Jeffrey Clark, che ha difeso le accuse di frode elettorale, blocca il comitato della Camera il 6 gennaio

Invece, Clarke ha fornito una lettera del suo avvocato, Harry MacDougald, in cui affermava di non poter testimoniare fino a quando la corte non avesse dichiarato che le sue interazioni con l’ex presidente Donald Trump non erano protette dal privilegio avvocato-cliente o dal privilegio esecutivo.

“Ha pochissimo tempo per riconsiderare e cooperare pienamente”, ha detto il democratico del Mississippi. “Abbiamo bisogno delle informazioni che sta nascondendo e siamo pronti a intraprendere azioni forti per ritenerlo responsabile dell’adempimento dei suoi obblighi”.

“È sorprendente che qualcuno che ha recentemente ricoperto un incarico di pubblica fiducia a sostegno della Costituzione si nasconda ora dietro vaghe pretese di privilegio da parte di un ex presidente, rifiutandosi di rispondere alle domande su un attacco alla nostra democrazia e continuando ad attaccare il governo di legge”, ha detto Thompson.

McDougald, un avvocato con sede ad Atlanta, in precedenza ha lavorato a cause legali pro-Trump che hanno portato ad accuse infondate di frode elettorale.

Ha lavorato con l’ex avvocato dell’ex presidente Donald Trump Sydney Powell in una causa contro il governatore repubblicano della Georgia Brian Kemp e il segretario di Stato Brad Ravensberger volta ad annullare la vittoria di Joe Biden nello stato.

È stato tra le dozzine di cause fallite intentate dal team legale di Trump dopo aver perso le elezioni nel tentativo in tribunale di guadagnare slancio sulla frode elettorale.

Clarke è stato uno dei funzionari del Dipartimento di Giustizia che ha esercitato pressioni per perseguire accuse infondate di frode elettorale nelle settimane successive alle elezioni di novembre e, secondo i funzionari che hanno interagito con lui, è stato ripetutamente in contatto con Trump.

Finora, Clark è uno dei pochi funzionari dell’amministrazione Trump al momento a ricevere un mandato di comparizione dal Congresso. L’apparizione di Clarke è stata ritardata fino a venerdì dopo che ha rotto con un avvocato che lo aveva preparato per la Camera dei Rappresentanti la scorsa settimana.

L’apparizione è durata circa un’ora e mezza, durante la quale Clarke e il suo avvocato sarebbero entrati e usciti dalla stanza in diverse occasioni. Né Clarke né McDougald hanno risposto alle domande quando se ne sono andati.

READ  Gli Stati Uniti hanno riunito 4 famiglie disperse al confine con il Messico all '"inizio" di uno sforzo più ampio

Entrando in udienza, Clark non ha descritto il suo livello di collaborazione con la commissione.

“Sto andando”, ha detto Clark alla CNN venerdì mattina mentre entrava in un edificio per uffici.

“Il signor Clark è soggetto a una sacra fiducia – particolarmente vitale per la separazione costituzionale dei poteri”, ha scritto l’avvocato di Clark nella sua lettera di 15 pagine. Di conseguenza, ogni tentativo – sia della Camera dei Rappresentanti che del presidente in carica – di invadere questo regno di segretezza deve essere contrastato”.

McDougald ha anche fatto riferimento alla causa di Trump, che cerca di impedire alla commissione di ottenere più di 700 documenti relativi al 6 gennaio. Ha suggerito che la commissione rinviasse la sua richiesta per la testimonianza di Clark fino a quando quella causa non fosse stata risolta. giovedi Un giudice federale ha ascoltato le argomentazioni in questo caso È apparso profondamente scettico sulla capacità di Trump di impedire ai legislatori di ottenere prove rilevanti per le loro indagini.

In precedenza, Trump non ha cercato di impedire agli ex funzionari del Dipartimento di Giustizia di parlare con i membri del Congresso delle sue buffonate nelle frodi elettorali, e Clark non sembra avere alcun ampio scudo per i privilegi esecutivi a sua disposizione. Tuttavia, altri funzionari della Casa Bianca di Trump hanno rinviato la loro testimonianza e Trump è già in tribunale sostenendo di mantenere segreti i documenti della sua presidenza.

Come simpatizzante delle teorie del complotto sulle frodi elettorali, Clark è diventato la risorsa più utile di Trump all’interno del Dipartimento di Giustizia nei giorni precedenti al 6 gennaio. Intervenire in Georgia per mettere da parte i risultati del voto in modo da orientare il Paese verso Trump.

Quando i capi di Clark hanno appreso dei suoi complotti con Trump all’inizio di gennaio, hanno minacciato di dimettersi in massa.

Il rappresentante democratico Jimmy Raskin, un membro del comitato che è stato anche direttore della Camera per l’impeachment di Trump relativo alla data del 6 gennaio, in precedenza aveva dichiarato alla CNN di essere “molto entusiasta” della testimonianza di Clark.

