Morto a 98 anni l’ex senatore americano Bob Dole

Bob Dole, che ha superato gravi ferite di guerra per diventare un leader del Senato degli Stati Uniti dalla lingua tagliente del Kansas, un candidato repubblicano alla presidenza e poi un simbolo e una celebrazione della sua generazione in diminuzione di veterani della seconda guerra mondiale, è morto. Aveva 98 anni.

Sua moglie, Elizabeth Dole, ha pubblicato l’annuncio domenica su Twitter.

Dole ha annunciato nel febbraio 2021 che gli era stato diagnosticato un cancro ai polmoni allo stadio 4.

Durante i suoi 36 anni di carriera al Campidoglio, Dole è diventato uno dei legislatori e leader di partito più influenti al Senato, combinando un talento per il compromesso con un ingegno scattante, che spesso si è rivolto contro se stesso ma non ha esitato a rivoltarsi contro gli altri, pure.

Ha formulato politica fiscale, politica estera, programmi agricoli e nutrizionali e diritti dei disabili, sancisce protezioni contro la discriminazione nel lavoro, nell’istruzione e nei servizi pubblici nell’American with Disabilities Act.

Gli uffici statali, i parchi nazionali accessibili oggi, le rampe sui marciapiedi e gli interpreti della lingua dei segni in occasione di eventi locali ufficiali sono solo alcune delle caratteristiche distintive più visibili della sua eredità e di quella dei suoi colleghi legislatori che ha riunito per una legislazione completa sui diritti civili 30 anni fa.

READ  Kristen Lee: L'MI5 del Regno Unito afferma che una donna legata al Partito Comunista Cinese "cerca di interferire di nascosto nella politica del Regno Unito"

Avvocato veterani feriti

Dole ha dedicato i suoi ultimi anni alla causa dei veterani feriti e dei loro compagni caduti al cimitero nazionale di Arlington e alla commemorazione della generazione in declino dei veterani della seconda guerra mondiale.

Migliaia di veterani si sono radunati nel National Mall nel 2004 per quella che Dole, parlando alla cerimonia di inaugurazione del Memoriale della Seconda Guerra Mondiale, ha descritto come “la nostra ultima riunione”. È stata una forza trainante nella sua creazione.

Dole, un veterano della Seconda Guerra Mondiale ed ex senatore, partecipa a una celebrazione della Giornata dei veterani al National World War II Memorial a Washington, DC, l’11 novembre 2016. (Olivier Doolery/AFP/Getty Images)

All’epoca disse: “I nostri ranghi sono diminuiti”. “Tuttavia, se ci riuniamo al tramonto, è illuminato dalla consapevolezza che abbiamo mantenuto la nostra fiducia nei nostri compagni”.

Dole molto tempo fa ha lasciato il Kansas e ha fatto la sua vita a Washington, D.C., al centro del potere e poi nella sua ombra dopo il suo ritiro, vivendo tutto il tempo nello storico complesso del Watergate. Quando ha lasciato la politica e si è unito allo studio legale di importanti democratici, ha scherzato sul fatto che ha portato il suo cane al lavoro, così ha avuto un altro repubblicano con cui parlare.

Bill Clinton ha perso le elezioni

Tre volte ha cercato di diventare presidente. Il più recente è stato nel 1996, quando ha vinto la nomination repubblicana solo per vedere Bill Clinton rieletto presidente. Ha cercato la nomina presidenziale del suo partito nel 1980 e nel 1988 ed è stato il candidato repubblicano alla vicepresidenza nel 1976 sul biglietto perdente con l’allora presidente Gerald Ford.

Dole, a sinistra, alza il pollice mentre il presidente Bill Clinton saluta il pubblico dopo un dibattito presidenziale a Hartford, nel Connecticut, il 6 ottobre 1996. (Reuters)

Attraverso tutto ciò ha portato il segno della guerra. Accusato di una posizione tedesca nel nord Italia nel 1945, Dole fu colpito da una scheggia di un proiettile che frantumò due vertebre e gli paralizzò braccia e gambe. Il giovane comandante di plotone dell’esercito ha trascorso tre anni di convalescenza in ospedale e non ha mai ripreso l’uso della mano destra.

Per evitare di mettere in imbarazzo coloro che cercavano di stringergli la mano destra, Dole teneva sempre la penna e allungava la mano sinistra.

Bitchy con i concorrenti, incluso Bosch

Dole può essere spietato con i suoi rivali, siano essi democratici o repubblicani. Quando George HW Bush lo sconfisse nelle primarie repubblicane del New Hampshire del 1988, Dole disse: “Smettila di mentire sul mio record”. Se questo impallidisce accanto agli insulti incendiari nell’arena politica di oggi, all’epoca era scioccante.

Ma quando Bush è morto nel dicembre 2018, le vecchie rivalità sono state dimenticate quando Dole è apparso davanti alla bara di Bush nella Rotonda del Campidoglio. Quando un aiutante lo sollevò dalla sedia a rotelle, il malato e triste Dole si sistemò lentamente e subito salutò il suo avversario con la mano sinistra, con il mento tremante.

Dole, a sinistra, siede con l’ex presidente George H.W. Bush e l’ex first lady Barbara Bush la seconda notte della Convention nazionale repubblicana 2004, al Madison Square Garden di New York il 31 agosto 2004. (Gary Hirschhorn/Reuters)

In un dibattito alla vicepresidenza due decenni fa con Walter Mondale, Dole descrisse coraggiosamente tutte le guerre americane di quel secolo come “guerre democratiche”. Mondel ha risposto dicendo che Dole aveva “guadagnato riccamente la sua reputazione di uomo di rancore”.

Inizialmente Dole ha negato di aver detto ciò che aveva appena detto in pubblico, poi ha ritrattato e alla fine ha ammesso di essere andato troppo oltre. “Dovevo andare alla giugulare”, ha detto, “e l’ho fatto… mio.”

Intimi amici con Biden

Nonostante tutti i suoi modi audaci, credeva profondamente nel Senato come istituzione e godeva del rispetto e persino dell’affetto di molti democratici. Pochi giorni dopo che Dole ha annunciato la sua grave diagnosi di cancro, il presidente Joe Biden lo ha visitato a casa sua per augurargli ogni bene. La Casa Bianca ha detto che i due erano amici intimi dai loro giorni al Senato.

Dole ha vinto un seggio al Congresso nel 1960, rappresentando l’area a ovest di Kansas House. Si trasferì al Senato otto anni dopo, quando il repubblicano Frank Carlson si ritirò.

Dole, ex leader della maggioranza al Senato, parla a destra, dopo essere stato insignito del McGovern Dole Leadership Award dall’allora vicepresidente Joe Biden, per onorare la sua leadership nella lotta contro la fame, durante una cerimonia a Washington l’11 dicembre 2013. (Manuel Balcy Cinita/The Associated Press)

Lì, ha inimicato i suoi colleghi del Senato con una retorica ferocemente partigiana e sarcastica, per volere dell’allora presidente Richard Nixon. Kansan fu premiato per la sua lealtà presiedendo il Comitato nazionale repubblicano nel 1971, prima che la presidenza di Nixon crollasse nello scandalo Watergate.

Ha servito come presidente di commissione, leader di maggioranza e leader di minoranza al Senato negli anni ’80 e ’90. In tutto, è stato il leader repubblicano al Senato per quasi 11 anni e mezzo, un record fino a quando il senatore del Kentucky Mitch McConnell lo ha battuto nel 2018. È stato durante questo periodo che si è costruito la reputazione di legislatore intelligente e pragmatico. , instancabile nelle concessioni artigianali.

Promosso un disegno di legge per ridurre il deficit

Dopo che i repubblicani ottennero il controllo del Senato, Dole divenne presidente della commissione delle finanze per scrivere le tasse e ottenne il plauso dei falchi del deficit e di altri per la sua gestione della legge fiscale del 1982, in cui persuase la Casa Bianca di Ronald Reagan ad andare avanti con un $ 100 miliardi di aumento dei ricavi. ridurre il deficit del bilancio federale.

Ma alcuni dei repubblicani più conservatori erano sgomenti che Dole avesse spinto per tasse più alte. Il deputato georgiano Newt Gingrich lo ha descritto come un “esattore delle tasse dello stato sociale”.

Dole è diventato leader del Senato nel 1985 e ha servito come leader di maggioranza o minoranza, a seconda di quale partito era in carica, fino a quando non si è dimesso nel 1996 per dedicarsi al perseguimento della presidenza.

I Democratici hanno spinto Medicare nella recente campagna

Quella campagna, l’ultima di Dole, fu piena di problemi fin dall’inizio. I suoi soldi sono finiti in primavera e gli annunci democratici hanno dipinto il candidato repubblicano e il presidente della Camera del partito, Gingrich, con lo stesso pennello: i repubblicani sono fuori per sbarazzarsi di Medicare. Clinton ha vinto con un ampio margine.

Ha anche affrontato domande sulla sua età mentre si candidava alla presidenza all’età di 73 anni, molto prima che Biden fosse eletto settimane prima che compisse 78 anni nel 2020.

Robert Joseph Dole è nato il 22 luglio 1923 a Russell, una regione agricola e petrolifera nel Kansas occidentale. Ha frequentato l’Università del Kansas per due anni prima di arruolarsi nell’esercito nel 1943.

Dole incontrò Phyllis Holden, una terapista in un ospedale militare, dove si stava riprendendo dalle ferite di guerra riportate nel 1948. Si sposarono ed ebbero una figlia, Robin. La coppia si separò nel 1972.

Ha incontrato la sua seconda moglie, Elizabeth Hanford, mentre lavorava alla Casa Bianca di Nixon, e si sono sposati nel 1975. Ha corso senza successo per la nomina presidenziale repubblicana nel 2000, poi ha servito per il Senato della Carolina del Nord.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *