Israele risponde al fuoco dalla Siria con colpi di artiglieria e mortaio – World News

Israele risponde al fuoco dalla Siria con colpi di artiglieria e mortaio – World News

Aggiornato alle 13:20

L’esercito israeliano ha detto che stava rispondendo al fuoco siriano con colpi di artiglieria e mortaio.

Martedì l’esercito ha detto che proiettili non identificati sono stati lanciati dalla Siria e sembrano essere caduti in un’area aperta. Questa escalation arriva in un momento in cui Israele sta lanciando raid su Gaza in risposta a uno straordinario attacco di Hamas e mentre continua lo scontro a fuoco con Hezbollah libanese.

Non ci sono stati commenti immediati dalla Siria. L’Osservatorio siriano per i diritti umani, un osservatorio dell’opposizione con sede in Gran Bretagna, ha affermato che una fazione palestinese ha effettuato l’attacco missilistico dal territorio siriano.

Le organizzazioni umanitarie hanno chiesto la creazione di corridoi per fornire aiuti a Gaza, avvertendo che gli ospedali affollati di feriti stanno iniziando a rimanere senza scorte. Israele ha bloccato l’ingresso di cibo, carburante e medicine a Gaza, e l’unico ingresso rimasto dall’Egitto è stato chiuso martedì dopo attacchi aerei vicino al valico di frontiera.

Si prevede che la guerra, che ha causato la morte di almeno 1.900 persone da entrambe le parti, si intensificherà. L’attacco del fine settimana, che secondo Hamas era una ritorsione per il deterioramento delle condizioni dei palestinesi sotto l’occupazione israeliana, ha riacceso la determinazione di Israele a schiacciare il controllo del gruppo a Gaza, aumentando il rischio di un conflitto regionale più ampio.

I militanti di Hamas hanno preso d’assalto Israele sabato mattina, uccidendo centinaia di residenti nelle case e nelle strade vicino al confine di Gaza, scatenando scontri a fuoco nelle città israeliane per la prima volta da decenni. Israele afferma che Hamas e altri gruppi armati a Gaza tengono in ostaggio circa 150 soldati e civili.

Martedì Israele ha intensificato il suo attacco, espandendo la mobilitazione delle forze di riserva a 360.000 soldati, secondo i media israeliani. L’esercito israeliano ha annunciato martedì di aver ripreso il controllo effettivo sulle aree attaccate da Hamas nel sud e al confine di Gaza.

La domanda incombente è se Israele lancerà un’offensiva di terra contro Gaza – una striscia di terra di 40 chilometri (25 miglia) situata tra Israele, l’Egitto e il Mediterraneo, che ospita 2,3 milioni di persone e gestita da Hamas. Dal 2007.

READ  L'Ucraina risponderà a ogni colpo dopo i micidiali attacchi russi | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Martedì, gran parte del quartiere Rimal a Gaza City è stato ridotto in macerie dopo che gli aerei da guerra lo avevano bombardato per ore la notte prima. I residenti hanno trovato edifici squarciati a metà o distrutti in mucchi di cemento e armature. Le auto furono rase al suolo e gli alberi sulle strade residenziali bruciati trasformandosi in paesaggi lunari.


Originale 5:50

Martedì Israele ha bombardato il centro di Gaza City e ha ampliato una massiccia mobilitazione di soldati di riserva, giurando vendetta contro il gruppo islamico Hamas che ha lasciato i residenti della piccola area palestinese senza un posto dove andare.

Quattro giorni dopo che i combattenti di Hamas hanno preso d’assalto Israele, scatenando scontri a fuoco nelle sue strade per la prima volta da decenni, l’esercito israeliano ha dichiarato martedì mattina di aver ripreso il controllo effettivo del sud e del confine.

La guerra ha già causato la morte di almeno 1.600 persone da entrambe le parti – e forse diverse centinaia di più. Israele ha anche affermato che Hamas e altri gruppi armati a Gaza tengono in ostaggio più di 150 soldati e civili.

Si prevede che il conflitto si intensificherà da qui. Martedì, secondo i media israeliani, Israele ha ampliato la mobilitazione delle forze di riserva a 360.000 soldati.

Una delle domande chiave è se lancerà un attacco di terra contro Gaza, una piccola striscia di terra situata tra Israele, Egitto e il Mediterraneo, che ospita 2,3 milioni di persone e governata da Hamas dal 2007.

Mentre le agenzie delle Nazioni Unite lanciavano un appello per un corridoio umanitario per portare cibo e forniture mediche, l’esercito israeliano ha affermato di aver colpito centinaia di obiettivi durante la notte nel quartiere Al-Rimal di Gaza City, un quartiere esclusivo che ospita i ministeri gestiti da Hamas, nonché università. istituzioni mediatiche e uffici di organizzazioni umanitarie.

Le forze di protezione civile palestinese hanno tirato fuori Abdullah Musleh dal seminterrato di casa sua insieme ad altri 30 dopo che gli attacchi aerei avevano distrutto il loro edificio residenziale.

“Vendo giocattoli, non razzi”, ha detto piangendo il 46enne. “Voglio lasciare Gaza. Perché dovrei restare qui? Ho perso la casa e il lavoro”.

Dopo ore di continui attacchi, i residenti hanno lasciato le loro case all’alba per trovare alcuni edifici divisi in due a causa degli attacchi aerei, e altri trasformati in cumuli di cemento e armature. Le auto furono rase al suolo e gli alberi bruciati nelle strade residenziali trasformate in paesaggi lunari.

READ  Gli Stati Uniti ammettono 6 gravi reazioni allergiche dopo il vaccino Pfizer

La devastazione nella sabbia indica quella che potrebbe essere una nuova tattica israeliana: avvertire i civili di lasciare determinate aree e poi colpire quelle aree con un’intensità senza precedenti. Martedì pomeriggio, l’esercito ha iniziato a lanciare un nuovo avvertimento ai residenti di un altro quartiere di Gaza City di evacuare.

Se questi attacchi aerei continueranno, i civili a Gaza avranno meno posti a cui rivolgersi poiché sempre più quartieri diventeranno inabitabili – e potrebbero non essere in grado di fuggire.

Da quando Hamas ha preso il controllo della Striscia di Gaza, Israele ed Egitto hanno imposto severe restrizioni al flusso di merci nella Striscia di Gaza e alla circolazione delle persone all’interno e all’esterno della Striscia di Gaza.

Ora Israele dice che imporrà un assedio completo a Gaza, tagliando tutto il carburante, il cibo e l’elettricità. Nel frattempo, Hamas ha detto martedì che i raid israeliani hanno reso impraticabile il valico di Rafah verso l’Egitto – l’unica altra uscita con la parte israeliana chiusa.

I bombardamenti israeliani e le minacce di rovesciare Hamas hanno intensificato gli interrogativi sulla strategia e sugli obiettivi del gruppo. I leader di Hamas non hanno dichiarato pubblicamente se si aspettavano una feroce ritorsione israeliana – e il potenziale rischio di perdere gran parte delle infrastrutture governative del gruppo – quando hanno lanciato l’attacco del fine settimana.

In risposta agli attacchi aerei israeliani, il portavoce dell’ala militare di Hamas, Abu Ubaida, ha detto lunedì sera che il movimento ucciderebbe un prigioniero civile israeliano ogni volta che Israele prendesse di mira dei civili nelle loro case a Gaza “senza preavviso”.

Il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen ha messo in guardia Hamas dal fare del male agli ostaggi, dicendo: “Questo crimine di guerra non sarà perdonato”. Netanyahu ha nominato un ex comandante militare per gestire la crisi degli ostaggi e delle persone scomparse.

Più di 187.000 persone hanno lasciato le loro case a Gaza – il numero più alto dall’offensiva aerea e terrestre israeliana del 2014 che ha costretto allo sfollamento circa 400.000 persone, hanno detto martedì le Nazioni Unite.

READ  Alex Batty: La polizia avvia un'indagine per rapimento sulla scomparsa di un adolescente britannico

L’UNRWA, l’agenzia di soccorso delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, sta dando rifugio a più di 137.000 persone nelle scuole di tutto il territorio. Le famiglie ne hanno accolte circa altre 41.000.

L’esercito israeliano ha affermato che più di 900 persone sono già state uccise in Israele. A Gaza, secondo le autorità locali, sono state uccise 765 persone; Israele afferma che tra questi figurano centinaia di combattenti di Hamas. Migliaia sono rimasti feriti da entrambe le parti.

I corpi di quasi 1.500 combattenti di Hamas sono stati ritrovati in territorio israeliano, ma non è immediatamente chiaro se i numeri forniti martedì dai militari coincidano con le morti precedentemente riportate dalle autorità palestinesi.

L’attacco a sorpresa di Hamas nel fine settimana ha lasciato un bilancio delle vittime mai visto dalla guerra del 1973 con Egitto e Siria – e anche quelle morti si sono verificate in un periodo di tempo più lungo. L’attacco del fine settimana è stato notevole anche per il gran numero di morti civili.

Ciò ha portato a chiedere di schiacciare Hamas a tutti i costi, invece di continuare a tentare di sopprimerlo a Gaza. Israele guida il governo di destra più estremo mai visto, dominato da ministri che rifiutano fermamente la creazione di uno Stato palestinese.

Lunedì il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha ordinato l’imposizione di un “assedio completo” alla Striscia di Gaza.

Jan Egeland, segretario generale del Consiglio norvegese per i rifugiati, ha avvertito che il blocco porterebbe a un “assoluto disastro” per la popolazione di Gaza.

“Non c’è dubbio che la punizione collettiva viola il diritto internazionale”, ha detto all’Associated Press. “Se ciò provocasse la morte di bambini feriti negli ospedali a causa della mancanza di energia, elettricità e forniture, ciò potrebbe equivalere a crimini di guerra”.

Hamas si dice pronta per una lunga battaglia contro Israele. La disperazione è cresciuta tra i palestinesi, molti dei quali non vedono nulla da perdere sotto l’infinito controllo israeliano, il crescente saccheggio dei coloni in Cisgiordania, il blocco di Gaza e quella che vedono come l’indifferenza del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *