Quali paesi hanno tagliato i finanziamenti all’UNRWA e perché? | Notizia

Quali paesi hanno tagliato i finanziamenti all’UNRWA e perché?  |  Notizia

L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA), un’ancora di salvezza per due milioni di persone nella Striscia assediata, ha subito tagli ai finanziamenti dopo che Israele ha accusato diversi suoi dipendenti di coinvolgimento nell’attacco di Hamas del 7 ottobre.

Sabato le Nazioni Unite hanno dichiarato di aver licenziato nove dipendenti su 12 a causa delle accuse e si sono impegnate a ritenere i propri dipendenti responsabili, ma hanno espresso shock per la rapida riduzione dei finanziamenti da parte di molti paesi occidentali nel mezzo di una catastrofe umanitaria nella Gaza devastata dalla guerra. Quasi quattro mesi di guerra aerea e terrestre israeliana.

“Sarebbe altamente irresponsabile imporre sanzioni a un’agenzia e a un’intera comunità di cui è al servizio per accuse di atti criminali contro determinati individui, soprattutto in un periodo di guerra, sfollamenti e crisi politiche nella regione”, ha affermato Philippe Lazzarini, Direttore generale. dell'UNRWA. Sabato la dichiarazione.

Le Nazioni Unite e i funzionari palestinesi hanno chiesto che si continui a finanziare il “lavoro cruciale” dell’agenzia da quando le affermazioni sono state annunciate venerdì.

Ecco cosa c'è da sapere sulla controversia.

Cos’è l’UNRWA e chi la finanzia?

L'abbreviazione si riferisce all'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente. È stato istituito nel 1949 per soddisfare i bisogni di decine di migliaia di palestinesi che hanno subito la pulizia etnica delle loro case da parte delle milizie ebraiche provenienti da aree che attualmente fanno parte di Israele.

L’agenzia delle Nazioni Unite opera nella Cisgiordania occupata, a Gerusalemme Est e nella Striscia di Gaza, così come in Giordania, Libano e Siria, paesi confinanti dove i rifugiati palestinesi hanno trovato rifugio dopo la violenta espulsione conosciuta come Nakba.

Secondo il suo sito web, l’agenzia delle Nazioni Unite sostiene gli aiuti e lo sviluppo umano dei rifugiati palestinesi e lavora in numerosi campi.

Esempi di queste aree includono l’istruzione primaria e professionale, l’assistenza sanitaria di base, i servizi sociali e di soccorso, il miglioramento delle infrastrutture e dei campi, la microfinanza e la risposta alle emergenze.

READ  I fratelli Furat, che proteggevano la bandiera americana dai manifestanti palestinesi, raccolsero più di 300.000 dollari per il partito.

Secondo l'UNRWA, l'agenzia è finanziata quasi interamente attraverso contributi volontari, ad eccezione di un limitato sostegno da parte delle Nazioni Unite, che viene utilizzato esclusivamente per coprire i costi amministrativi.

Interattivo - Chi finanzia UNRWA-1706440410

L’agenzia afferma che il lavoro dell’UNRWA non può essere implementato senza i contributi sostenibili dei paesi di tutto il mondo e dell’Unione Europea, che hanno rappresentato il 94,9% dei contributi totali nel 2022.

Nel 2022, il 44,3% degli impegni totali dell’agenzia, ovvero 1,17 miliardi di dollari, proveniva dagli Stati membri dell’UE, che hanno contribuito con 520,3 milioni di dollari, compresi i fondi stanziati dalla Fondazione attraverso la Commissione europea.

Stati Uniti, Germania, Unione Europea e Svezia sono stati i maggiori donatori individuali nell'anno in questione, contribuendo con il 61,4% del finanziamento totale dell'agenzia.

Chris Gunness, ex portavoce dell'UNRWA, ha detto che l'agenzia delle Nazioni Unite ha solo poche settimane prima di esaurire i fondi stanziati per la sua cruciale opera di aiuto salvavita per i palestinesi di Gaza. Più di 26.000 palestinesi sono stati uccisi da quando Israele ha lanciato il suo attacco il 7 ottobre.

Ha aggiunto: “Il mio messaggio al mondo arabo, soprattutto al Golfo: dove siete? Perché guadagnano miliardi ogni giorno dai proventi del petrolio. Una piccola parte di questi proventi petroliferi farebbe scomparire i problemi finanziari dell'UNRWA da un giorno all'altro. “Questo divario inconcepibile creato da questi paesi occidentali verrà colmato molto rapidamente”, ha detto Gunness ad Al Jazeera.

“Alcune delle persone più disperate del Medio Oriente si trovano ora ad affrontare la carestia, ad affrontare la carestia, e i paesi arabi devono farsi avanti”.

Quali sono le accuse di Israele contro i dipendenti dell'UNRWA?

L'UNRWA ha dichiarato venerdì che le autorità israeliane hanno fornito all'agenzia informazioni sul presunto coinvolgimento di alcuni dipendenti dell'UNRWA nell'attacco del 7 ottobre.

Lazzarini, capo dell'UNRWA, ha dichiarato di aver immediatamente risolto i contratti di questi dipendenti e di aver aperto un'indagine per scoprire senza indugi la verità.

READ  Il capo dei vigili del fuoco dell'Iowa afferma che 1 persona è stata salvata durante la notte dal crollo di un edificio a Davenport - World News

Il Dipartimento di Stato americano si è detto profondamente turbato da queste accuse, che riguardavano 12 dipendenti dell'UNRWA.

L'agenzia delle Nazioni Unite è da tempo sotto attacco da parte di Israele. Sabato il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz ha invitato Lazzarini a dimettersi dal suo incarico.

“Signor Lazzarini, si dimetta, per favore”, ha scritto Katz sulla piattaforma dei social media

Gunness, ex portavoce dell’UNRWA, ha affermato che c’è stato un “attacco politico coordinato” contro l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi.

Gli israeliani hanno affermato che non potranno vincere la guerra a Gaza a meno che l’UNRWA non venga sciolta. Allora qual è il segnale più chiaro che desideri? Lo ha detto ad Al Jazeera domenica.

Interattivo: i principali donatori smettono di finanziare UNRWA_1-1706440416
(Al Jazeera)

Quanto è importante l'UNRWA e cosa hanno detto i funzionari delle Nazioni Unite?

L’UNRWA è il più grande attore umanitario a Gaza e, secondo l’agenzia, circa 3.000 dei 13.000 dipendenti presenti a Gaza continuano a lavorare nonostante la guerra.

Lazzarini dell'UNRWA ha affermato che due milioni di persone su circa 2,3 milioni di abitanti di Gaza dipendono dalle operazioni umanitarie dell'agenzia.

“Sono scioccato dal fatto che tali decisioni siano state prese sulla base del presunto comportamento di un piccolo numero di individui”, ha detto il direttore dell’UNRWA sul sito web X. “Mentre la guerra continua, i bisogni si aggravano e la carestia incombe”.

“I palestinesi di Gaza non avevano bisogno di questa ulteriore punizione collettiva. “Questo ci macchia tutti.”

Il funzionario delle Nazioni Unite ha aggiunto che l’agenzia gestisce rifugi per più di un milione di persone e fornisce cibo e assistenza sanitaria di base anche al culmine delle ostilità.

Nel frattempo, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato che le decine di migliaia di persone che lavorano per l’UNRWA, molte delle quali si trovano in alcune delle situazioni più gravi, non dovrebbero essere punite per le ultime accuse.

READ  6 motivi per cui l'autunno è il periodo migliore per visitare questa regione d'Europa sottovalutata

“I terribili bisogni delle popolazioni disperate che servono devono essere soddisfatti”, ha affermato.

Quali paesi hanno tagliato i finanziamenti all’UNRWA? Quale è stato?

L’ondata di sospensioni dei finanziamenti con gli Stati Uniti è iniziata venerdì, subito dopo l’annuncio dell’indagine.

Canada, Australia, Gran Bretagna, Germania, Italia, Paesi Bassi, Svizzera e Finlandia si sono uniti a Washington negli ultimi due giorni.

Nel frattempo, il Ministero degli Esteri francese ha annunciato che la Francia non prevede di effettuare un nuovo pagamento per l’UNRWA nel primo trimestre del 2024, ma deciderà quando sarà il momento, quali azioni intraprendere insieme alle Nazioni Unite e ai suoi principali donatori.

Tuttavia, Irlanda e Norvegia hanno espresso il loro continuo sostegno all’UNRWA, affermando che l’agenzia sta svolgendo un lavoro cruciale per aiutare i palestinesi sfollati che hanno un disperato bisogno di assistenza a Gaza.

Una dichiarazione rilasciata dal governo norvegese afferma: “Dobbiamo distinguere tra ciò che i singoli individui possono fare e ciò che rappresenta l'UNRWA”, aggiungendo che decine di migliaia di dipendenti dell'organizzazione a Gaza, in Cisgiordania e nella regione svolgono un “ruolo fondamentale. ” Nella distribuzione degli aiuti, nel salvataggio di vite umane e nella protezione dei bisogni e dei diritti fondamentali.

“L’Irlanda non ha intenzione di sospendere i finanziamenti per il lavoro vitale dell’UNRWA a Gaza”, ha scritto su X il ministro degli Esteri irlandese Michael Martin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *