La lista delle elezioni iraniane non include gli alleati dell’attuale presidente né Mahmoud Ahmadinejad

L’Iran ha nominato il religioso intransigente che gestisce la magistratura e altri sei martedì come candidati certificati nelle elezioni presidenziali del 18 giugno, bloccando i principali candidati alleati del suo attuale presidente tra le tensioni con l’Occidente per il suo accordo nucleare infranto.

L’annuncio trasmesso dalla televisione di stato pone il giudice capo Ibrahim Raisi, legato alle esecuzioni di massa del 1988, in posizione dominante alle prossime elezioni. È il più popolare dei sette candidati, poiché i sondaggi avevano precedentemente dimostrato che la sua campagna anti-corruzione aveva il sostegno iraniano. Si ritiene inoltre che sia il favorito dell’82enne leader iraniano, l’ayatollah Ali Khamenei.

Ma è stata forse la cosa più importante che ha impedito il funzionamento del Consiglio dei Guardiani iraniani. Tra loro c’era l’ex presidente del parlamento Ali Larijani, un conservatore che si è alleato con il presidente Hassan Rouhani negli ultimi anni. Larijani si stava presentando come un candidato pragmatico che avrebbe sostenuto l’accordo nucleare di Rouhani del 2015 con le potenze mondiali. Questo accordo è ora a brandelli mentre i diplomatici a Vienna cercano di negoziare un ritorno in Iran e negli Stati Uniti.

Larijani sembra aver indicato che non resisterà alla decisione.

“Ho fatto il mio dovere davanti a Dio e alla cara nazione, e sono soddisfatto”, ha scritto Larijani su Twitter. “Grazie a tutti coloro che hanno espresso la loro gratitudine e spero che parteciperà alle elezioni per promuovere un Iran islamico”.

Il presidente del parlamento Ali Larijani, di sinistra, non era nell’elenco compilato dai leader religiosi del Paese. Larijani appare a Teheran l’8 dicembre 2018 con il presidente in carica Hassan Rouhani, che non può candidarsi per un altro mandato. (AFP / Getty Images)

Anche l’ex presidente della linea dura Mahmoud Ahmadinejad e l’alto vice di Rouhani, Eshaq Jahangiri, un riformista, sono stati banditi. Ahmadinejad ha ignorato un avvertimento di Khamenei nel 2017 ed è stato registrato, ma è stato anche respinto in quel momento dal Guardian Council, un comitato di 12 membri sotto la guida di Khamenei.

Durante una sessione parlamentare martedì scorso, il parlamentare Ahmed Ali Rajabji ha descritto la casa di Ahmadinejad come “circondata” dalle forze di sicurezza dal giorno precedente. Ha anche avvertito che la decisione sopprimerà l’affluenza alle urne. La teocrazia iraniana dalla rivoluzione islamica del 1979 ha basato la sua legittimità in parte sul tasso di partecipazione alle elezioni.

In precedenza, la televisione di stato ha citato un portavoce del Consiglio dei guardiani, Abbas Ali Qudkhadai, affermando che solo “sette” candidati sono stati approvati su circa 590 registrati da un comitato di chierici e giudici supervisionato da Khamenei. Nel 2017, sono stati registrati 1630 candidati per la corsa.

Raisi ha scritto su Twitter – il servizio che l’Iran ha tecnicamente bloccato dai disordini del 2009 che circondano la controversa rielezione di Ahmadinejad – che vuole che le autorità riconsiderino la decisione di bloccare alcuni candidati.

Ha scritto: “Ho preso contatti e sto conducendo consultazioni per rendere la scena elettorale più competitiva e partecipativa”.

Raisi era legato alle esecuzioni di massa negli anni ’80

In qualità di capo della magistratura, Raisi sovrintende a un sistema giudiziario in Iran che rimane uno dei massimi esecutori del mondo. Esperti delle Nazioni Unite e altri hanno criticato l’Iran per aver detenuto la doppia cittadinanza e coloro che hanno legami con l’estero per averlo utilizzato come merce di scambio nei negoziati con l’Occidente.

Poi ci sono le esecuzioni di massa nel 1988 che sono arrivate alla fine della lunga guerra dell’Iran con l’Iraq. Dopo che il leader supremo dell’Iran, Ruhollah Khomeini, ha accettato un cessate il fuoco mediato dalle Nazioni Unite, i membri dei Mujahideen del popolo iraniano, pesantemente armati da Saddam Hussein, hanno preso d’assalto il confine iraniano con un attacco a sorpresa.

Il capo della magistratura iraniana, Ibrahim Raisi, parla dopo aver registrato la sua candidatura alle elezioni presidenziali iraniane, presso il ministero dell’Interno della capitale, Teheran, il 15 maggio. (Atara Kent / AFP / Getty Images)

Alla fine, l’Iran ha fermato la sua offensiva, ma l’attacco ha aperto la strada a un finto nuovo processo di prigionieri politici, uomini armati e altri che sono diventati noti come “comitati della morte”. Ad alcuni di coloro che sono apparsi è stato chiesto di identificarsi. Secondo un rapporto di Amnesty International nel 1990, coloro che hanno risposto con i “mujaheddin” sono stati mandati a morte, mentre altri sono stati interrogati sul loro desiderio di “ripulire i campi minati dall’esercito della Repubblica islamica”.

I gruppi internazionali per i diritti umani stimano che siano state giustiziate fino a 5.000 persone, mentre il PMOI ha fissato il numero a 30.000. L’Iran non ha mai riconosciuto le esecuzioni che sembrano essere state eseguite su ordine di Khomeini, anche se alcuni sostengono che altri alti funzionari fossero effettivamente responsabili nei mesi precedenti la sua morte nel 1989.

Raisi, che allora era vice procuratore generale a Teheran, era coinvolto in alcuni comitati nelle carceri di Evin e Gohardasht. Il nastro di un discorso programmatico e del suo presidente è trapelato durante un incontro con il grande ayatollah Hossein Ali Montazeri nel 2016, in cui Montazeri ha descritto le esecuzioni come “il più grande crimine nella storia della Repubblica islamica”.

Raisi non ha mai riconosciuto pubblicamente il suo ruolo nelle esecuzioni durante la campagna per la presidenza nel 2017. Dopo la sua perdita, Khamenei lo ha nominato capo della magistratura nel 2019.

Un altro candidato nominato martedì è Saeed Jalili, un ex negoziatore nucleare. Mohsen Rezaei è un ex comandante della Guardia rivoluzionaria. Ali Reza Zakani è un ex deputato. Amir Hossein Ghazi Zadeh, l’attuale vice. Mohsen Mehrzadeh, ex governatore provinciale; E Abdel Nasser Hemmati, l’attuale capo della Banca Centrale dell’Iran.

READ  La teoria del complotto elettorale di Donald Trump del 2016 ha avuto un grande successo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.