“Clark ha avuto molto a che fare con questo piano per il 6 gennaio, e apparentemente stava anche cercando di diventare il procuratore generale, il che ha portato un buon numero di avvocati a dire che si sarebbero dimessi immediatamente”, ha detto Raskin durante il periodo Watergate. ”

READ  Sulla scia della morte di 'Gabi Pettito', le donne che vivono a Van condividono le loro esperienze e come stare al sicuro sulla strada.

Raskin ha affermato che la commissione è interessata a conoscere eventuali sforzi dietro le quinte del Dipartimento di Giustizia per opporsi alla certificazione del voto del Collegio elettorale, un processo che è stato interrotto quando i sostenitori di Trump hanno spazzato violentemente il Campidoglio.

Rapporto del Centro del Senato

In precedenza, la commissione giudiziaria del Senato ha pubblicato il suo lungo rapporto del personale che descrive in dettaglio come Trump e i suoi alleati hanno fatto pressione sul Dipartimento di Giustizia per annullare le elezioni del 2020. In questo rapporto di quasi 400 pagine, il nome di Clark è apparso più di 200 volte e lo identifica come il cardine cifra per l’agenzia che aiuta Trump, secondo altri testimoni del Dipartimento di Giustizia.

In una scena particolarmente toccante, il rapporto racconta una telefonata del 26 dicembre ricevuta da Clarke dall’allora procuratore generale Jeffrey Rosen, che ha parlato a lungo con il comitato del Senato. Rosen voleva sapere perché Trump ha menzionato Clark in una precedente telefonata. Quando Clark ha detto a Rosen di aver incontrato in precedenza Trump, ha descritto Rosen come “stordito”.

La commissione giudiziaria del Senato, che non ha intervistato Clark nelle sue indagini, ha descritto molti altri funzionari eletti, avvocati che lavorano con Trump e persino dipendenti di grado inferiore del Dipartimento di Giustizia che sembravano sostenere gli sforzi di Clark presso il Dipartimento di Giustizia.

Il rapporto del Senato fa anche riferimento a un incontro poco prima del giorno di Natale in cui Trump ha incontrato Clark e i membri repubblicani del Congresso alla Casa Bianca.

Ma il rapporto non è stato in grado di determinare l’entità del coordinamento tra i teorici delle frodi elettorali senza vedere testimoni della cerchia ristretta come Clark.

note scritte a mano

Oltre alle personalità che circondano Trump, note scritte a mano su una discussione del 27 dicembre tra il presidente e alti funzionari del Dipartimento di Giustizia documentano che Trump ha affermato di volere che Clark assumesse un ruolo di leadership e che i repubblicani del Congresso potrebbero promuovere le teorie di Trump sulla frode elettorale. Al momento della spinta di Clark, il Dipartimento di Giustizia aveva già stabilito che le teorie sulla frode elettorale erano in gran parte infondate.

READ  Numero superiore al normale di uragani atlantici previsto per la stagione 2021

Il Senato ha scritto che il riferimento di Trump a Clark, un avvocato ambientale che ha temporaneamente prestato servizio come responsabile del contenzioso civile presso la giustizia, ha “sorpreso” l’allora vice procuratore generale Richard Donoghue “perché Clark non aveva nulla a che fare con le responsabilità dell’EMB”. , citando la testimonianza di Donoghue davanti alla commissione.

Separatamente, Perry ha parlato con Donoghue anche di Clark, dicendo a Donoghue che ama Clark e crede che Clark possa “fare qualcosa al riguardo”, ha osservato la commissione giudiziaria del Senato, citando ancora una volta la testimonianza di Donoghue.

Entro il nuovo anno, Clark ha richiesto un briefing dell’intelligence sull’interferenza elettorale e ha inviato a Dunno la sua proposta per il Dipartimento di Giustizia per annunciare le indagini sul voto in Georgia.

Lui e la dirigenza del Dipartimento di Giustizia hanno incontrato Trump il 3 gennaio. In quell’incontro, Donoghue e altri dissero a Trump che ci sarebbero state dimissioni di massa al Dipartimento di Giustizia se il presidente avesse licenziato il procuratore generale ad interim e avesse nominato Clark al suo posto.

Tutte le azioni di Clarke sono arrivate alla fine di dicembre, “in seguito a contatti personali con Trump, incluso almeno un incontro a cui Clark ha partecipato nello Studio Ovale all’insaputa della dirigenza del Dipartimento di Giustizia”, ​​ha scritto la Commissione Giustizia del Senato.

Ma non sono stati in grado di spiegare esattamente cosa ha detto Trump. Quel lavoro potrebbe essere lasciato agli investigatori della Camera.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

Correzione: una versione precedente del titolo e della storia riportava in modo errato il nome di Jeffrey Clark.

Ryan Nobles, Annie Grayer, Melanie Zanona, Whitney Wilde, Paula Reed e Holmes Lybrand della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *