La Francia intende alzare l’età pensionabile dopo aver superato un test costituzionale, mentre i manifestanti hanno promesso di continuare a combattere

La Francia intende alzare l’età pensionabile dopo aver superato un test costituzionale, mentre i manifestanti hanno promesso di continuare a combattere

La rivoluzionaria riforma delle pensioni del presidente francese Emmanuel Macron, che ha scatenato settimane di proteste a livello nazionale, ha ricevuto venerdì il via libera dal Consiglio costituzionale e ora può essere trasformata in legge.

La normativa, che porta a 64 anni da 62 l’età per ottenere la pensione completa, è profondamente impopolare in Francia e ha suscitato grandi proteste.

Ma in quello che sarà un enorme sollievo per Macron e il suo governo, il Consiglio costituzionale del paese ha dato la sua approvazione, con alcuni piccoli avvertimenti.

Il ministro del lavoro Olivier Dusupet ha dichiarato che la legge entrerà in vigore il 1° settembre come inizialmente previsto, ignorando le richieste sindacali di non approvarla di fronte alla massiccia opposizione pubblica.

I sondaggi di opinione mostrano che la stragrande maggioranza si oppone alla riforma, così come il fatto che il governo abbia invocato l’articolo 49.3 della costituzione, consentendogli di approvare il disegno di legge senza un voto finale in Parlamento che avrebbe potuto perdere.

guarda | I manifestanti denunciano la mossa per approvare le controverse riforme delle pensioni:

Proteste e rabbia a Parigi per la decisione di riformare il sistema pensionistico

I manifestanti si sono presentati venerdì, il giorno in cui il Consiglio costituzionale francese ha approvato il controverso piano di riforma delle pensioni del presidente francese Emmanuel Macron che avrebbe innalzato l’età pensionabile.

Proseguono le proteste fuori dal municipio di Parigi

I manifestanti si sono riuniti davanti al municipio di Parigi e hanno tenuto striscioni con la scritta “Atmosfera di rabbia” e “Non c’è fine agli scioperi finché la riforma non sarà ritirata” quando è stata annunciata la sentenza del Consiglio costituzionale.

READ  Il Sudafrica esporta disinfettanti per le mani in 30 paesi africani: funzionario commerciale

“Speriamo solo di vedere una risposta come quella che è seguita a 49.3, che la rabbia profonda di persone, lavoratori e studenti riaffiori e che la gente scenda in piazza”, ha detto Fred Buchenfer, un macchinista sindacalizzato, alla stazione ferroviaria. Marcia parigina.

Il consiglio ha affermato che le azioni del governo erano in linea con la costituzione e ha accettato di aumentare l’età pensionabile legale, eliminando solo misure marginali volte ad aumentare le opportunità di lavoro per i lavoratori più anziani sulla base del fatto che non appartenevano a tale legislazione.

Macron e il suo governo sperano che un simile risultato scoraggerà ulteriori proteste guidate dai sindacati, che a volte sono diventate violente.

“Il Paese deve continuare ad andare avanti, lavorare e affrontare le sfide che ci attendono”, ha detto Macron all’inizio di questa settimana.

I sindacati intransigenti e l’opposizione hanno avvertito che non si sarebbero tirati indietro.

“La lotta continua”, ha detto il leader di estrema sinistra Jean-Luc Melenchon.

Il cartello Bristol Board ha grandi lettere stampate scritte su di esso "Clematide di Collier" Una folla di manifestanti, alcuni dei quali portavano bandiere e ombrelli.
Uno striscione portato da uno dei manifestanti davanti al municipio di Parigi diceva: “Uno stato di rabbia”. La riforma delle pensioni ha scatenato mesi di proteste. (Stefan Mahy/Reuters)

L’opposizione presenta un’altra richiesta referendaria

Separatamente, il Consiglio costituzionale ha respinto una proposta dell’opposizione di organizzare un referendum popolare sulla riforma delle pensioni.

L’opposizione ha fatto un altro tentativo di indire un referendum, che dovrà essere rivisto dal Consiglio all’inizio di maggio.

Gli osservatori politici affermano che il diffuso malcontento per la riforma del governo potrebbe avere ripercussioni a lungo termine, inclusa una potenziale spinta per l’estrema destra.

La leader di estrema destra Marine Le Pen ha scritto su Twitter che “il destino politico della riforma delle pensioni non è deciso”, esortando gli elettori a sostenere coloro che si oppongono alle prossime elezioni in modo che possano ribaltarla.

READ  Vladimir Putin ha fatto poco riferimento all'Ucraina nel suo discorso di Capodanno

Solo un terzo dei lavoratori va in pensione a 62 anni

Macron afferma che i francesi devono lavorare più a lungo o il budget pensionistico scenderà in rosso di miliardi di euro ogni anno entro la fine del decennio.

Ma il sistema pensionistico è una pietra angolare del caro modello di protezione sociale della Francia, ei sindacati affermano che i soldi possono essere trovati altrove, anche tassando di più i ricchi.

Mentre l’attenzione si è concentrata sull’età pensionabile di 62 anni, solo il 36% dei lavoratori francesi va in pensione a quell’età e un altro 36% sta già andando in pensione a causa del requisito di pagamento nel sistema per almeno 42 anni per poterlo fare. Richiedere una pensione completa.

Ciò significa che l’età pensionabile normale per un lavoratore francese che ha iniziato a lavorare a 22 anni era di 64,5 anni, leggermente superiore alla media UE di 64,3 anni, secondo i dati dell’OCSE basati sui dati del 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *