martedì, una mossa che potrebbe aprire la strada a Mosca per costruire basi militari nelle regioni, adottare una posizione di difesa comune e promuovere l’integrazione economica.

Una nota esplicativa che accompagna i documenti afferma che crea la “base giuridica” per l’arrivo di unità militari russe necessarie per le attività di “mantenimento della pace”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che lunedì ha ricevuto una chiamata da Biden per esprimere la sua solidarietà, ha accusato la Russia di aver rovinato i colloqui di pace e ha escluso concessioni territoriali.

Guarda | Putin ordina alle truppe di entrare in due regioni separatiste nell’Ucraina orientale:

Putin alimenta le tensioni con l’Ucraina e ordina alle forze di pace di entrare nelle regioni separatiste

Il presidente russo Vladimir Putin ha spinto le tensioni con l’Ucraina a un nuovo livello riconoscendo due regioni separatiste e inviando “peacekeeper” nell’entroterra. I residenti su entrambi i lati del confine si stanno preparando per un’escalation del conflitto. 5:47

Martedì, i crescenti timori di una grande guerra in Europa hanno spinto i prezzi del petrolio ai massimi degli ultimi sette anni, mentre le valute rifugio come lo yen sono aumentate e le azioni globali sono crollate. Il rublo ha esteso le sue perdite mentre Putin ha parlato, a un certo punto è sceso oltre 80 contro il dollaro (USA).

In un lungo discorso televisivo di lunedì pieno di lamentele contro l’Occidente, un Putin visibilmente arrabbiato ha detto che l’Ucraina orientale era un’antica terra russa.

Putin ha approfondito la storia dal tempo dell’Impero Ottomano ed ha espresso frustrazione per aver ripetutamente rifiutato le richieste della Russia di riscrivere gli accordi di sicurezza in Europa.

Martedì un carro armato cammina per una strada nella città di Donetsk, controllata dai separatisti, dopo che il presidente russo ha ordinato il dispiegamento delle forze russe in due regioni separatiste nell’Ucraina orientale dopo aver riconosciuto la loro indipendenza. (Alexander Ermoshenko/Reuters)

“Ritengo necessario prendere una decisione che avrebbe dovuto essere presa molto tempo fa: il riconoscimento immediato dell’indipendenza e della sovranità della Repubblica popolare di Donetsk e della Repubblica popolare di Luhansk”, ha affermato Putin.

Putin ha lavorato per anni per ripristinare l’influenza della Russia sui paesi emersi dopo il crollo dell’Unione Sovietica, con l’Ucraina che occupa un posto importante nelle sue ambizioni. La Russia ha annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014.

Un funzionario presidenziale francese ha affermato che il discorso “ha confuso varie considerazioni di natura rigida con la paranoia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.