La carriera motociclistica di Cravar è alimentata dalla famiglia

La carriera motociclistica di Cravar è alimentata dalla famiglia

Il neozelandese Simon Crafar durante il Gran Premio motociclistico d’Australia 1998 tenutosi a Phillip Island.
immagine: Fotografia sportiva

L’EX motociclista neozelandese Simon Cravar afferma che sarà per sempre grato ai suoi genitori per averlo aiutato a realizzare il suo sogno d’infanzia.

Il 54enne ha gareggiato nei Campionati del mondo 500cc e Superbike negli anni ’90, ed era ancora associato a questo sport come corrispondente della MotoGP.

Durante i suoi due anni interi nel campionato 500cc, Cravar raggiunse tre podi e vinse il Gran Premio di Gran Bretagna del 1998, collezionando 122 presenze in Superbike e ottenendo dieci podi.

Nato a Waiouru, Cravar si trasferì nell’Isola del Nord centrale con suo padre, pastore, capostazione e maniscalco.

Ha trascorso gran parte degli studi a Taihape e stare sul campo ha acceso la sua passione per le motociclette.

Crafar ha ammesso che non avrebbe mai iniziato se non fosse stato per i genitori Kevin e Gayle.

“Hanno comprato la mia moto e mia mamma ha fatto due lavori, quindi è stato un grande sacrificio da parte loro per permettermi di inseguire il mio sogno”, ha detto Crafar a RNZ.

Erano grandi sostenitori nella sua nascente carriera nel motocross e anche mentre guidava bici da strada.

Quando lasciò la Nuova Zelanda per la prima volta, Cravar visse come uno zingaro, nascondendosi e viaggiando con chiunque potesse aiutarlo ad arrivare alle gare.

Fortunatamente, fin dall’inizio, è stato abbastanza veloce da farsi notare dalla gente e non passò molto tempo prima che alcuni di loro iniziassero a dargli delle biciclette da guidare.

La sua carriera agonistica si è sviluppata da allora, ma ha detto di non aver mai aspirato a diventare un campione del mondo. Era invece appassionato di macchine.

READ  La superstar dell'UFC Marvin Vettori abbatte il rapper in una rissa di massa all'evento di boxe DAZN in Italia

“Volevo solo avere l’opportunità di guidare le moto che ho visto sulle riviste con i poster in pensione di artisti del calibro di Kenny Roberts e Freddie Spencer.

“Volevo guidare quella macchina sulle migliori piste del mondo senza doverla pagare.

“Sono in grado di farlo da qualche anno e mi sarebbe piaciuto continuare a farlo ancora per qualche anno, ma pochissime persone hanno questa opportunità e ancora meno riescono a vincerla, quindi sono molto felice. “

L'ex pilota motociclistico neozelandese Simon Crafar

L’ex pilota motociclistico neozelandese Simon Crafar
immagine: fornitore/x

Krafar sapeva che era difficile per qualsiasi giovane atleta eccellere sulla scena mondiale, ma ai suoi tempi ammise di avere una cosa a suo favore.

“Allora venivi selezionato più in base al tuo talento, mentre ora sei selezionato in base al tuo talento e al supporto (finanziario) che fornisci alla squadra”.

Anche se la sua carriera agonistica potrebbe non essere stata così lunga come avrebbe voluto, ha fornito a lui e alla sua famiglia (moglie Kirsten e due figlie adolescenti) una vita confortevole ad Andorra.

Il principato tra Spagna e Francia gli ha ricordato un po’ la Nuova Zelanda e gli ha permesso di guidare la sua moto da cross.

Crafar ha la possibilità ogni fine settimana della MotoGP di percorrere il percorso che gli ha permesso di offrire la prospettiva dei piloti ai telespettatori.

Ma il pensiero di correre su una delle attuali moto da 500 cc lo spaventava.

“Le moto di oggi sono meno grezze e le moto moderne hanno molta più elettronica dove il computer fa la maggior parte del lavoro, quindi c’è meno controllo nelle tue mani.

READ  Italia - Galles 1-0: gli ospiti passano agli ottavi nonostante la sconfitta a Roma

È bello, più veloce e probabilmente più sicuro, ma poiché sono molto più grande non voglio avvicinarmi.

Il pilota Ducati Francesco Bagnaia durante il Gran Premio d'Austria.

Il pilota Ducati Francesco Bagnaia durante il Gran Premio d’Austria.
immagine: Fotografia sportiva

La Ducati ha vinto anche quest’anno il titolo del Campionato del Mondo MotoGP, con l’italiano Francesco Bagnaia che ha mantenuto il titolo e il produttore italiano che ha occupato le prime tre posizioni.

Tuttavia, Crafar era certo che il produttore austriaco KTM, che ha visto Brad Binder finire quarto in questa stagione, avrebbe dovuto affrontare una seria sfida nel 2024.

“Sono molto determinati a raggiungere la Ducati e sono gli unici che continuano a portare pezzi e a colmare il divario”.

Ma i costruttori giapponesi hanno avuto difficoltà con Fabio Quartararo della Yamaha, che quest’anno ha concluso al 10° posto.

La Suzuki è uscita dal Campionato del Mondo MotoGP alla fine del 2022, e quest’anno i giapponesi hanno gareggiato solo in una gara.

Quando dominavano i giapponesi, ai produttori europei venivano concessi più motori e più tempo per i test, ma ora questo aiuto extra sarebbe andato ai giapponesi.

“Un enorme sostegno per i giapponesi, il che è enorme”.

La stagione 2024 inizierà in Qatar all’inizio di marzo, con il torneo da 22 round che si concluderà a Valencia a novembre.

Il cambiamento principale per i piloti per la prossima stagione è il passaggio dell’otto volte campione Marc Marquez dalla Repsol Honda alla Gresini Racing Ducati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *