Nina Kennedy lascia stupita il mondo dell’atletica dopo aver vinto la medaglia d’oro

Nina Kennedy lascia stupita il mondo dell’atletica dopo aver vinto la medaglia d’oro

Nina Kennedy (foto a destra) era in lacrime dopo aver condiviso la medaglia d’oro nel salto con l’asta con Katie Moon (foto a sinistra) ai Campionati del mondo. (Immagini Getty)

La saltatrice con l’asta australiana Nina Kennedy ha vinto una storica medaglia d’oro nella competizione del salto con l’asta Campioni del mondo a Budapest dopo aver condiviso il posto con l’amica e rivale Katie Moon. Kennedy e Moon si sono affrontati per più di due ore in condizioni di bagnato.

Kennedy ha battuto il suo record australiano due volte mentre raggiungeva l’oro. Tuttavia, Moon non si è lasciato scoraggiare e ha eguagliato ogni volta lo sforzo dell’australiano. Kennedy ha respinto la palla per la prima volta a 4,85 me un ultimo audace tentativo a 4,90 m. In ogni caso, Moon ha seguito le sue orme.

pazzo: Lo spettacolo brillante di Michel Genecke nel mezzo dello sgradevole dramma del torneo

“Io non credo ciò”: Sha Curry Richardson vince l’oro dei 100 milioni dopo uno scandalo

Poi ciascuno di loro ha effettuato tre divisioni senza successo a 4,95 metri. I due hanno avuto uno scontro quando Kennedy si è avvicinata esitante a Moon e le ha chiesto se voleva condividere l’oro.

Con sorpresa e gioia di Kennedy, Moon ha subito accettato in un bellissimo momento sportivo che ha messo in mostra l’atletismo del duo. “Siamo stati là fuori per molto tempo, spingendoci a vicenda al limite”, ha detto Kennedy dopo la medaglia.

“Katie è la campionessa del mondo, è la medaglia d’oro olimpica, non pensavo che avrebbe voluto condividerlo e pensavo che forse avremmo dovuto continuare a saltare. Ma l’ho guardata e ho detto: “Ehi ragazza, forse dovresti mi piace.” Condividere questo?” E il sollievo, potevi vederlo sul suo viso e potevi vederlo sul mio ed era reciproco.

READ  Novak Djokovic ha sconfitto Holger Röhn nei quarti di finale dell'Open d'Italia

“È assolutamente incredibile condividere la medaglia d’oro con Katy Moon; siamo amiche da così tanto tempo.”

“Abbiamo iniziato a piangere”, ha ammesso Kennedy, dopo il momento storico che i due hanno celebrato insieme. La 26enne pensava di aver vinto la medaglia d’oro dopo aver superato 1,90 metri, un’impresa enorme.

Nina Kennedy si prepara.

Nina Kennedy (nella foto) ha vinto la medaglia d’oro ai Campionati del mondo di atletica leggera. (Foto di Arpad Koroc/Anadolu Agency tramite Getty Images)

E la 26enne australiana ha festeggiato con quello che pensava fosse oro, finché Moon non ha eguagliato il suo incredibile sforzo. Kennedy ha detto: “Si poteva dire dalla mia celebrazione alle 4.90 che pensavo fosse nella mia borsa, e ho detto sì, ce l’ho, e lei no.”

“Ho alzato le braccia in aria e poi ho saltato: penso che dimostri quanto sia feroce la sua concorrenza. È la capra di questo sport, quindi la rispetto.”

Gli appassionati di atletica leggera stanno perdendo terreno a causa dell’impresa di Nina Kennedy

I fan di tutto il mondo sono rimasti entusiasti di Kennedy e hanno elogiato la sportività tra i due ai Campionati del mondo.

Dopo l’evento, Moon ha elogiato Kennedy dopo aver riconosciuto che l’incontro è avvenuto in circostanze difficili. “Che lotta”, ha detto.

“Quando è diventato chiaro che eravamo solo io e Nina, lo spettacolo era appena iniziato. Penso che ci siamo motivati ​​a vicenda.

“Quando ha fatto un bel tentativo di salire, anch’io volevo farlo subito. È stato faticoso ma ne è valsa la pena.” La medaglia di bronzo è andata alla finlandese Wilma Murto, con la migliore distanza di 4,80 metri.

READ  Max Allegri prende di mira Ronaldo insistendo sul fatto che la Juventus ora è "più di una squadra"

Moon è una dei soli otto saltatori a saltare più in alto di quanto lei e Kennedy abbiano fatto a Budapest, una lista guidata dalla leggendaria russa Yelena Isinbayeva, il cui record mondiale di 14 anni è di 5,06 metri.

Kennedy è ora al nono posto nella classifica di tutti i tempi.

Sottoscrizione alla Newsletter Segna le più grandi storie sportive della settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *