Selfie del Primo Ministro italiano Giorgia Meloni con il Primo Ministro Modi alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28).

Selfie del Primo Ministro italiano Giorgia Meloni con il Primo Ministro Modi alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28).

Nel suo discorso alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), il Primo Ministro Modi ha invitato tutti i paesi a lavorare insieme per ridurre le emissioni globali.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha postato un selfie con il suo omologo indiano Narendra Modi a margine del vertice sul clima COP28 a Dubai.

“Buoni amici alla COP28. #Melodi”, ha scritto nel post la Meloni, venuta a Delhi a settembre per partecipare al vertice del G20.

Il Primo Ministro Modi ha incontrato anche il Presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, il Ministro degli Esteri britannico David Cameron, l’ex Primo Ministro britannico Tony Blair, il Presidente turco RT Erdogan, il Primo Ministro svedese Ulf Kristersson, il Presidente delle Maldive Mohamed Moizu, tra gli altri leader.

Il Primo Ministro Modi ha avuto un’agenda fitta durante tutta la giornata mentre è intervenuto nelle quattro sessioni della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Il Ministro degli Esteri Vinay Kwatra ha affermato che il Primo Ministro ha avuto l’opportunità di discutere le modalità per promuovere una crescita pulita e verde. Kwatra ha affermato che nel suo incontro con diversi leader a margine del vertice sono state discusse anche questioni di interesse bilaterale e regionale.

I negoziati globali sul clima avevano in gran parte evitato di menzionare i combustibili fossili per decenni, fino a quando la COP26 di Glasgow non accettò di “eliminare gradualmente” l’energia prodotta dal carbone non raffinato e di “eliminare gradualmente i sussidi inefficaci ai combustibili fossili”.

Da allora lo slancio si è basato sull’impegno più ambizioso di abbandonare tutti i combustibili fossili, e Christiana Figueres, ex funzionaria delle Nazioni Unite per il clima, ha affermato che l’aumento senza precedenti delle energie rinnovabili e delle auto elettriche le ha dato ottimismo sul fatto che il mondo potrebbe ancora raggiungere i suoi obiettivi climatici.

READ  Vivo in Italia da 15 anni, queste sono le mie sei regioni vinicole preferite

Questi si incentrano sull’accordo di Parigi del 2015, che ha visto quasi 200 paesi concordare di limitare il riscaldamento globale “ben al di sotto” dei 2°C rispetto all’era preindustriale, preferibilmente una soglia più sicura di 1,5°C.

Nel suo discorso di venerdì alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), il Primo Ministro Modi ha invitato tutti i paesi a lavorare insieme per ridurre significativamente le emissioni globali e ha annunciato un’iniziativa di “credito verde” incentrata sulla creazione di pelli di carbonio con la partecipazione delle persone.

Ha detto che le emissioni dell’India sono molto basse rispetto ad altri paesi con popolazioni molto più piccole. “La popolazione dell’India rappresenta il 17% della popolazione mondiale, ma in termini di emissioni globali di carbonio, quella dell’India è solo del 4%. Ci stiamo muovendo rapidamente verso il raggiungimento dei nostri obiettivi NDC. In effetti, abbiamo raggiunto i nostri obiettivi sui combustibili non fossili in nove anni” fa.” Dell’anno, il primo ministro Modi ha dichiarato: “Scadenza”, riferendosi al contributo determinato a livello nazionale (NDC), un piano d’azione per il clima per ridurre le emissioni e adattarsi agli impatti climatici.

“Non abbiamo molto tempo per correggere i torti del secolo scorso”, ha affermato il Primo Ministro Modi, chiedendo a tutti i Paesi di lavorare sinceramente per raggiungere gli obiettivi dell’NDC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *