La diretta Europa League è stata aggiunta alla promozione DAZN italianaN

Lo specialista dello sport digitale si assicura anche i diritti esclusivi della Conferenza Europa.

Getty Images

  • Sky Italia nega i diritti esclusivi per lo sport digitale
  • DAZN nel bel mezzo di una battaglia legale con Vodafone per violazioni dell’accordo di trasferimento

DAZN, specializzata in media sportivi digitali, ha siglato un accordo per acquisire i diritti italiani delle competizioni calcistiche dei club Uefa Europa League e Uefa Europa Conference League.

Sky Italia ha precedentemente concordato un accordo per le stesse proprietà e DAZN sarà ora un’emittente congiunta con l’operatore di pay-tv fino al 2024.

Con il divieto a Sky di possedere i diritti digitali esclusivi in ​​Italia fino al 2022, il contratto DAZN copre i diritti di trasmissione per tutte le partite della UEFA Secondary European League e della nuova conference league di terzo livello dalla fase a gironi alla finale.

L’offerta separata emessa dall’agenzia di marketing della squadra per le partite dei due club riflette l’approccio della UEFA Champions League alla prima divisione. Quindi, la società di trasmissione commerciale Mediaset ha acquisito i diritti di trasmissione dopo che Sky ha acquisito il contratto di trasmissione principale, mentre Amazon Prime Video ha scelto il pacchetto migliore.

Nel precedente ciclo di competizioni UEFA per club, Sky Italia ha pagato 300 milioni di euro (355,3 milioni di dollari USA) a stagione per i diritti di Champions League ed Europa League.

L’aggiunta di più club calcistici aumenta l’offerta di DAZN in Italia, in quanto spinge 2,5 miliardi di euro (2,95 miliardi di dollari) ad essere il principale partner di trasmissione nazionale della Serie A per le prossime tre stagioni. L’offerta di DAZN include anche la seconda divisione live di Serie A, La Liga, La Liga e la UEFA Women’s Champions League.

Tuttavia, il portafoglio di calcio potenziato ha visto DAZN aumentare la quota di abbonamento mensile in Italia da € 9,99 ($ ​​12) a € 29,99 ($ ​​35,50) al mese.

L’aumento della spesa di DAZN per i diritti italiani è in parte finanziato da TIM, la società di telecomunicazioni italiana, che paga 340 milioni di euro (413 milioni di dollari USA) all’anno per distribuire contenuti, oltre a fornire supporto tecnico. Tuttavia, si dice che la società di media con sede nel Regno Unito abbia problemi con un ex partner nell’accordo di trasferimento.

Secondo gli atti giudiziari visionati da SportBusiness, DAZN ha intentato un’azione legale contro Vodafone Italia presso l’Alta Corte di Londra per presunte violazioni di un accordo commerciale. Il rapporto afferma che DAZN sostiene numerose violazioni “intenzionali” dell’accordo di trasferimento firmato da Vodafone nel settembre 2020.

DAZN ha annullato l’accordo all’inizio di aprile 2021. Secondo il rapporto, DAZN afferma che Vodafone ha offerto il servizio di streaming ai suoi clienti come parte di una serie di promozioni senza il loro consenso, che secondo la società di media avrebbe interferito nei colloqui sui diritti della Serie A.

Secondo quanto riferito, DAZN sta chiedendo a Vodafone Italia un risarcimento di almeno £ 400.000 (US $ 550.000), oltre alle spese legali, nonché il diritto legale di annullare l’accordo.

Nel frattempo, TIM ha firmato un accordo di distribuzione non esclusiva con Mediaset per mettere l’ultimo servizio di streaming Play Infinity sulla piattaforma video-on-demand (VOD) di TIMVision. La mossa aggiungerà le suddette partite di Champions League all’offerta digitale delle telecomunicazioni italiane.

Il producer Play Infinity e i canali lineari di Mediaset introdurranno anche la competizione a eliminazione diretta di Coppa Italia per le prossime tre stagioni dopo aver vinto il contratto di esclusiva. Secondo Reuters, il canale commerciale ha pagato € 144,6 milioni (US $ 172 milioni) nel corso dell’accordo.

Il contratto prevede anche il diritto di trasmettere le Finali della Supercoppa Italiana.

READ  Pensieri all'inizio dell'anno. Raccomandazioni di Cătălin Păduraru, Presidente del Concorso Enologico Internazionale VINARIUM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *