Judo Data fornisce obiettivi per l’analisi

Judo Data fornisce obiettivi per l’analisi

Per chi ancora non lo sapesse, un’azienda innovativa e lungimirante, dati judoè un pioniere nell’analisi delle partite nello sport.

Anche se un tempo c’è stata una collaborazione internazionale per sviluppare questo incredibile set di dati, tutto ha avuto origine dall’ex atleta e attuale direttore dell’analisi delle prestazioni per la Federazione Italiana Judo, Emidio CENTRACCHIO. Emidio è il più anziano della squadra Centracchio, medaglia di bronzo olimpica di Tokyo, Maria e attuale medaglia d’argento europea junior, Luigi sono anche membri della famiglia del judo.

Tutto è iniziato quando ero un atleta e ho incontrato alcuni allenatori dell’Europa dell’Est in Polonia, vale a dire Janusz Pawlowski, Marek Adam dell’Università dello Sport di Danzika e l’amato Ryszard Zeniawa che ci è riuscito. Quando ero lì, avevo 18 anni e mi hanno dato un sistema riduttivo e con quel sistema hanno raccolto tutta la tecnologia e i dati chiave per un concorso.

In quel momento ho fatto un sogno, gli ho chiesto, perché non lo faccio con un computer e perché non lo faccio in automatico?

Stiamo parlando di oltre 20 anni fa, a quel tempo la tecnologia non era molto avanzata e quindi ho dovuto smettere, e ovviamente ero un atleta quindi il mio obiettivo era diverso. Poi, quando ho finito di gareggiare nel 2012, quel sogno era ancora lì e ho iniziato a cercare alcune tecnologie che potessero aiutarmi a fare il lavoro. Sono un giocatore di judoka ma anche figlio di un insegnante di matematica e vengo da studi scientifici quindi è facile per me gestire i numeri e con questo in mente ho iniziato a creare questo sistema manuale.

Direttore dell’analisi delle prestazioni, Emidio CENTRACCHIO. © Emanuele de Feliciantonio

Quando stavamo collaborando a livello internazionale, ho lavorato con judoka britannici e Nigel Donohue, che in realtà è stato un grande promotore del progetto, quindi parte della mia attività viene da Nigel. Per me è molto facile parlare e interagire con loro e ho una buona collaborazione con loro per sviluppare gli strumenti che do a tutti.

Oggi al Centro Olimpico, dove si riunisce la nazionale maggiore prima della partenza per Nymburk OTC, abbiamo anche un Emidio. Sebbene lavori a stretto contatto con allenatori e atleti, la sua presenza agli European Rome Open ha un altro scopo. Nel Mat 2, il tatami centrale, quattro telecamere fisse appena percettibili raccolgono filmati e dati che devono essere elaborati da un sistema di analisi della codifica e i dati raccolti verranno utilizzati per “addestrare” il sistema di intelligenza artificiale (AI).

Ho iniziato a pensare a un sistema di intelligenza artificiale perché al momento, manualmente, non riesco a rilevare tutti i concorrenti, perché il tempo necessario è grande, quindi prima della situazione pandemica, ho iniziato con un’azienda italiana per studiare se potesse essere fatto ed è stato con buona precisione. Ho raggiunto una precisione del 70% nel riconoscere koshi waza, ashi waza, te waza e ne waza solo con quattro telecamere nella clubhouse quindi con un sistema robusto in una situazione reale sono fiducioso che funzionerà sicuramente sarà pronto per registrare le Olimpiadi e dopo le Olimpiadi sono sicuro di poter fornire un sistema aggiornato che riconosca le tecnologie.


Ci sono molti sport che possiamo dire più facili da analizzare perché le azioni sono più frammentarie e i punti sono facili da analizzare, così come le azioni tecniche mentre il judo è molto complesso e molto complesso. Quindi ho detto come posso misurare ciò che è difficile da misurare? Ho iniziato a pensare a un sistema che potesse registrare tutto ciò che accade, e poi tradurre quei record in numeri per fornire statistiche che potessero mostrare KPI [KPIs] degli atleti.

Il sistema di intelligenza artificiale che Emidio intende riqualificare utilizzerà i dati raccolti questo fine settimana a Roma per contribuire a un sistema più efficiente, rilevando non solo le tecniche, ma anche le informazioni che al momento ci mancano come ad esempio gli attacchi “senza punto”, che rappresenta il 91% dei movimenti poiché l’efficacia attualmente è in media solo del 9%. Per molti allenatori, atleti, arbitri e media, le statistiche ci consentono di condividere informazioni in un linguaggio universale. Quando gli viene chiesto come si sente riguardo alle opinioni della gente secondo cui le statistiche rimuovono l’elemento “sensazione” dallo sport, Emidio fa un punto ovvio.

READ  Il giro dimostrativo di Moto Morini si dirige allo Sturgis Motorcycle Rally
Verranno analizzati quattro punti fissi che raccolgono dati al fine di riqualificare il sistema di intelligenza artificiale per l’elaborazione automatica dei dati. © Emanuele de Feliciantonio

La cosa più importante nel judo è il judo e come gli atleti si sentono riguardo al judo e come gli allenatori possono allenarsi e far capire agli atleti il ​​judo e cosa devono fare. Le statistiche e la match analysis semplicemente lo sono, e non lo dico per svalutare quello che faccio, ma perché è solo uno strumento che aiuta il lavoro di atleti e allenatori.

Ovviamente è uno strumento davvero nuovo ed è difficile cambiare ciò che non era il caso in passato. C’è da sottolineare una cosa, perché la video analisi si è sempre fatta, quando ero un giovane atleta c’era solo la videocassetta delle Olimpiadi e noi guardavamo e riguardavamo queste stesse gare per vedere cosa facevano i campioni. Poi i tempi e la tecnologia sono cambiati, come atleta avevo una videocamera portatile, quindi abbiamo iniziato a registrarla da soli e oggi abbiamo il potere di Internet e il grande sforzo di EJU e IJF per far vedere tutto alle persone.

L’obiettivo di costruire un sistema di intelligenza artificiale è sbloccare l’analisi per ogni livello. Dobbiamo ricordare che l’analisi delle partite è stata registrata per la prima volta nel V secolo aC in The Art of War di Sun Tzu e dobbiamo sempre ricordarci di conoscere te stesso, conoscere il tuo nemico e il risultato di 100 battaglie non sarà mai in dubbio. Quindi puoi studiare il tuo avversario ma devi conoscere te stesso, motivo per cui il sistema aiuterà gli atleti più giovani a svilupparsi.

Questo progetto è iniziato prima della pandemia ma ora che è tornato in azione, ci sono ostacoli tecnologici da superare?

Penso che ora in termini di tecnologia sia abbastanza potente da non darci alcun problema in termini di raccolta dei dati. La sfida è innanzitutto creare un sistema che registri tutto, in due fasi. Uno è l’analisi delle annotazioni, quindi l’annotazione di ciò che sta accadendo e un’altra parte è il dettaglio dei registri. Questa è una seconda fase perché prima dobbiamo registrare quanti più eventi possibili, dettagliarne il maggior numero possibile e poi riqualificare il sistema, ma dal mio studio prima della pandemia, non credo che avrò problemi .

Non solo aiuterà coloro che utilizzano i dati, ma lo stesso Emidio attualmente dedica una quantità insondabile di tempo all’analisi dei filmati esistenti.

Per registrare manualmente queste informazioni, devo avere un tempo uguale alla concorrenza, due volte, quindi quando vedo eventi come il Gran Premio di Almada con oltre 500 atleti, so quanto può essere difficile. Ovviamente questo lavoro mi offre una visione diversa della competizione e ora capisco molte cose e come responsabile dell’analisi delle prestazioni della squadra italiana posso spiegare loro meglio perché qualcosa è così e cercare di aiutarli. Formazione e comprensione dei comportamenti che dovrebbero evitare.

L’obiettivo dell’efficienza di Emidio nell’analisi dei dati è correlato all’uso da parte di Jigoro Kano della frase giapponese “massima efficienza con il minimo sforzo”, anche se da una prospettiva moderna. Esplora il set di dati completo sul sito web di dati judo!

READ  I tifosi laziali sono stati nuovamente condannati per cori antisemiti

Autore: Tea Quinn


Coinvolto

cavo
Il Whatsapp
e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *