Jannik Sinner ha messo in guardia dai pericoli di “troppa intolleranza” da parte del campione dello Slam

Jannik Sinner ha messo in guardia dai pericoli di “troppa intolleranza” da parte del campione dello Slam


Adriano Panatta, l'ex numero quattro del mondo, ha annunciato di aver visto “molto fanatismo” attorno al connazionale Jannik Sinner, e ha detto che “alcune cose dovrebbero essere prese con più leggerezza”.

Il vincitore dell'Open di Francia del 1976 ritiene che “non ci sia bisogno” di questo livello di attenzione e ha avvertito che potrebbe interferire con “l'educazione, la maturità e la gestione dello stress” di Sinner.

Sinner è già diventato una grande star nel mondo del tennis e si sta affermando come uno dei maggiori eroi sportivi in ​​Italia grazie alla sua incredibile ascesa negli ultimi sei mesi.

Il 22enne è diventato il terzo giocatore e il quinto giocatore italiano in assoluto a vincere un titolo del Grande Slam in singolo dopo aver vinto gli Australian Open 2024 a gennaio.

L'italiano ha conquistato il suo terzo titolo di quella che è stata finora un'impressionante stagione 2024 al Miami Open la scorsa settimana, battendo Grigor Dimitrov in finale. La sua vittoria lo ha portato al secondo posto nel mondo in carriera, la posizione più alta mai raggiunta da un giocatore italiano.

Per saperne di più: “Jannik Sinner non potrà mai togliermi un solo record”, dice il grande del tennis.

Panatta, che ha vinto 10 titoli ATP durante una carriera che va dal 1969 al 1983, ha elogiato la prestazione di Sinner a Miami e ha detto che la sua forma migliore al momento non ha eguali.

“A Miami ha vinto in modo così netto da essere quasi disorientante. Era così forte e tirava così forte che Dimitrov non ha giocato. Non riesco a pensare a niente che il bulgaro avrebbe potuto fare per contenerlo”. ubicazione.

E aggiunge: “Tra semifinale e finale ha dimostrato di essere in un'altra categoria in questo momento”.

READ  Destinazioni (sconosciute) da scoprire in Italia

Il grande italiano, che ha aiutato il suo paese a vincere la prima Coppa Davis nel 1976, ha espresso preoccupazione per l'impatto che la crescente popolarità di Sinner potrebbe avere.

“In Italia abbiamo un campione che è abituato molto bene. Certo, adesso sono tutti tennisti, ma questo è positivo per il movimento, anche se a volte vedo molto fanatismo attorno a Sinner. Non ce n'è bisogno, “disse Panatta.

E aggiunge: “Alcune cose vanno prese alla leggera, a volte vedo molta intolleranza intorno a lui. Non ce n'è bisogno perché rischia di andare contro l'educazione, la maturità e la gestione delle pressioni di Yannick”.

“Stiamo parlando di un ottimo modello, tante persone lo prendono come modello e quello che gli succede non capita tutti i giorni.

“Quindi per noi la sua vita privata non conta e non mi permetto mai di dare giudizi positivi o negativi sulla vita di qualcuno. Non siamo tutti uguali. Ogni giocatore ha la sua anima, il suo carattere e la sua personalità.

Per saperne di più: Novak Djokovic afferma che “sembra già obsoleto” perché Jannik Sinner “ha inventato un nuovo gioco”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *